17 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 07/12/2017, 09.11

    PALESTINA-USA

    Gerusalemme capitale, l'ira e la disillusione dei palestinesi



    Annunciati tre giorni di protesta e manifestazioni contro la decisione di Trump. A Gaza le contestazioni sono iniziate già prima dell’annuncio. Disperazione fra i palestinesi: “Abbiamo già perso tutto”.

    Gerusalemme (AsiaNews/Agenzie) – Tutte le fazioni palestinesi annunciano tre “giorni di ira” e manifestazioni in tutta la Palestina e non solo, in protesta alle dichiarazioni del presidente americano Donald Trump, che ha riconosciuto Gerusalemme come capitale d’Israele. A Gaza, in centinaia sono scesi in strada per protestare, già ore prima della dichiarazione ufficiale.

    In serata, mentre sulle mura antiche della Città vecchia sono state proiettate le bandiere israeliane e americane, le luci della Spianata della moschee si sono spente. Lo stesso è accaduto per le luci dell’albero di Natale, a Betlemme. Proteste sono esplose nella capitale giordana, dove molti palestinesi vivono.

    Il presidente dell’Autorità nazionale palestinese afferma che il presidente americano Trump ha abdicato al suo ruolo di mediatore per la pace. Il movimento islamico Hamas dichiara che la decisione di Trump “aprirà le porte dell’inferno”, definendola una “flagrante aggressione” contro i palestinesi, che incoraggia a dirigersi in tutti i punti di scontro con l’occupazione israeliana per far sentire la voce dei palestinesi.

    Ma oltre la rabbia, vi è anche molta disillusione. Alcuni palestinesi intervistati da Haaretz commentano con amarezza che la decisione di Trump non cambierà nulla. Uno di loro ha riferito: “Non perderemo davvero nulla, perché abbiamo già perso tutto”. Adnan Reit, attivista di Fatah a Gerusalemme, sottolinea che questo non passerà “in silenzio”, perché “c’è un’intera generazione che aspetta da lungo tempo, e ora hanno distrutto le loro speranze e non hanno niente da perdere”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    06/12/2017 19:34:00 USA-ISRAELE-PALESTINA
    Donald Trump: ‘è tempo di riconoscere ufficialmente Gerusalemme come capitale di Israele’

    Il discorso oggi dalla Casa Bianca. Gerusalemme è “il cuore di una democrazie più di successo”. L’appello a “calma” e “moderazione”. Gerusalemme da sempre punto nevralgico del conflitto israelo-palestinese



    11/12/2017 08:25:00 BANGLADESH – USA
    L’ira dei musulmani bengalesi per Gerusalemme capitale

    Gli imam contrari alla decisione di Trump di spostare l’ambasciata statunitense da Tel Aviv a Gerusalemme. Una protesta per le strade di Dhaka. Leader musulmani: “Trump distrugge la pace mondiale”.



    06/12/2017 08:56:00 ISRAELE-USA
    Ex-ambasciatori israeliani a Trump: non riconosca Gerusalemme come capitale d’Israele

    La situazione di Gerusalemme deve essere trattata nel processo di risoluzione globale. I leader arabi e non solo mettono in guardia sui pericoli della decisione. Trump annuncerà la decisione quest’oggi. A rischio la pace nella regione.



    14/12/2017 10:45:00 GIORDANIA
    Amman, le Chiese in marcia contro la decisione di Trump per Gerusalemme

    Circa 2mila persone hanno marciato in silenzio, portando candele, foto del re e bandiere. L’opposizione contro la scelta di Trump di riconoscerla capitale di Israele. Gerusalemme è nel cuore di tutti i musulmani; ed è anche radicata in quelli dei cristiani.



    09/12/2017 11:16:00 ISRAELE-PALESTINA
    Raid israeliani su Gaza: uccisi 4 palestinesi

    I raid sono in risposta a tre missili lanciati dalla Striscia che non hanno fatto alcuna vittima. Nelle manifestazioni a Gerusalemme est e nella West Bank sono stati feriti 217 palestinesi. Proteste contro la decisione di Trump su Gerusalemme in molti Paesi arabi e islamici.





    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: Avvento fra i profughi di Mosul, la solidarietà più forte delle difficoltà (Foto)



    P. Samir racconta un clima di gioia e di speranza, nonostante la mancanza di risorse e il calo negli aiuti. La lotta per sopravvivenza ha accresciuto il legame di unione fra cristiani e con musulmani e yazidi. Ancora oggi il centro ospita 150 rifugiati, il 70% dipende dalle risorse stanziate dalla Chiesa. Centinaia di giovani all’incontro di preghiera in preparazione al Natale.


    VATICANO-ASIA
    Xenofobia e populismo. Il caso dell’Asia

    Bernardo Cervellera

    Il simposio sul tema, voluto dal Consiglio mondiale delle Chiese (Wcc) e dal Dicastero vaticano per il servizio dello sviluppo umano integrale. Nella crescente ostilità verso gli altri, considerati come nemici e stranieri, tracciare le piste per l’impegno delle Chiese. I “migranti” tema politico importante in Germania e nella Brexit del Regno Unito. Testimonianze dall’America latina e dall’Africa. Esperienze asiatiche affidate al direttore di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®