12 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 13/12/2011, 00.00

    PAKISTAN

    Faisalabad: cristiani e musulmani, uniti, invocano “diritti umani per tutti”

    Shafique Khokhar

    In concomitanza con la Giornata universale per i diritti umani, celebrata il 10 dicembre, oltre 150 persone hanno aderito a una marcia di sensibilizzazione. In tutto il Pakistan si sono tenuti incontri, mostre, seminari per veicolare un messaggio di “uguaglianza” e “unità nella diversità”. Attivista: la discriminazione alla radice di tutti i conflitti.
    Faisalabad (AsiaNews) – Due organizzazioni cristiane di Faisalabad (nel Punjab) hanno promosso una marcia pacifica intitolata “Diritti umani per tutti”, cui hanno partecipato anche decine di musulmani ed esponenti della società civile. L’evento si è tenuto lo scorso 10 dicembre, in concomitanza con la Giornata universale per i diritti umani, durante la quale si sono ricordati i 63 anni dalla Dichiarazione universale dei diritti umani, uno dei più importanti obiettivi proposti dalle Nazioni Unite nella loro storia. Come nel resto del mondo, anche in Pakistan per tutta la giornata e in diverse aree del Paese si sono svolti seminari, conferenze, camminate, manifestazioni, gruppi di discussione, mostre, esibizioni, tavole rotonde per promuovere lo “spirito dei diritti umani”, il suo valore universale, veicolando al contempo il messaggio di “uguaglianza” fra tutti i cittadini e “unità nella diversità”.

    La marcia di Faisalabad è stata promossa dalla fondazione Pace e sviluppo umano (PHD), diretta dall’attivista cristiano Suneel Malik, e dall’Associazione femminile per la consapevolezza e la motivazione (AWAM), guidata da Nazia Sardar, attivista cristiana per i diritti delle donne. La manifestazione ha preso il via al Circolo della stampa e si è conclusa, dopo aver sfilato in modo pacifico per le vie della città, alla Torre dell’orologio. In cima al corteo “Diritti umani per tutti” vi era la parlamentare Khalida Mansoor, che ha camminato assieme a 150 fra insegnanti, studenti, attivisti ed esponenti della società civile cristiani e musulmani.

    Molte le sigle che hanno aderito all’iniziativa, fra cui la sezione locale della Commissione nazionale di Giustizia e pace della Chiesa cattolica (Ncjp), la Fondazione Harmony, il Movimento per il lavoro Qaumi, la sigla sindacale Freedom Bhatta e il Partito pakistano dei lavoratori. Ispirandosi alla Dichiarazione universale per i diritti umani, i manifestanti “armati” di soli cartelli e slogan (nella foto) hanno invocato pace, giustizia, dignità, libertà e uguaglianza per tutti, senza differenze interconfessionali, condannando senza mezzi termini corruzione, violenze e divisioni di sesso o religione in seno alla società pakistana.

    Rivolgendosi ai partecipanti, la parlamentare Khalida Mansoor ha ricordato che la terra ospita “tutti gli esseri viventi” e per questo bisogna garantire pari importanza a ciascun individuo. “Il Pakistan ha sottoscritto i più importanti trattati Onu sui diritti umani – ricorda – ma le persone spesso ignorano i loro diritti. Per questo va promosso un movimento nazionale, per accrescere la consapevolezza”. Suneel Malik spiega che “crescono le violazioni ai diritti umani in Pakistan”, soprattutto a carico di donne, minoranze religiose, bambini e persone affette da disabilità. L’attivista Shazia George aggiunge che “la discriminazione” è la radice di tutti i conflitti e chiede che vengano banditi dalle scuole “i libri o altro materiale che fomentano l’odio”. Infine Nazia Sardar, femminista cristiana, che auspica maggiore protezione alle donne in famiglia e nei luoghi di lavoro, unito al riconoscimento dell’attività di “collaboratrice domestica” o contadina fra le mansioni che godono di tutela legale.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    21/11/2011 PAKISTAN
    Faisalabad: accusata di blasfemia, libera con l'aiuto di cristiani e musulmani
    Sacerdote cattolico esprime riconoscenza alla comunità musulmana, che ha svolto "indagini approfondite" prima di emettere la condanna. E auspica che "la cultura della pace e dell'armonia religiosa" possa sempre prevalere. Protagonista della vicenda una donna cristiana, incriminata in base alla legge nera nel corso di una controversia legale.

    04/11/2011 PAKISTAN
    Leader cristiano pakistano: per le minoranze, un partito forte e radicato
    Cornelius Mohsin, imprenditore con la passione della politica, vive da anni negli Usa. Amico e collaboratore di Shahbaz Bhatti, potrebbe tornare nel Paese di origine e contribuire alla nascita di un movimento politico che promuova i diritti delle minoranze e una migliore scolarizzazione. Il progetto è accolto con favore dal vescovo di Islamabad, che assicura il sostegno dei cattolici.

    31/01/2011 PAKISTAN
    Lahore: 40mila in piazza per difendere la legge sulla blasfemia. Slogan contro il papa
    Critiche a Benedetto XVI per essersi “unito alla propaganda Occidentale” contro lo Stato islamico. I manifestanti pronti a sacrificare la vita in nome di Maometto. Il nuovo governatore del Punjab invitato a solidarizzare con l’assassino di Salman Taseer. Doppio attentato nel nord-ovest: 5 morti e 19 feriti.

    29/01/2011 PAKISTAN
    Karachi, donne in piazza a sostegno della legge sulla blasfemia
    L’ala femminile della Jamaat-e-Islami (JI) ha sfilato per le vie della città, lanciando slogan contro quanti vogliono modificare la “legge nera”. I leader fondamentalisti chiedono l’espulsione dei rappresentanti vaticani per “l’ingerenza” di Benedetto XVI. Il 30 gennaio cristiani in preghiera per Asia Bibi e la pace nel Paese.

    05/05/2011 PAKISTAN
    Paul Bhatti: contro l’estremismo in Pakistan, “interventi chirurgici” nel lungo periodo
    Il consigliere speciale racconta ad AsiaNews le prime settimane di lavoro, nel dicastero del fratello assassinato. “Incontri interreligiosi ed educazione” per promuovere l’idea di convivenza interconfessionale. Il governo nomina un musulmano ministro per le Minoranze religiose. Che dichiara: legami “solidi” con le minoranze, lavorerò per la “sicurezza” di tutti.



    In evidenza

    RUSSIA-UCRAINA
    La riconciliazione possibile fra Mosca e Kiev

    Vladimir Rozanskij

    Il Sinodo straordinario per i 100 anni della restaurazione del Patriarcato di Mosca, ha rivolto un appello per il ritorno alla comunione con il Patriarcato di Kiev. La risposta di Filaret , molto positiva,  chiede perdono e offre perdono. Da anni vi sono prevaricazioni, espressioni di odio, sequestri di chiese. L’invasione della Crimea ha acuito la divisione. Il governo ucraino rema contro.


    VATICANO-MYANMAR-BANGLADESH
    Non solo Rohingya: il messaggio di papa Francesco a Myanmar e Bangladesh

    Bernardo Cervellera

    L’informazione troppo concentrata sul “dire/non dire” la parola Rohingya. Il papa evita il tribunale mediatico o la condanna, ma traccia piste costruttive di speranza. Una cittadinanza a parte intera per le decine di etnie e uno sviluppo basato sulla dignità umana. L’unità fra i giovani e le diverse etnie, ammirata da buddisti e musulmani.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®