24/07/2007, 00.00
INDIA
Invia ad un amico

Forte condanna della Chiesa cattolica contro l’infanticidio femminile

di Nirmala Carvalho
Il presidente della conferenza episcopale lancia un duro monito contro quanti sopprimono feti di sesso femminile o bambine appena nate. Ieri in un pozzo vicino a una clinica di Orissa rinvenuti 30 piccoli cadaveri.

Mumbai (AsiaNews) – “E’ orribile pensare che esseri umani siano eliminati solo perché di sesso femminile: le nostre bambine sono state uccise e questo è un omicidio in piena regola, a riprova del costume ormai diffuso di sbarazzarsi delle figlie femmine appena nate o ancora nel grembo materno”. L’accusa arriva da mons. Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbay e presidente della Conferenza episcopale indiana (CCBI), che non nasconde rabbia e dolore per il ritrovamento, avvenuto ieri, di 30 fra feti di sesso femminile e resti di bambine appena nate contenute in sacchi di polietilene, gettati in un pozzo asciutto vicino ad una clinica privata di Orissa. La polizia sospetta che i resti siano stati gettati nel pozzo subito dopo la nascita (o in conseguenza di aborti) praticati nella vicina clinica del distretto di Nayagath, 90 km a sud-ovest di Bhubaneshwar. Le forze dell’ordine hanno eseguito un mandato d’arresto nei confronti del manager della clinica.

“I provvedimenti normativi – continua l’arcivescovo di Mumbay – non bastano da soli a risolvere il problema. Tutti dobbiamo batterci, ciascuno nel proprio settore, affinché questa barbara pratica venga abbandonata”. L’aborto è una pratica “diabolica” e ancora di più lo diventa quando esso è praticato al fine di “selezionare il sesso del nascituro”. In questo senso diventa importante “la formazione del personale medico e paramedico”.

“E proprio per questo – sottolinea mons. Gracias – abbiamo voluto formare delle religiose nel settore medico per prestare cure e soccorso anche alle popolazioni delle aree più remote e rurali del Paese. La Chiesa cattolica ha sempre ribadito l’enorme importanza e il valore della vita, senza distinzione nel sesso del nascituro”. Una soluzione di lungo periodo per risolvere il problema potrebbe essere quella di “creare favorevoli condizioni socio-economiche e ambientali, affinché figli e figlie abbiano gli stessi diritti e la medesima importanza”.

Secondo fonti governative, negli ultimi 20 anni sono 10 milioni le bambine uccise dai loro genitori; il mese scorso un medico di New Delhi è stato arrestato con l’accusa di aver praticato oltre 260 aborti illegali.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Rischio aborto per 40-60 milioni di bambine entro 10 anni
27/03/2004
India, 10 milioni di feti femminili abortiti in 20 anni
09/01/2006
Il quotidiano massacro delle bambine indiane povere
25/06/2008
Tremila dollari alle famiglie che cresceranno figlie femmine
05/03/2008
Rischiano di restare single 30 milioni di uomini cinesi
14/07/2004