21 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 31/03/2012, 00.00

    PAKISTAN

    Faisalabad, la battaglia di una donna cristiana per i figli e la libertà religiosa

    Shafique Khokhar

    Hanifan Bibi è stata segregata in casa dal marito, convertito all’islam in seguito a un rapporto extraconiugale con una donna musulmana. Egli voleva spodestarla della casa comprata con il denaro guadagnato dalla moglie. L’intervento degli attivisti di Ncjp ha reso giustizia. Ora il tribunale valuterà il risarcimento civile.

    Faisalabad (AsiaNews) - Ha combattuto una dura battaglia contro il marito, che voleva cacciarla dalla casa che lei ha costruito nel tempo grazie ai soldi guadagnati a fatica col proprio lavoro, mentre l'uomo - convertito all'islam nel novembre 2011 - trascorreva il proprio tempo fra donne e bevute. La tenacia di Hanifan Bibi e il sostegno degli attivisti di Ncjp hanno permesso alla donna di ottenere giustizia in tribunale: continuerà a beneficiare dell'abitazione assieme ai figli, in attesa della decisione del giudice civile di Faisalabad, che deve valutare l'istanza di separazione e l'assegno di mantenimento. 

    È una storia di ordinaria sofferenza, di abusi e sopraffazioni quella che emerge dal racconto di Hanifan Bibi (nella foto), 37enne cristiana, madre di due figli, nata e cresciuta in una famiglia povera di Gurala Dajkot, nel distretto di Faisalabad (Punjab). Per anni il marito ha usato violenza contro di lei, abbandonandola sola, a casa con  i bambini, per andare a sperperare fra bevute, donne e bagordi il denaro guadagnato a fatica dalla moglie. E quanto tornava, nei brevi periodi, la situazione non migliorava perché egli la picchiava con brutalità.

    Tuttavia, la realtà è precipitata quando quattro mesi fa il marito Sarwar Masih ha deciso di convertirsi all'islam, prendendo il nome di Muhammad Sarwar, in seguito a un rapporto extraconiugale in corso da tempo con una donna musulmana, Nasreen Bibi. "Visto che non ho deciso di cambiare fede come lui - racconta ad AsiaNews Hanifan - egli mi ha segregata in casa" e dal 10 marzo si è ritrovata prigioniera fra le mura domestiche.

    Muhammad Sarwar dopo aver recluso la moglie, l'ha denunciata per possesso illegale della casa. Con la collaborazione di un gruppo di famiglie musulmane ha avviato una causa in tribunale e minacciato più volte la donna nel caso in cui avesse opposto resistenza.

    Interpellati da AsiaNews, cristiani e musulmani della zona confermano che l'uomo è una persona "spregevole che non merita fiducia", perché "coinvolto in atteggiamenti disonesti" e che non ha mai voluto lavorare e contribuire al sostentamento della famiglia. Al contrario Hanifan è impiegata da tempo come domestica, "porta a casa il denaro necessario a sfamare la famiglia" e garantire una vita decorosa ai figli.

    Venuti a conoscenza della vicenda, gli attivisti della Commissione nazionale di Giustizia e Pace (Ncjp) della Chiesa cattolica di Faisalabad sono intervenuti a difesa della donna. Essi hanno ottenuto l'archiviazione del processo a carico di Harifan, mentre i giudici hanno aperto una causa civile contro l'uomo per la separazione e il risarcimento. "Continuo a ricevere minacce dal mio ex marito e dai suoi compagni musulmani" confessa ad AsiaNews Hanifan Bibi, ma resta salda nella fede e nel proposito di vedere riconosciuti i propri diritti.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    19/10/2015 PAKISTAN
    Braccati e minacciati di morte: il dramma di una famiglia pakistana convertita al cristianesimo
    Dal 2006 la coppia, con due figli, è oggetto di persecuzioni da parte di esponenti della comunità musulmana. Dietro gli attacchi la decisione della donna di abbracciare la fede del marito. A nulla sono valse le denunce alla polizia. Dopo anni di traslochi e fughe, ora la famiglia vive in un luogo nascosto. Attivisti pro-diritti umani: "Garantire diritti e libertà religiosa, come da Costituzione".

    06/08/2011 PAKISTAN
    Punjab, violenze anticristiane: convertita a forza all’islam e costretta a sposare il rapitore
    Mariam Gill è stata rapita mentre si trovava al mercato. Il padre e il fratello hanno sporto denuncia, ma la polizia non è intervenuta perché il rapitore “è un rispettabile uomo d’affari musulmano”. Leader islamico: ha agito secondo la Shariah, gesto nobile. Vescovo di Islamabad: “crescita allarmante” delle conversioni forzate.

    08/04/2013 PAKISTAN
    Punjab, conversione all’islam o morte: da oltre 20 anni l’incubo di una famiglia cristiana
    Dalla fine degli anni ’80 Sadiq Masih Zafar e i suoi parenti vivono sotto la costante minaccia di gruppi islamisti. Nel 1998 una delle figlie è stata vittima di sequestro e ferita in modo grave. Oggi una sorella rischia analoga sorte. Nonostante le denunce, la polizia non è mai intervenuta. Sacerdote a Lahore: gli estremisti godono di impunità.

    09/10/2012 PAKISTAN
    Faisalabad: 24enne cristiana rapita, costretta a convertirsi all’islam e sposare l’aguzzino
    Shumaila Bibi sequestrata dal 26enne musulmano Muhammad Javed Iqbal sulla via di casa. Per giorni ha dovuto subire abusi a sfondo sessuale e studio del Corano. Con un pretesto è riuscita a fuggire e a tornare dalla famiglia. Il suo rapitore ha denunciato il padre della ragazza per “sequestro di persona”. Il futuro di Shumaila appeso a un filo.

    12/05/2011 PAKISTAN
    Punjab: infermiera cristiana sequestrata, costretta a convertirsi e a sposare un musulmano
    Farah Hatim, 24 anni, è stata rapita e obbligata a diventare musulmana. La famiglia ha denunciato il fatto, ma polizia e politici locali “coprono” i criminali. Avvocato e attivista: violazioni procedurali nella “testimonianza” resa dalla ragazza al giudice. Sacerdote cattolico: tasso “allarmante” di violenze anticristiane nella zona.



    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®