11 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 11/04/2011, 00.00

    PAKISTAN

    Faisalabad: il “blasfemo” Arif Masih è al sicuro. Per il 90% dei musulmani è innocente



    Il 40enne cristiano è nelle mani della polizia e in una località segreta. Egli è indagato, ma il suo nome non compare nell’inchiesta aperta a carico di ignoti. Coordinatore di Giustizia e Pace: vittima di una vendetta personale, anche la comunità islamica è con lui. Ad accusarlo un musulmano che, di recente, ha perso una causa in tribunale.
    Faisalabad (AsiaNews) – Arif Masih, 40enne cristiano arrestato nei giorni scorsi per un presunto caso di blasfemia, è “sotto custodia della polizia, in una località ignota” ed è “al momento in mani sicure”. È quanto afferma ad AsiaNews Shahid Anwar, coordinatore della sezione di Faisalabad della Commissione nazionale di Giustizia e pace (Ncjp) della Chiesa cattolica pakistana, che segue da vicino la vicenda assieme al direttore diocesano p. Nisar Barkat. Egli aggiunge inoltre che “il 90% della comunità musulmana” ritiene che il cristiano “non è il vero colpevole”, ma è vittima di una vendetta personale per una questione legata ai terreni.
     
    Il 5 aprile scorso Arif Masih, 40enne cristiano originario del villaggio di Chak Jhumra, nella diocesi di Faisalabad, è stato fermato dalla polizia con l’accusa di blasfemia. Egli avrebbe strappato alcune pagine del Corano e scritto lettere di minacce a un gruppo di musulmani, intimando loro di convertirsi al cristianesimo. Il caso è registrato presso l’ufficio di polizia di Sahiyanwala, dietro denuncia di un musulmano locale. Ad aprire il fascicolo d’inchiesta FIR # 133/2011 – in base alla norma 295 C del Codice penale pakistano – l’esposto presentato da Shahid Yousaf, un vicino di casa che in passato avrebbe avuto contenziosi di natura legale con il cristiano arrestato. Tuttavia le indagini sono “a carico di ignoti” e il nome di Arif Masif non compare in via ufficiale in qualità di imputato. Ejaz Masih ha sottolineato che il fratello è “vittima di una trappola” ordita da Shahid e da due suoi fratelli (Zahid e Rashid Yousaf), che hanno esercitato pressioni sulle forze dell’ordine.
     
    Interpellato da AsiaNews Shahid Anwar, coordinatore di Ncjp a Faisalabad, manifesta un cauto ottimismo perché “vi è una denuncia generica” in base all’art. 295 C del Codice penale pakistano – le leggi sulla blasfemia – ma “il nome dell’uomo non è indicato come colui che ha davvero commesso il reato”. “Sappiamo che Arif è in mani sicure ed è totalmente innocente – precisa l’attivista cristiano – ma vogliamo capire cosa sia realmente successo”. Il 40enne cristiano si trova “sotto la custodia della polizia, in una località ignota”.
     
    La sezione locale di Ncjp “è vicina ad Arif e alla sua famiglia” e attende di capire “gli esiti delle indagini prima di fornire eventuale assistenza legale”. “Siamo certi – aggiunge Shahid Anwar – che non ha profanato il Corano, né inviato lettere di minaccia. Il suo nome non compare nel caso di blasfemia, ma c’è una denuncia generica e lui non è indicato come imputato. Si parla di un sospetto, il fermo è disposto in attesa di uno sviluppo delle indagini, ma il suo nome non compare nel capo d’accusa che è a carico di ignoti”. L’attivista sottolinea infine che “il 90% dei musulmani della zona pensano sia innocente”, vittima di una controversia scatenata per il possesso di alcuni terreni. “La controparte musulmana ha perso la causa – conclude – e ora cerca una forma di vendetta”.
     
    Di recente la famiglia di Arif ha vinto una controversia giuridica, relativa alla proprietà di un terreno. L’accusatore sarebbe un membro della famiglia musulmana che ha perso la causa, il quale avrebbe voluto vendicarsi sfruttando gli abusi commessi in nome della legge sulla blasfemia. La norma, infatti, viene spesso usata come pretesto per dirimere controversie personali o dispute legali.  
     
