28 Febbraio 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 19/06/2012
ASIA – UE – MESSICO
G20: L’India promette 10 miliardi di dollari per salvare l’Europa
I Brics (Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica) hanno annunciato contributi da 75 miliardi di dollari totali, per partecipare alla costituzione del “firewall” di 430 miliardi voluto dal Fondo monetario internazionale (Fmi). New Delhi spera di contenere le ricadute della crisi europea sulla propria economia, mentre 360 milioni di indiani (su 1,2 miliardi di persone) vivono ancora con 1 dollaro al giorno.

Los Cabos (AsiaNews/Agenzie) - L'India ha promesso 10 miliardi di dollari al Fondo monetario internazionale (Fmi), per aiutare i Paesi dell'Eurozona a uscire dall'attuale crisi, e cercare di prevenire possibili ricadute sulle economie emergenti (i Brics: Brasile, Russia, India, Cina, Sudafrica). Lo ha annunciato oggi il primo ministro Manmohan Singh al G20 del Messico, in corso in questi giorni. Il contributo indiano si somma a quello degli altri Brics, che insieme dovrebbero partecipare con un totale di 75 miliardi di dollari al "firewall" (barriera) di 430 miliardi, che il Fmi vorrebbe creare per contrastare nuove crisi finanziarie. Per il momento, la Russia ha promesso 10 miliardi di dollari, mentre la Cina 43 miliardi di dollari.

Con questo contributo, i Brics sperano di evitare eventuali ricadute negative sulle loro economie, già sperimentate nell'ultimo periodo. Quest'anno infatti l'India ha registrato il tasso di crescita più basso degli ultimi 10 anni, chiudendo il 2011-2012 al 6%, contro l'8,4% del 2010-2011. Di recente, il premier ha annunciato investimenti da mille miliardi di dollari per nuove infrastrutture (tra cui autostrade, porti e aeroporti), nella speranza di far ripartire l'economia del Paese e riacquistare consenso tra la popolazione.

Tuttavia, le riforme in questione riguardano per lo più il settore delle industrie e delle grandi imprese - il 14% della forza lavoro -, protagonisti negli ultimi 15 anni delle liberalizzazioni promosse dal governo indiano. Liberalizzazioni che, al contrario, limitano la produttività di lavoratori autonomi (artigiani, piccoli imprenditori) e agricoltori, sempre più relegati ai margini. Questi settori rappresentano insieme oltre il 90% della forza lavoro dell'India.

Intanto, mentre il governo indiano promette aiuti economici per salvare l'euro, secondo un'indagine condotta della Planning Commission, dal 2004/2005 al 2009/2010 il livello di povertà in India è sceso dal 37,2% al 29,8%. Questo significa che nel Paese, circa 360 milioni di persone vivono ancora sotto la linea di povertà (circa 1 dollaro al giorno), su una popolazione totale di  1,2 miliardi. Nel periodo preso in esame, la povertà delle aree rurali è diminuita più in fretta di quella urbana. 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
24/07/2014 INDIA
P. Nithya: Fame ed estrema povertà frenano lo sviluppo umano dell'India
di Nirmala Carvalho
03/11/2011 CINA - G20
Inizia oggi il G20, Hu Jintao non promette e non nega gli aiuti all'Europa
14/04/2011 CINA - INDIA - BRICS
Il Brics lancia la sfida all’Occidente in finanza e politica estera
25/03/2013 CINA – BRICS
I Paesi emergenti pensano a una banca comune contro l’Occidente
13/02/2007 INDIA - EUROPA
Attivista cristiano: Italia ed Europa non chiudete gli occhi sui diritti umani in India
di John Dayal*

In evidenza
EGITTO - ISLAM
Le parole di al-Tayeb e di al-Sisi un grande passo per una rivoluzione dell'islam
di Samir Khalil SamirIl grande imam di Al-Azhar ha denunciato le interpretazioni basate sulla lettera del Corano e della sunna, brandite dai fondamentalisti e dai terroristi islamici; sostiene l'urgenza di una riforma dell'insegnamento dell'islam fra i laici e gli imam; domanda la fine della scomunica (takfir) reciproca fra sunniti e sciiti. E il presidente egiziano al-Sisi ha deciso di combattere lo Stato islamico dopo la decapitazione di 21 cristiani copti, che egli ha definito "cittadini egiziani" a parte intera.
ARABIA SAUDITA - ISLAM
Imam di Al-Azhar: Per fermare l'estremismo islamico occorre una riforma dell'insegnamento religiosoPer Ahmed al-Tayeb è urgente stilare un nuovo curriculum di studi per evitare una "cattiva interpretazione" del Corano e della sunna. Il terrorismo islamico mette in crisi l'unità del mondo musulmano. Il "nuovo colonialismo globale alleato al sionismo mondiale". Il discorso del re saudita.
HONG KONG - CINA - VATICANO
Card. Zen: Sembra che qualcuno voglia farci tacere
di Card. Joseph Zen Ze-kiunIl diffuso ottimismo sul miglioramento del dialogo fra Santa Sede e Cina sembra non avere fondamento. Alcune "tendenziose" interviste a vescovi cinesi, frenati nella libertà di parlare. Le questioni fondamentali sono sempre aperte: chi nomina i vescovi; cosa fare dell'Associazione patriottica. La guida della Lettera di Benedetto XVI ai cattolici cinesi, citata anche da papa Francesco. Un non accordo è meglio di un cattivo accordo. Cosa è successo a mons. Cosma Shi Enxiang? E a mons. Giacomo Su Zhimin? Un'animata riflessione del vescovo emerito di Hong Kong, campione della libertà religiosa in Cina.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate