01 Ottobre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 11/01/2016, 00.00

    INDIA

    Gesuita indiano: La notizia dell’unione tra i radicali indù dell’Rss e i cristiani è falsa

    Nirmala Carvalho

    Un giornale indiano ha pubblicato la notizia di un presunto incontro tra il gruppo indù e vertici della Chiesa cattolica. Lo scopo del meeting sarebbe stato la creazione di un’organizzazione congiunta. P. Joseph Xavier: “La notizia è stata fabbricata per scopi elettorali. Era solo la festa di Natale, che la Conferenza episcopale organizza ogni anno”.

    Mumbai (AsiaNews) – La notizia dell’ipotetica unione tra i radicali indù del Rashtriya Swayamsevak Sangh [Rss, gruppo paramilitare e ultranazionalista – ndr] e la Chiesa cattolica dell’India è del tutto falsa. Le informazioni sui giornali indiani sono fabbricate ad arte e rispondono a disegni politici ben precisi. È il senso del commento inviato ad AsiaNews da p. Joseph Xavier, sacerdote gesuita esperto in tema di diritti umani e criminologia ed ex direttore esecutivo dell’Indian Social Institute di New Delhi. Lo studioso ritiene che la notizia del presunto incontro avvenuto a fine dicembre tra alcuni vertici della Chiesa indiana ed esponenti del gruppo estremista (che sostiene l’ideologia dell’Hindutva) sia solo un penoso tentativo di “falsa propaganda elettorale”. E aggiunge: “Non era un incontro organizzato apposta. Era la festa di Natale!”

    L’esperto si riferisce alla notizia pubblicata il 4 gennaio sull’Economic Times, che riportava la dichiarazione di Indresh Kumar, membro del consiglio nazionale dell’Rss. Secondo il radicale indù, il 17 dicembre scorso “quattro o cinque arcivescovi, 40 o 50 vescovi provenienti da 10-12 Stati dell’India avrebbero posto le basi per un’organizzazione congiunta tra indù e cristiani, sulla falsa riga di quella già esistente tra indù e musulmani, la ‘Muslim Rashtriya Manch’”.

    Mons. Kuriakose Bharanikulangara, arcivescovo di Faridabad, aveva smentito subito: “Per prima cosa, non era un incontro, ma la festa di Natale. Inoltre la notizia della creazione di un forum politico è priva di qualsiasi fondamento”. Nelle ore successive alla pubblicazione dell’articolo, altri esponenti della Chiesa cattolica indiana hanno espresso shock e stupore, sottolineando che l’accordo per la costituzione di un forum era un “resoconto errato”.

    P. Xavier infatti conferma che il presunto incontro “altro non era che la celebrazione della festa del Natale, a cui ogni anno la Chiesa cattolica invita esponenti di ogni colore politico, in particolare del governo. Tra gli invitati di quest’anno vi era anche Rajnath Singh, ministro dell’Interno”. Sostiene inoltre: “L’Economic Times ha messo in appendice l’evento formale e ha gonfiato la celebrazione del 17 dicembre con colpi di scena, colori e puzza. Sembra che nessuno – nemmeno il direttore o i reporter – abbia avuto il tempo per accertare i fatti”.

    Il gesuita riporta che lo United Christian Forum (Ucf) ha deciso di organizzare delle consultazioni per discutere di quanto avvenuto. L’incontro è fissato per il 13 gennaio.

    Nel frattempo, dice, “bisogna domandarsi cosa ha spinto i radicali dell’Rss a diffondere questa notizia. Perché queste frange sociali ma non statali corteggiano la comunità cristiana? Come si possono collegare questi sforzi alla strategia generale di annullare le minoranze, i dalit, gli adivasi e le altre comunità emarginate?”. Per lo studioso c’è solo una risposta: “Tutti sanno che a breve cinque Stati indiani andranno a elezioni. Tra questi vi è il Kerala, dove la rappresentanza dell’elettorato cristiano è consistente”.

