19 Dicembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 30/01/2010
IRAN
Folla a Qom grida “Morte a Khamenei”, in ricordo di Montazeri
Nonostante rigidi controlli e posti di blocco, un gruppo di persone si è radunata a 40 giorni dalla morte dell’ayatollah defunto. Non si placa la pressione dell’Onda verde, anche se aumenta la repressione.

Qom (AsiaNews) – Una folla di persone nella città santa di Qom in Iran si è riunita ieri sera per commemorare il quarantesimo giorno della morte dell’ayatollah Hossein Ali Montazeri. I manifestanti hanno sfilato per via Saheli al grido di “Morte al dittatore, morte a Khamenei, Dio benedica Montazeri”, lo slogan che da mesi si sente anche per le strade di Teheran dove vanno avanti le proteste dell’Onda Verde contro il regime. Non ci sono notizie di scontri anche perché la repressione stavolta è stata preventiva.
 
Per paura che l’appuntamento diventasse occasione di massicce proteste, le forze di sicurezza hanno infatti cercato di limitare gli ingressi a Qom nei giorni precedenti la commemorazione: testimoni raccontano di rigidi controlli sulle strade che portano in città con posti di blocco e agenti che chiedevano i documenti a tutti i pellegrini in circolazione.
 
Ma le azioni di controllo non si sono limitate all’esterno. Il regime aveva aumentato da giorni la presenza dei suoi uomini a Qom, creando un’atmosfera di terrore e intimidazione. Gli agenti del ministero dell’Intelligence e della Sicurezza hanno cordonato la casa di Montazeri per impedire a chiunque di avvicinarsi. Intensificate le misure di sicurezza anche a Isfahan, dove sono stati dispiegati agenti armati anche sui tetti.
 
Montazeri (v.foto), morto a 87 anni, era uno dei religiosi iraniani più critici del regime, ex successore designato dell'ayatollah Ruhollah Khomeini alla guida della Repubblica islamica. Dopo le contestate elezioni del giugno scorso, che hanno confermato alla presidenza Mahmoud Ahmadinejad, Montazeri ha preso decisamente posizione al fianco del cosiddetto 'movimento verde' di protesta, guidato dall'ex candidato moderato Mir Hossein Moussavi e dal riformista Mehdi Karrubi. Cerimonie di commemorazione si sono svolte, tra giovedì e venerdì, anche nella città natale di Montazeri, Najaf-Abad. Anche qui, sempre sotto rigidi controlli.

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
21/01/2010 IRAN
Khamenei e Ahmadinejad minacciano giornali e l’Onda verde: nessuna tolleranza
17/03/2010 IRAN
Polizia schierata per frenare la festa iraniana del fuoco
24/09/2010 IRAN
Teheran: giornalista condannato a sei anni per un’intervista all’ayatollah Montazeri
02/01/2010 IRAN
Moussavi “pronto a morire”, ma l’Onda verde chiede la fine di Khamenei
di Layla Yousif Rahema
14/06/2010 IRAN
Teheran, oltre 900 arresti per l'Onda verde "più matura di un anno fa"

In evidenza
IRAQ-VATICANO
Vescovo di Mosul: Gesù nasce fra i container dei rifugiati. Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul"
di Amel NonaI profughi perseguitati dallo Stato islamico hanno perso tutto: beni, casa, lavoro, scuole, futuro. Ma rimane forte la fede e la missione. Raccolti e inviati quasi 900mila euro. Il messaggio di vicinanza di papa Francesco. La campagna continua secondo la proposta del patriarca di Baghdad: digiuno e sobrietà a Natale e Capodanno, offrendo il corrispettivo per i cristiani di Mosul.
IRAQ
Patriarca caldeo: Digiuno alla vigilia di Natale per il ritorno dei profughi a Mosul
di Joseph MahmoudMar Louis Sako domanda ai fedeli di non celebrare in modo "mondano", con sfarzo e abbondanza, Natale e Capodanno in segno di solidarietà con i fuggitivi della piana di Ninive, perseguitati dall'Esercito islamico. AsiaNews aderisce al digiuno proposto dal Patriarca e chiede a tutti i lettori di dare il corrispettivo del digiuno a sostegno della campagna "Adotta un cristiano di Mosul".
IRAQ - ITALIA
Lettera dell'arcivescovo di Mosul: Grazie per gli aiuti, che sostengono le sofferenze dei rifugiati
di Amel NonaLe offerte di tutti i donatori della campagna "Adotta un cristiano di Mosul" sono usate per acquistare cibo, vestiti pesanti, coperte per i profughi e affittare case o roulotte per affrontare l'inverno e il freddo che sono giunti molto presto. Due donne hanno difeso la loro fede cristiana davanti ai miliziani islamisti che volevano convertirle, minacciandole di uccidere. Rifugiato fra i rifugiati, mons. Nona scopre un modo nuovo di essere pastore.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate