02 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 30/01/2010, 00.00

    IRAN

    Folla a Qom grida “Morte a Khamenei”, in ricordo di Montazeri



    Nonostante rigidi controlli e posti di blocco, un gruppo di persone si è radunata a 40 giorni dalla morte dell’ayatollah defunto. Non si placa la pressione dell’Onda verde, anche se aumenta la repressione.
    Qom (AsiaNews) – Una folla di persone nella città santa di Qom in Iran si è riunita ieri sera per commemorare il quarantesimo giorno della morte dell’ayatollah Hossein Ali Montazeri. I manifestanti hanno sfilato per via Saheli al grido di “Morte al dittatore, morte a Khamenei, Dio benedica Montazeri”, lo slogan che da mesi si sente anche per le strade di Teheran dove vanno avanti le proteste dell’Onda Verde contro il regime. Non ci sono notizie di scontri anche perché la repressione stavolta è stata preventiva.
     
    Per paura che l’appuntamento diventasse occasione di massicce proteste, le forze di sicurezza hanno infatti cercato di limitare gli ingressi a Qom nei giorni precedenti la commemorazione: testimoni raccontano di rigidi controlli sulle strade che portano in città con posti di blocco e agenti che chiedevano i documenti a tutti i pellegrini in circolazione.
     
    Ma le azioni di controllo non si sono limitate all’esterno. Il regime aveva aumentato da giorni la presenza dei suoi uomini a Qom, creando un’atmosfera di terrore e intimidazione. Gli agenti del ministero dell’Intelligence e della Sicurezza hanno cordonato la casa di Montazeri per impedire a chiunque di avvicinarsi. Intensificate le misure di sicurezza anche a Isfahan, dove sono stati dispiegati agenti armati anche sui tetti.
     
    Montazeri (v.foto), morto a 87 anni, era uno dei religiosi iraniani più critici del regime, ex successore designato dell'ayatollah Ruhollah Khomeini alla guida della Repubblica islamica. Dopo le contestate elezioni del giugno scorso, che hanno confermato alla presidenza Mahmoud Ahmadinejad, Montazeri ha preso decisamente posizione al fianco del cosiddetto 'movimento verde' di protesta, guidato dall'ex candidato moderato Mir Hossein Moussavi e dal riformista Mehdi Karrubi. Cerimonie di commemorazione si sono svolte, tra giovedì e venerdì, anche nella città natale di Montazeri, Najaf-Abad. Anche qui, sempre sotto rigidi controlli.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    21/01/2010 IRAN
    Khamenei e Ahmadinejad minacciano giornali e l’Onda verde: nessuna tolleranza
    Si attendono nuovi scontri per l’11 febbraio, 31° anniversario della Rivoluzione khomeinista. Previste ingenti manifestazioni dell’opposizione e dei sostenitori del governo. Quindici giornali hanno ricevuto “avvertimenti” perché pubblicano critiche al presidente, definiscono “caotica” la situazione; dicono che non c’è libertà di espressione. Proibiti l’uso di e-mail e sms per organizzare dimostrazioni.

    17/03/2010 IRAN
    Polizia schierata per frenare la festa iraniana del fuoco
    Khamenei: Questa festa porta danni e corruzione, è meglio evitarla. L’opposizione invita a usare la festa per manifestare contro il regime. Vi sono stati 50 arresti, ma per “disturbo della quiete pubblica”.

    24/09/2010 IRAN
    Teheran: giornalista condannato a sei anni per un’intervista all’ayatollah Montazeri
    Emadeddin Baqi, 48 anni, è stato incriminato per un video trasmesso in un programma in lingua farsi della Bbc. A suo carico le accuse di propaganda contro l’establishment e attentato alla sicurezza nazionale. Dal 2000 a oggi è finito in cella almeno 67 volte. Nel 2009 ha vinto un premio per le campagne a favore dei diritti umani in Iran.

    14/06/2010 IRAN
    Teheran, oltre 900 arresti per l'Onda verde "più matura di un anno fa"
    Attivisti affermano che tra i fermati, più di 300 sono donne. Polizia, agenti in borghese e Basij hanno presidiato le strade, intimando alla popolazione di non inscenare proteste. Un gruppo di universitari ha indetto una protesta silenziosa e lo sciopero della fame. Slogan e canti degli oppositori, fra cui “morte al dittatore”. Karroubi: l’Onda Verde è più matura di un anno fa.

    02/01/2010 IRAN
    Moussavi “pronto a morire”, ma l’Onda verde chiede la fine di Khamenei
    I leader del movimento di opposizione faticano a stare al passo con le pressioni della base. Moussavi chiede solo riforme politiche, all’interno della Repubblica islamica. L’Onda verde vuole la fine della dittatura. Giallo sulla presenza di Moussavi e Karroubi a Teheran. Ahmadinejad sempre più duro.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin, il Vaticano e la “logica da banditi” dell’Associazione patriottica

    Gu Feng

    Un sacerdote della Cina centrale ripensa al “voltafaccia” del vescovo di Shanghai e lo paragona a Giovanni il Battista, confinato in prigione dopo le accuse a Erode. La “logica da banditi” dell’Associazione patriottica e del governo tende a eliminare la religione dal Paese. Il Vaticano rischia di contraddirsi venendo a compromessi con l’Associazione patriottica, che papa Benedetto XVI ha definito “incompatibile” con la dottrina cattolica nella Lettera ai cattolici cinesi che papa Francesco non ha smentito, anzi l’ha ribadita.


    CINA - VATICANO
    Il “voltafaccia” di mons. Ma Daqin, una croce per il bene di Shanghai

    p. Pietro dalla Cina

    Il vescovo ausiliare di Shanghai ha a cuore il benessere della sua diocesi e intende portare da solo il fardello delle sue dichiarazioni di quattro anni fa. Le precisazioni di p. Lombardi sul ruolo della Santa Sede fugano ogni dubbio: la Lettera di Benedetto XVI alla Chiesa cinese è ancora valida, quindi la posizione dell’Associazione patriottica non è accettata dal Vaticano. Il commento di un sacerdote cinese, traduzione a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®