    P. Xavier conclude: “Nessun dialogo può avvenire in questo vuoto, se non c’è apertura e un terreno comune basato sui valori e i principi sanciti dalla Costituzione indiana. La leadership cristiana ha il compito – superando la sindrome di minoranza – di sfidare e confrontarsi con quegli elementi che distruggono lo spirito democratico e laico di questa grande nazione”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    08/08/2011 INDIA
    Andhra Pradesh: arrestati 5 cristiani per false accuse, liberi i loro aggressori
    Avevano scritto “Gesù ci salva” vicino a un tempio indù. Per Sajan K George, presidente del Global Council of Indian Christians (Gcic), l’apatia delle autorità incoraggia gli estremisti indù ad aggredire la minoranza cristiana. È il terzo caso dall’inizio di giugno in Andhra Pradesh.

    17/06/2015 INDIA
    Kerala, arrestati 5 radicali indù: hanno attaccato un raduno cristiano
    Sono sospettati di avere affiliazioni con la Rashtriya Swayamesevak Sangh (Rss), gruppo paramilitare estremista indù. Il Global Council of Indian Christians plaude all’azione immediata dell’amministrazione.

    12/03/2015 INDIA
    Rajasthan: "scortati" dalla polizia, radicali indù attaccano cristiani pentecostali
    I militanti hanno fatto irruzione nell'abitazione di un privato cittadino, accusando i presenti di conversioni forzate. Arrestati il pastore pentecostale e il proprietario di casa, poi rilasciati. Global Council of Indian Christians (Gcic): "Ironico che la polizia, che per legge ha il dovere di proteggere i cittadini, abbia accompagnato i fondamentalisti".

    18/11/2014 INDIA
    Tamil Nadu, 100 radicali indù attaccano una comunità cristiana
    Quattro persone, tra cui il reverendo, sono ricoverate in condizioni gravi. Gli estremisti hanno tentato di aggredirle anche in ospedale. Dissacrato l'altare e un Bibbia, distrutto i veicoli della comunità. Global Council of Indian Christians (Gcic): "Violenze che diffondono una cultura che ritiene illegittime le conversioni religiose".

    16/12/2014 INDIA
    Riconversioni di Natale, la polizia dell'Uttar Pradesh "fermerà i radicali indù"
    Le forze dell'ordine prenderanno "misure rigide" contro gli organizzatori. Il gruppo paramilitare Rashtriya Swayamsevak Sangh (Rss) aveva in programma di far abiurare 4mila famiglie cristiane e 1.000 famiglie musulmane il prossimo 25 dicembre.



    In evidenza

    SIMPOSIO ASIANEWS
    Madre Teresa, la Misericordia per l’Asia e per il mondo (VIDEO)



    Pubblichiamo le registrazioni video degli interventi che si sono susseguiti durante il Simposio internazionale organizzato da AsiaNews il 2 settembre scorso. In ordine intervengono: P. Ferruccio Brambillasca, Superiore Generale del PIME; Card. Fernando Filoni, Prefetto della Congregazione di Propaganda Fide; Sr. Mary Prema, Superiora Generale delle Missionarie della Carità; P. Brian Kolodiejchuk, postulatore della Causa della Madre; Card. Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbai; P. John A. Worthley, sull'influenza di Madre Teresa in Cina; una testimonianza sull'influenza di Madre Teresa nel mondo islamico; mons. Paul Hinder, vicario apostolico dell’Arabia meridionale.


    CINA - VATICANO
    Pechino diffonde la nuova bozza di regolamenti sulle attività religiose. Più dura

    Bernardo Cervellera

    Multe fino a 200mila yuan (27mila euro) per “attività religiose illegali” da parte di cattolici o altri membri di comunità sotterranee. Fra le “attività illegali” vi è la “dipendenza dall’estero” (ad esempio il rapporto col Vaticano). Si predica la non discriminazione, ma ai membri del partito è proibito praticare la religione anche in privato. Precisi controlli su edifici, statue, croci. Controlli serrati anche su internet. Forse è la fine delle comunità sotterranee.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®