    Secondo dati della Commissione nazionale di Giustizia e Pace della Chiesa cattolica (Ncjp), dal 1986 all’agosto del 2009 almeno 964 persone sono state incriminate per aver profanato il Corano o diffamato il profeta Maometto. Fra questi 479 erano musulmani, 119 cristiani, 340 ahmadi, 14 indù e altri 10 di altre religioni. Essa costituisce anche un pretesto per attacchi, vendette personali o omicidi extra-giudiziali: 33 in tutto, compiuti da singoli o folle inferocite.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    21/04/2011 PAKISTAN
    Faisalabad: condanna a morte per l’omicida di due fratelli cristiani, imputati per blasfemia
    Maqsood Ahmed, musulmano, dovrà inoltre versare una multa di circa 47mila dollari. Rashid e Sajid Masih Emmanuel, ammanettati, sono stati freddati a colpi di arma da fuoco il 19 luglio 2010 davanti al tribunale cittadino. I due erano accusati in base alla “legge nera”, ma il procedimento era diretto verso l’archiviazione.

    16/12/2009 PAKISTAN
    Faisalabad, liberi due cristiani in carcere per blasfemia
    Gulsher Masih e sua figlia Sandal erano incriminati per aver strappato alcune pagine del Corano. La vicenda montata ad arte da un gruppo di estremisti, aizzati dalle moschee del villaggio. Attivista per i diritti umani: bisogna cambiare le leggi discriminatorie e la mentalità delle persone.

    29/10/2009 PAKISTAN
    La legge sulla blasfemia: una lunga serie di ingiustizie (Scheda)
    La Sezione 295 B e C del Codice penale pakistano punisce con l’ergastolo o la pena di morte chi profana il Corano e diffama il profeta Maometto. Introdotta nel 1986 dal dittatore Zia-ul-Haq per farsi apprezzare dall’ala fondamentalista del Paese, è diventata uno strumento per perseguitare minoranze religiose e gli stessi musulmani. Quasi 1000 persone incriminate, centinaia le vittime.

    29/10/2009 PAKISTAN
    La Chiesa cattolica in Pakistan (Scheda)
    I cattolici sono meno dell’1% su un totale di oltre 160 milioni di abitanti. Nel Paese vi sono due arcidiocesi, quattro diocesi e una prefettura apostolica. Una piccola minoranza attiva e apprezzata per il suo impegno nei settori dell’educazione, aiuto ai poveri, assistenza sanitaria e interventi nei casi di emergenza.

    29/10/2009 PAKISTAN
    Cosa fare per abolire la legge sulla blasfemia in Pakistan
    Attivisti cristiani e membri della società civile chiedono a Islamabad l’abrogazione della norma. I principi fondamentali per creare una società aperta e multiconfessionale, a tutela di ciascun individuo. L’elenco delle Ambasciate e delle sedi diplomatiche pakistane per aderire alla campagna.



    In evidenza

    RUSSIA-UCRAINA
    La riconciliazione possibile fra Mosca e Kiev

    Vladimir Rozanskij

    Il Sinodo straordinario per i 100 anni della restaurazione del Patriarcato di Mosca, ha rivolto un appello per il ritorno alla comunione con il Patriarcato di Kiev. La risposta di Filaret , molto positiva,  chiede perdono e offre perdono. Da anni vi sono prevaricazioni, espressioni di odio, sequestri di chiese. L’invasione della Crimea ha acuito la divisione. Il governo ucraino rema contro.


    VATICANO-MYANMAR-BANGLADESH
    Non solo Rohingya: il messaggio di papa Francesco a Myanmar e Bangladesh

    Bernardo Cervellera

    L’informazione troppo concentrata sul “dire/non dire” la parola Rohingya. Il papa evita il tribunale mediatico o la condanna, ma traccia piste costruttive di speranza. Una cittadinanza a parte intera per le decine di etnie e uno sviluppo basato sulla dignità umana. L’unità fra i giovani e le diverse etnie, ammirata da buddisti e musulmani.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®