13/12/2011, 00.00
PAKISTAN

Faisalabad: cristiani e musulmani, uniti, invocano “diritti umani per tutti”

di Shafique Khokhar
In concomitanza con la Giornata universale per i diritti umani, celebrata il 10 dicembre, oltre 150 persone hanno aderito a una marcia di sensibilizzazione. In tutto il Pakistan si sono tenuti incontri, mostre, seminari per veicolare un messaggio di “uguaglianza” e “unità nella diversità”. Attivista: la discriminazione alla radice di tutti i conflitti.
Faisalabad (AsiaNews) – Due organizzazioni cristiane di Faisalabad (nel Punjab) hanno promosso una marcia pacifica intitolata “Diritti umani per tutti”, cui hanno partecipato anche decine di musulmani ed esponenti della società civile. L’evento si è tenuto lo scorso 10 dicembre, in concomitanza con la Giornata universale per i diritti umani, durante la quale si sono ricordati i 63 anni dalla Dichiarazione universale dei diritti umani, uno dei più importanti obiettivi proposti dalle Nazioni Unite nella loro storia. Come nel resto del mondo, anche in Pakistan per tutta la giornata e in diverse aree del Paese si sono svolti seminari, conferenze, camminate, manifestazioni, gruppi di discussione, mostre, esibizioni, tavole rotonde per promuovere lo “spirito dei diritti umani”, il suo valore universale, veicolando al contempo il messaggio di “uguaglianza” fra tutti i cittadini e “unità nella diversità”.

La marcia di Faisalabad è stata promossa dalla fondazione Pace e sviluppo umano (PHD), diretta dall’attivista cristiano Suneel Malik, e dall’Associazione femminile per la consapevolezza e la motivazione (AWAM), guidata da Nazia Sardar, attivista cristiana per i diritti delle donne. La manifestazione ha preso il via al Circolo della stampa e si è conclusa, dopo aver sfilato in modo pacifico per le vie della città, alla Torre dell’orologio. In cima al corteo “Diritti umani per tutti” vi era la parlamentare Khalida Mansoor, che ha camminato assieme a 150 fra insegnanti, studenti, attivisti ed esponenti della società civile cristiani e musulmani.

Molte le sigle che hanno aderito all’iniziativa, fra cui la sezione locale della Commissione nazionale di Giustizia e pace della Chiesa cattolica (Ncjp), la Fondazione Harmony, il Movimento per il lavoro Qaumi, la sigla sindacale Freedom Bhatta e il Partito pakistano dei lavoratori. Ispirandosi alla Dichiarazione universale per i diritti umani, i manifestanti “armati” di soli cartelli e slogan (nella foto) hanno invocato pace, giustizia, dignità, libertà e uguaglianza per tutti, senza differenze interconfessionali, condannando senza mezzi termini corruzione, violenze e divisioni di sesso o religione in seno alla società pakistana.

Rivolgendosi ai partecipanti, la parlamentare Khalida Mansoor ha ricordato che la terra ospita “tutti gli esseri viventi” e per questo bisogna garantire pari importanza a ciascun individuo. “Il Pakistan ha sottoscritto i più importanti trattati Onu sui diritti umani – ricorda – ma le persone spesso ignorano i loro diritti. Per questo va promosso un movimento nazionale, per accrescere la consapevolezza”. Suneel Malik spiega che “crescono le violazioni ai diritti umani in Pakistan”, soprattutto a carico di donne, minoranze religiose, bambini e persone affette da disabilità. L’attivista Shazia George aggiunge che “la discriminazione” è la radice di tutti i conflitti e chiede che vengano banditi dalle scuole “i libri o altro materiale che fomentano l’odio”. Infine Nazia Sardar, femminista cristiana, che auspica maggiore protezione alle donne in famiglia e nei luoghi di lavoro, unito al riconoscimento dell’attività di “collaboratrice domestica” o contadina fra le mansioni che godono di tutela legale.
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Legge sulla blasfemia: vessazioni e violenze contro tutte le religioni
30/09/2004
Faisalabad: accusata di blasfemia, libera con l'aiuto di cristiani e musulmani
21/11/2011
Leader cristiano pakistano: per le minoranze, un partito forte e radicato
04/11/2011
Islamabad: primo (strano) arresto per l’omicidio del cattolico Shahbaz Bhatti
23/06/2011
Perplessità e sorpresa dei cristiani per il primo arresto nell’assassinio di Shahbaz Bhatti
23/06/2011