19 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 12/04/2014, 00.00

    CINA

    Gansu, benzene nell'acqua: la popolazione assalta i supermercati per comprare quella in bottiglia



    Il governo di Lanzhou ha chiesto alla popolazione di non bere ciò che esce dai rubinetti: può provocare persino la morte. Alla base del problema ci sarebbero scarichi illegali di una fabbrica chimica della zona. Il governo centrale impotente davanti al fenomeno, sempre più endemico nel Paese.

    Pechino (AsiaNews) - I residenti di Lanzhou, capitale della provincia nordoccidentale del Gansu, hanno preso ieri d'assalto i supermercati cittadini per comprare acqua in bottiglia. La corsa è stata scatenata dall'annuncio del governo di non bere acqua dai rubinetti o da altre fonti collegate al sistema idrico municipale, dato che questa "contiene livelli eccessivi di fattori chimici cancerogeni".

    Alcuni esperimenti condotti nella mattinata di ieri hanno sottolineato la presenza di 200 microgrammi di benzene per litro di acqua: il livello è 20 volte superiore al limite di sicurezza nazionale. Se ingerito, questo composto può provocare vomito e convulsioni: se ci si espone per troppo tempo al contatto o se ne ingerisce una grande quantità, esso può provocare la morte.

    Per cercare di calmare la situazione, il governo ha annunciato di aver introdotto nelle tubature dei filtri di carbone per assorbire l'agente chimico e ha dichiarato che l'acqua "non va bevuta, ma per tutti gli altri usi è sicura". Du Sha, specialista in tossine che lavora per Greenpeace, non è d'accordo: "Il livello di benzene è troppo alto. Non basta non bere quell'acqua, dato che può irritare la pelle e gli occhi se usata per l'igiene personale".

    Alla base di questo fenomeno ci sarebbe la compagnia idrica, la cui proprietà è del governo, e della britannica Veolia Water, che possiede il 45% delle azioni e della compagnia e la gestisce. Secondo la società, il problema è dovuto a una fabbrica chimica che avrebbe scaricato i propri residui industriali in un canale nei pressi di una delle loro infrastrutture.

    Il problema dell'inquinamento galoppante in Cina è molto sentito dal governo centrale, che tuttavia si scontra con la necessità di tenere alto il livello della produzione industriale. A più riprese il governo di Pechino ha promesso di contrastare la fuoriuscita di agenti inquinanti e tossici dalle aziende e dagli allevamenti, problema che riguarda vaste aree della nazione. Tuttavia, il più delle volte le rassicurazioni restano solo promesse di facciata, anche perché i funzionari locali sono più interessati a incentivare l'economia e trarre i maggiori profitti, piuttosto che a preservare l'ambiente per le generazioni future.

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    07/12/2005 CINA
    Cina, "trovato morto" dirigente licenziato dopo l'esplosione nell'impianto di Jilin

    Il vice-sindaco della città e responsabile della protezione ambientale "è stato trovato morto ieri". Era fra i 3 dirigenti licenziati dopo l'esplosione dell'impianto e l'inquinamento del fiume Songhua. Intanto il benzene tossico si avvicina alla Russia che accusa: "In Cina scarsa attenzione per l'ambiente".



    24/11/2005 CINA
    Una massa d'acqua velenosa lunga 80 km. arriva ad Harbin

    Contiene benzene che supera di 30 volte il limite consentito: può avvelenare, causare il cancro e altre malattie. Una popolazione furibonda e rassegnata attende che l'acqua passi. Si teme che l'inquinamento faccia danni anche in Russia.



    24/11/2005 CINA
    Le autorità pubbliche si scusano (in ritardo) per avere mentito sul disastro di Harbin

    Per 10 giorni la televisione ha continuato a minimizzare e mentire. Infuriati i commenti dei giornali.



    01/12/2005 cina
    Pechino invita chimici delle UN per testare le acqua inquinate

    Il governo cinese mostra segni di preoccupazione per l'inquinamento del fiume Songhua. Dopo quasi venti giorni dall'esposione della fabbrica petrolchimica di Jilin, causa dell'inquinamento del fiume Songhua, le autorità cinesi chiedono a chimici delle Nazioni Unite di analizzare le acque.



    19/01/2012 CINA
    Inquinamento e clima “minacciano la crescita cinese”
    A dirlo è il secondo Rapporto nazionale sui cambiamenti climatici pubblicato proprio dal governo di Pechino, secondo cui sono a forte rischio la capacità alimentare del Paese e l’accesso all’acqua potabile. Il governo parla di trasparenza e impegno, ma le municipalità ignorano queste direttive.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®