21 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 22/08/2008, 00.00

    SRI LANKA

    Fra violenze e intimidazioni, al voto due province dello Sri Lanka

    Melani Manel Perera

    Sabato 23 agosto sono in programma le amministrative per le province di Sabaragamuwa e North Western. La commissione elettorale denuncia oltre 150 attacchi contro candidati e sedi di partito avvenuti nelle scorse settimane. Il Congresso delle religioni chiede elezioni “libere e regolari”.

    Colombo (AsiaNews) – Il Congresso delle religioni – istituzione che riunisce esponenti cattolici, protestanti, buddisti e musulmani – chiede che “cessino le violenze” e siano garantite “libere elezioni” in due province dello Sri Lanka.

    Sabato 23 agosto sono chiamati alle urne gli elettori delle province di Sabaragamuwa e di North Western per rinnovare le cariche governative locali; la campagna elettorale per le amministrative si è però trasformata in una “lotta barbara” per la conquista del “potere” e le due zone del Paese sono state teatro di numerosi episodi di violenza. Secondo un comunicato stampa diffuso dal Comitato per elezioni libere e giuste non sarà possibile effettuare “una tornata elettorale regolare”: nelle scorse settimane si sono registrati 156 episodi di violenza fra cui “attacchi ai candidati (73), intimidazioni (44) e danneggiamenti di proprietà appartenenti ai partiti politici (20) in lizza”. Per garantire libere elezioni la polizia ha predisposto il pattugliamento delle aree interessate al voto; sabato 23 agosto saranno oltre 21mila gli agenti chiamati a controllare strade e sedi elettorali.

    Il 20 agosto scorso i leader religiosi hanno incontrato i vertici della Commissione elettorale manifestando la loro preoccupazione per “l’aumento delle violenze”; essi hanno ricevuto ampie rassicurazioni ed è stato loro ribadito che “sono state predisposte tutte le misure per assicurare pacifiche elezioni”. Dayananda Dissanayake, capo della commissione, ha inoltre aggiunto che vi saranno certe “limitazioni” che non possono essere rivelate al pubblico, ma che egli illustrerà davanti alla commissione parlamentare per le riforme elettorali.

    P. Damian Fernando, direttore della Caritas dello Sri Lanka, ribadisce ad AsiaNews che “la situazione di caos odierna si sarebbe potuta evitare se fosse stato adottato il 17esimo emendamento ala Costituzione, che prevede la creazione di uno speciale corpo di polizia preposto alla sicurezza e alla regolarità delle operazioni di voto”. I leader religiosi denunciano infine che “le province di Sabaragamuwa e North Western sono state trasformate in un campo di battaglia” e ai cittadini “è impedito il diritto” sancito dalla Costituzione a “libere elezioni”.

    Una ferma condanna arriva anche dal National Peace Council, che invita il governo dello Sri Lanka e i partiti di opposizione a “seguire le procedure di legge” previste per la tornata elettorale: “Uno scontro aperto fra le parti – denunciano gli esponenti del Npc – caratterizzato da violenze e impunità farebbe trionfare la legge della giungla. Per questo invitiamo la Commissione elettorale a porre in atto tutte le procedure, a partire dalla attuazione del 17esimo emendamento alla Costituzione”.  

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    12/09/2009 IRAN
    Khamenei avverte l’opposizione, repressione in caso di attacchi al sistema
    La Guida Suprema promette dure risposte se vi saranno minacce all’ordine costituito e alla legge della Repubblica Islamica. L’ayatollah ha guidato la preghiera del venerdì a Teheran, per la prima volta dalla conferma alla presidenza di Ahmadinejad. La tecnologia nucleare è un “diritto”.

    30/10/2004 IRAQ
    Sacerdote da Mosul: "Con le elezioni ci sarà un miglioramento"

    I vescovi americani scrivono ad Allawi: "Preghiamo per il vostro impegno in favore di un Iraq pacifico e democratico".



    10/10/2008 THAILANDIA
    Rilasciati su cauzione i leader della protesta in Thailandia
    Fra gli arrestati il portavoce e il capo dell’ dell’Alleanza popolare per la democrazia, che promettono di continuare la lotta politica fino alle dimissioni del governo. Ex capo dell’esercito afferma che “un colpo di mano dei militari” è la sola soluzione per uscire dalla crisi.

    09/10/2008 THAILANDIA
    Bangkok, cade l’accusa di “cospirazione” per i leader della rivolta
    La Corte di appello thailandese ha alleggerito i capi i imputazione a carico dei manifestanti, che rischiavano la pena di morte o il carcere a vita. Il premier Somchai promette nuove indagini per punire i responsabili delle violenze, mentre nel Paese crescono tensioni e divisioni politiche.

    08/10/2008 THAILANDIA
    Calma apparente a Bangkok, l’esercito presidia le vie della capitale
    I violenti scontri di ieri fra polizia e manifestanti hanno causato la morte di due persone e il ferimento di altre 443, alcune delle quali in modo grave. Il premier Somchai respinge l’ipotesi delle dimissioni e accusa i manifestanti di “violenze”; l’opposizione lo definisce bugiardo e “tiranno”.



    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®