18 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 21/09/2013, 00.00

    SIRIA

    Francescani in prima linea per assistere cristiani e musulmani, vittime della guerra



    P. Halim, ex provinciale della Custodia di Terra Santa, racconta ad AsiaNews la situazione dei cristiani siriani, sempre più in pericolo e perseguitati. I villaggi in mano ai ribelli sono interdetti a non islamici. Gli 11 francescani rimasti in Siria soffrono insieme alla popolazione e offrono sostegno materiale e spirituale senza distinzione di fede.

    Damasco (AsiaNews) - I cristiani in Siria sono in pericolo. Come il resto della popolazione vivono le sofferenze della guerra, ma per la loro fede sono sempre di più bersaglio degli estremisti islamici. Intervistato da AsiaNews, p. Halim, ex provinciale della Siria per la Custodia di Terra, racconta che "in molti hanno perso la speranza.  La gente spera che la comunità internazionale e soprattutto le forze in campo ascoltino l'appello di pace lanciato dal papa".    

    Il sacerdote spiega che a Gassanieh (Lattakiah), il villaggio dove lo scorso lo scorso 23 giugno è stato ucciso p. Francois Murad, i ribelli islamisti hanno cacciato quasi tutti i cristiani. "Anche i frati e le suore - continua - hanno dovuto abbandonare i loro conventi". Dei circa 1000 abitanti cattolici e ortodossi, solo cinque persone hanno scelto di restare. Nessuno ha notizia di loro, l'ingresso nel villaggio è interdetto a chiunque. 

    Gli 11 francescani rimasti nel Paese soffrono insieme alla popolazione per le bombe, per gli scontri fra ribelli e regime, per la fame e per i continui sequestri a sfondo di estorsioni compiuti da criminali senza scrupoli. "Prima della guerra - spiega - il nostro lavoro riguardava soprattutto la formazione spirituale delle comunità. I frati erano impegnati nel catechismo, nelle attività pastorali con i giovani, nella preparazione ai sacramenti.  Ora dobbiamo rispondere anzitutto ai bisogni materiali per aiutare la popolazione di ogni credo a superare questa triste situazione".

    Tuttavia, p. Halim sottolinea che senza un sostegno spirituale nemmeno gli aiuti umanitari bastano a risollevare il morale della gente, che sempre di più cerca di fuggire dal Paese, di emigrare lasciandosi tutto alle spalle. "Anche i musulmani ci chiedono aiuto e consigli. In questo momento non vi è alcuna distinzione fra le confessioni". Di recente la Custodia di Terra Santa ha lanciato un appello per aiutare la popolazione siriana. P. Halim spiega l'urgenza di tali aiuti: "Noi cerchiamo di raccogliere fondi per sostenere la popolazione in loco siano essi cristiani o musulmani. Non vogliamo che abbandonino la Siria". Per il francescano il viaggio oltre il confine è spesso di sola andata.

    "In un anno - continua - abbiamo raccolto e speso oltre 350mila dollari per il sostegno non solo ai bisognosi, ma anche a quelle famiglie che con grandi sacrifici cercano di ricostruirsi una vita nei loro villaggi distrutti. Il denaro è stato utilizzato anche per aiutare la gente vittima di rapimenti, giunti ormai all'ordine del giorno".

    La minaccia degli estremisti islamici, la guerra sempre più cruenta condotta dal regime e la minaccia di un attacco militare da parte degli Stati Uniti, mettono a rischio l'esistenza della minoranza cristiana. "Noi francescani - aggiunge il sacerdote -  preghiamo affinché Stati Uniti, Europa e comunità internazionale, non si muovano solo sul piano politico. Per poter ricostruire il Paese occorre favorire la riconciliazione fra la popolazione, anche attraverso il dialogo non solo fra cristiani e musulmani, ma soprattutto all'interno delle fazioni islamiche. I frati seguono gli insegnamenti del papa e condannano tutte le violenze contro i civili, soprattutto quelle avvenute con le armi chimiche, ma dobbiamo pensare soprattutto al popolo che soffre. La speranza è che il conflitto si fermi, ma qui si vive alla giornata, nessuno può sapere quando questo caos avrà fine".

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    06/10/2005 TERRA SANTA - ITALIA
    Nate le Edizioni Terra Santa, voce della Custodia


    18/10/2015 VATICANO
    Papa: Coraggio e forza d’animo per dire no all’odio in Terra Santa
    Prima dell’Angelus, dopo la canonizzazione di quattro nuovi santi, Francesco lancia un appello per la pace in Medio Oriente: “Dio rafforzi in tutti, governanti e cittadini, il coraggio di opporsi alla violenza e di fare passi concreti di distensione. Nell’attuale contesto medio-orientale è più che mai decisivo che si faccia la pace nella Terra Santa: questo ci chiedono Dio e il bene dell’umanità”.

    02/07/2006 Vaticano
    Papa: "Famiglia, organismo vivente dove non deve mancare la parola di Dio"

    Benedetto XVI ricorda il V Incontro mondiale delle famiglie e sottolinea l'importanza della rinascita della fede negli adulti, che possono così comunicarla alle nuove generazioni. Un appello per un serio e credibile impegno di pace in Terra Santa ed in Iraq e la benedizione al Summit interreligioso del Patriarcato di Mosca.



    05/05/2017 10:13:00 SIRIA
    Aleppo, sposi in guerra: la fede in Cristo e la Chiesa più forte della tentazione di emigrare

    La parrocchia latina su iniziativa di p. Ibrahim ha lanciato un progetto di aiuto alle giovani coppie cristiane. Il desiderio di pace e la ricerca di un lavoro per contribuire allo sviluppo del Paese. La paura di restare senza risorse per la sopravvivenza. AsiaNews ne ha incontrate due e ha raccolto la loro testimonianza.

     



    20/04/2017 09:43:00 SIRIA
    La Chiesa di Aleppo in aiuto alle giovani coppie: spose in guerra, futuro di speranza del Paese

    La famiglia è segno di speranza in un contesto di guerra e violenze. La parrocchia latina lancia un programma di sostegno “spirituale e materiale”. P. Ibrahim: Una iniziativa che abbraccia tutti i riti e le confessioni cristiane e non dimentica “i fratelli musulmani”. Anche papa Francesco (e la Curia) hanno voluto donare 100mila euro. I riferimenti bancari per aderire alla campagna.

     





    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®