01 Ottobre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  •    - Armenia
  •    - Azerbaijan
  •    - Georgia
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 19/06/2012, 00.00

    ASIA – UE – MESSICO

    G20: L’India promette 10 miliardi di dollari per salvare l’Europa



    I Brics (Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica) hanno annunciato contributi da 75 miliardi di dollari totali, per partecipare alla costituzione del “firewall” di 430 miliardi voluto dal Fondo monetario internazionale (Fmi). New Delhi spera di contenere le ricadute della crisi europea sulla propria economia, mentre 360 milioni di indiani (su 1,2 miliardi di persone) vivono ancora con 1 dollaro al giorno.

    Los Cabos (AsiaNews/Agenzie) - L'India ha promesso 10 miliardi di dollari al Fondo monetario internazionale (Fmi), per aiutare i Paesi dell'Eurozona a uscire dall'attuale crisi, e cercare di prevenire possibili ricadute sulle economie emergenti (i Brics: Brasile, Russia, India, Cina, Sudafrica). Lo ha annunciato oggi il primo ministro Manmohan Singh al G20 del Messico, in corso in questi giorni. Il contributo indiano si somma a quello degli altri Brics, che insieme dovrebbero partecipare con un totale di 75 miliardi di dollari al "firewall" (barriera) di 430 miliardi, che il Fmi vorrebbe creare per contrastare nuove crisi finanziarie. Per il momento, la Russia ha promesso 10 miliardi di dollari, mentre la Cina 43 miliardi di dollari.

    Con questo contributo, i Brics sperano di evitare eventuali ricadute negative sulle loro economie, già sperimentate nell'ultimo periodo. Quest'anno infatti l'India ha registrato il tasso di crescita più basso degli ultimi 10 anni, chiudendo il 2011-2012 al 6%, contro l'8,4% del 2010-2011. Di recente, il premier ha annunciato investimenti da mille miliardi di dollari per nuove infrastrutture (tra cui autostrade, porti e aeroporti), nella speranza di far ripartire l'economia del Paese e riacquistare consenso tra la popolazione.

    Tuttavia, le riforme in questione riguardano per lo più il settore delle industrie e delle grandi imprese - il 14% della forza lavoro -, protagonisti negli ultimi 15 anni delle liberalizzazioni promosse dal governo indiano. Liberalizzazioni che, al contrario, limitano la produttività di lavoratori autonomi (artigiani, piccoli imprenditori) e agricoltori, sempre più relegati ai margini. Questi settori rappresentano insieme oltre il 90% della forza lavoro dell'India.

    Intanto, mentre il governo indiano promette aiuti economici per salvare l'euro, secondo un'indagine condotta della Planning Commission, dal 2004/2005 al 2009/2010 il livello di povertà in India è sceso dal 37,2% al 29,8%. Questo significa che nel Paese, circa 360 milioni di persone vivono ancora sotto la linea di povertà (circa 1 dollaro al giorno), su una popolazione totale di  1,2 miliardi. Nel periodo preso in esame, la povertà delle aree rurali è diminuita più in fretta di quella urbana. 

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    24/07/2014 INDIA
    P. Nithya: Fame ed estrema povertà frenano lo sviluppo umano dell'India
    P. Nithya ofm commenta ad AsiaNews lo Human Development Report (Hdr) 2014. Basandosi sull'Indice di sviluppo umano, il documento classifica New Delhi al 135mo posto su 187 Paesi. Per il frate le promesse economiche del Primo ministro Narendra Modi sono "una presa in giro nei confronti dei più poveri e degli emarginati".

    03/11/2011 CINA - G20
    Inizia oggi il G20, Hu Jintao non promette e non nega gli aiuti all'Europa
    Il presidente cinese molto attivo nei rapporti con altri Paesi emergenti come Russia, Brasile, India. La Cina chiede all’Europa impegni precisi su come superare la crisi del debito estero di molti suoi Stati.

    14/04/2011 CINA - INDIA - BRICS
    Il Brics lancia la sfida all’Occidente in finanza e politica estera
    Ridistribuzione del potere nella Banca mondiale e nel Fondo Monetario Internazionale, una “ampia riforma” dell’Onu, meccanismi per controllare l’andamento mondiale dei prezzi delle merci. I 5 Paesi Brics vogliono affermare il loro crescente ruolo mondiale, rispetto a Europa ed Usa.

    25/03/2013 CINA – BRICS
    I Paesi emergenti pensano a una banca comune contro l’Occidente
    I membri del Brics – Brasile, Russia, India, Cina e Sud Africa – si riuniscono a Durban per discutere la creazione di una nuova istituzione in grado di sfidare il predominio della Banca mondiale (in mano americana) e del Fondo monetario internazionale (in mano europea). Ma gli esperti avvertono: “Ancora troppo presto, devono dimostrare che sanno sopravvivere alle crisi”.

    21/07/2015 CINA - BRICS
    Al via la nuova Banca dello sviluppo sostenuta dagli “sfidanti” Brics
    Il capitale iniziale della banca è di 50 miliardi di dollari. Sarà presieduta a turno da un membro dei Paesi sponsor. Primo presidente indiano: “Controbilanciare il sistema economico a modo nostro”. Paesi Brics lamentano rigidità dei meccanismi di voto nella Banca mondiale e nel Fondo monetario internazionale per le economie emergenti.



    In evidenza

    SIMPOSIO ASIANEWS
    Madre Teresa, la Misericordia per l’Asia e per il mondo (VIDEO)



    Pubblichiamo le registrazioni video degli interventi che si sono susseguiti durante il Simposio internazionale organizzato da AsiaNews il 2 settembre scorso. In ordine intervengono: P. Ferruccio Brambillasca, Superiore Generale del PIME; Card. Fernando Filoni, Prefetto della Congregazione di Propaganda Fide; Sr. Mary Prema, Superiora Generale delle Missionarie della Carità; P. Brian Kolodiejchuk, postulatore della Causa della Madre; Card. Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbai; P. John A. Worthley, sull'influenza di Madre Teresa in Cina; una testimonianza sull'influenza di Madre Teresa nel mondo islamico; mons. Paul Hinder, vicario apostolico dell’Arabia meridionale.


    CINA - VATICANO
    Pechino diffonde la nuova bozza di regolamenti sulle attività religiose. Più dura

    Bernardo Cervellera

    Multe fino a 200mila yuan (27mila euro) per “attività religiose illegali” da parte di cattolici o altri membri di comunità sotterranee. Fra le “attività illegali” vi è la “dipendenza dall’estero” (ad esempio il rapporto col Vaticano). Si predica la non discriminazione, ma ai membri del partito è proibito praticare la religione anche in privato. Precisi controlli su edifici, statue, croci. Controlli serrati anche su internet. Forse è la fine delle comunità sotterranee.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®