23 Marzo 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 08/02/2005, 00.00

    israele - palestina

    Gerusalemme, dove non c'è posto per gli arabi



    La politica urbanistica israeliana dimostra la volontà di escludere la presenza araba dalla Città santa.

    Gerusalemme (AsiaNews) – L'espansione degli insediamenti ebraici verso Gerusalemme Est e la "volontà politica" che muove le decisioni urbanistiche dimostrano che le autorità israeliane cercano di "escludere gli arabi" da Gerusalemme e di "ridurre al minimo" la presenza araba nella città. È quanto affermano ad AsiaNews fonti cristiane dalla Terra Santa commentando la notizia – riportata in un lungo reportage del quotidiano Washington Post – che l'insediamento ebraico di Maleh Adumim, a oriente di Gerusalemme, si sta allargando verso ovest, con il dichiarato scopo di congiungersi al limite della zona est araba, distante ora solo 3 km. L'espansione avviene senza i permessi necessari e "in violazione dei piani urbanistici previsti" secondo quanto affermato dal tenente israeliano Talya Somech, portavoce dell'amministrazione civile della West Bank.

    Altri segnali provano la tendenza israeliana a "chiudere" Gerusalemme Est, a maggioranza araba, in una morsa urbanistica di marca ebraica. Proprio ieri è stato reso noto il piano urbanistico del comune di Gerusalemme per i prossimi 20 anni. Il piano prevede che a Gerusalemme Est sarà possibile costruire al massimo 18 mila abitazioni, mentre la crescita demografica araba fa stimare in 35 mila le abitazioni necessarie.

    "Ci sono israeliani che parlano in favore della convivenza tra i due popoli" afferma ad AsiaNews un cristiano di Gerusalemme, che ha voluto mantenere l'anonimato. "Ma documenti come quello di ieri dimostrano che chi progetta lo stato israeliano a lungo periodo possiede la chiara volontà di escludere gli arabi da Gerusalemme". La politica israeliana, secondo l'interlocutore di AsiaNews, è predisporre "una catena di insediamenti per bloccare l'espansione di Gerusalemme est".

    Un esempio di tale procedimento è l'allargamento di Maleh Adumim, che va ad ingrandirsi verso ovest, in collina, mentre nella zona pianeggiante è stata costruita una zona industriale. I nuclei israeliani Nase Yakov e Gheravad Zev fermano la crescita urbanistica araba a nordest, mentre verso nordovest è il centro di Ramot a "funzionare" da blocco: queste costruzioni israeliane avvengono sempre su territori palestinesi occupati nel '67.

    Secondo un alto funzionario del ministero israeliano degli Interni con l'espansione in atto, Maleh Adumim raddoppierà la sua popolazione, ora di 30 mila abitanti. Gli attivisti anti-insediamenti denunciano che l'allargamento di Maleh Adumim è l'ultimo passo per tagliare fuori da Gerusalemme i palestinesi che vivono nella West Bank.

    Ma non è solo l'espansione urbanistica degli insediamenti ebraici a destare preoccupazione: secondo quanto riporta il Washington Post, l'organizzazione ebraica Ateret Cohanim – che rivendica il tacito assenso del governo israeliano - sta favorendo l'installazione di cittadini ebrei in edifici costruiti su terreni di proprietari arabi risultati "assenti" dopo la costruzione del Muro di difesa. Una legge del 1950, chiamata Absentee Property Law (Legge sulla proprietà degli assenti), stabilisce che i beni immobili di proprietari non più residenti in Israele vengono incamerati dallo stato israeliano attraverso un ente denominato Custodian of Absentee Property. Bisogna ricordare che un palestinese che per 3 anni non risiede a Gerusalemme non può più ottenere la carta d'identità per rientrare in città.

    Daniel Luria, portavoce di Ateret Cohanim, ha dichiarato che lo scopo del suo gruppo "non è bloccare l'accesso di Gerusalemme ai palestinesi" o di impedire la creazione di uno stato palestinese a fianco di Israele, ma che entrambi i risultati sono effetti "inevitabili" e "desiderabili" dell'attività dell'organizzazione. "Stiamo creando lo scudo di Gerusalemme" ha concluso Luria. (LF)

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    29/09/2004 Israele – Palestina
    Almeno 4351 le vittime israeliane e palestinesi in 4 anni di Intifada

    Una vittima eccellente è la politica palestinese, ormai nel caos



    24/11/2004 GIORDANIA - PALESTINA - ISRAELE
    La comunità internazionale intervenga per i Luoghi Santi
    Il Gran Mufti di Gerusalemme: "I palestinesi che sacrificano la loro vita, unica difesa per i luoghi santi dell'islam".

    03/04/2005 ISRAELE – PALESTINA – TERRA SANTA
    Mons. Sabbah: Papa sempre vicino alle sofferenze dei popoli di Terra Santa


    15/03/2005 israele - palestina
    Israele, il Muro comprenderà Gerusalemme Est
    Oggi la consegna di Gerico alle forze palestinesi. Crolla l'appoggio popolare al terrorismo come strumento per una Palestina indipendente.

    15/03/2005 ISRAELE – PALESTINA
    Suora da Betlemme: il rosario per la pace e il no al Muro




    In evidenza

    VATICANO
    Il Papa ai giovani: Memoria del passato, coraggio nel presente, speranza per il futuro



    Diffuso oggi il Messaggio per la 32ma Giornata mondiale della gioventù sul tema “Grandi cose ha fatto per me l’Onnipotente”. Il modello di Maria nel suo incontro con Elisabetta. Rifiutare l’immobilità del “divano” dove starsene comodi e sicuri. Vivere l’esperienza della Chiesa non come una “flashmob” istantanea. Riscoprire il rapporto con gli anziani. Vivere il futuro in modo costruttivo non svalutando “le istituzioni del matrimonio, della vita consacrata, della missione sacerdotale”.


    AFGHANISTAN
    P. Moretti: Le Piccole sorelle di Gesù, per 60 anni “afghane fra gli afghani”



    Hanno vissuto 60 anni al servizio dei bisognosi. Sono rimaste a Kabul sotto l’occupazione sovietica, il controllo dei talebani e i bombardamenti Nato. Rispettate da tutti, anche dai talebani. Questo febbraio è finita la loro esperienza, secondo p. Moretti “una a cui guardare”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®