13/06/2005, 00.00
israele- palestina - terra santa
Invia ad un amico

Gerusalemme: Patriarcato greco-ortodosso "ostaggio" nelle mani di Israele e Palestina

di Aryeh Cohen

I due governi non riconoscono ancora la scomunica di Ireneos I e pretendono di avere l'autorità per decidere chi deve essere il nuovo patriarca.

Gerusalemme (AsiaNews) - Il Patriarcato Greco-ortodosso di Gerusalemme ha diffuso un appello "a tutte le istituzioni religiose del mondo e a tutti i governi….per la salvaguardia dell'indipendenza, l'autonomia e l'unità" del Patriarcato. L'appello, che porta la data del 9 giugno, è stato distribuito a tappeto dall'Ufficio stampa del patriarcato ed è firmato dall'amministratore ad interim, il Locum Tenens Metropolita Cornelios. Il documento protesta con forza contro il rifiuto dei governi di Israele e Palestina di riconoscere la rimozione canonica dell'ex patriarca Ireneos e apprezza invece la posizione del governo giordano che "ha dato risposta immediata riconoscendo l'allontanamento di Ireneos e le elezioni del Locum Tenens, che preparerà le elezioni" del nuovo patriarca.

L'appello condanna anche la pretesa dei due governi di avere autorità nel determinare chi deve o non deve reggere il Patriarcato. In esso si precisa che "è vero che, per ragioni storiche", l'elezione del patriarca o del Locum Tenens è tradizionalmente "approvato" dai governi locali, ma questa "approvazione" è solo "un'indicazione di mutua fiducia e rispetto e un riconoscimento della volontà della Chiesa da parte dei governi. Esso non è mai stato concepito come un mezzo per intervenire – in modo diretto o indiretto – negli affari interni della Chiesa". Il Locum Tenens osserva che nella presente situazione, il Patriarcato è ridotto "allo stato di ostaggio, reso incapace di compiere la sua missione ed eseguire il suo lavoro".

Ireneos I è accusato di avere segretamente venduto a investitori ebrei alcuni palazzi di proprietà del Patriarcato, nella Città Vecchia di Gerusalemme, a pochi passi dalla porta di Giaffa. Il comportamento illecito di Ireneos ha spinto il Sinodo ortodosso a rimuoverlo dall'incarico il 7 maggio scorso. In seguito, il 24 maggio, il Sinodo pan-ortodosso di Costantinopoli (Istanbul) ha ratificato la decisione e ha "scomunicato" Ireneos del titolo e dell'autorità di patriarca. Da allora il governo israeliano, con guardie armate piazzate nel monastero greco della Città Vecchia, continua a difendere la presenza di Ireneos negli appartamenti del Patriarcato, contro la volontà del Sinodo patriarcale.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Gioia per gli ortodossi di Gerusalemme: Ireneos "scomunicato" come patriarca
25/05/2005
Dopo più di due anni Israele riconosce il patriarca greco-ortodosso Teofilo III
17/12/2007
L'Autorità palestinese riconosce la rimozione di Ireneos I
14/07/2005
Israele accusa: l'insediamento di Teofilo III è "un grave errore"
28/11/2005
Insediamento di Teofilo III, una nuova strada ai rapporti fra ortodossi e cattolici
25/11/2005