30/07/2014, 00.00
GIAPPONE
Invia ad un amico

Giappone, crolla la produzione industriale: ai minimi dallo tsunami del 2011

La nuova tassa sui consumi imposta dal governo Abe ha aumentato la tassa sugli acquisti dal 5 all'8%. E fra maggio e giugno le industrie ne pagano le spese: meno 3,3%. Analisti fiduciosi: "La gente ha fatto la spesa prima dell'aumento della tassazione, il mercato risalirà".

Tokyo (AsiaNews/Agenzie) - La produzione industriale giapponese è calata del 3,3% fra maggio e giugno 2014, uno dei primi effetti dell'aumento della tassazione sull'acquisto di beni e servizi. La tassa, innalzata su ordine del governo guidato dal conservatore Shinzo Abe, è passata dal 5 all'8% rendendo di conseguenza le merci più care. Si tratta della flessione più seria del settore dal 2011, quando il Paese venne scosso dall'enorme terremoto di marzo e dallo tsunami da esso provocato.

Sono calati sia gli acquisti di generi secondari che le spese per la casa, con uno 0,6% in meno nel campo della vendita al dettaglio. Secondo le previsioni dell'esecutivo, nei prossimi mesi dovrebbe risollevarsi almeno il settore manifatturiero: tuttavia, il ministero nipponico dell'Economia, del commercio e dell'industria preferisce non rilasciare dati.

Junko Nishioka, capo economista per il Giappone della RBS Securities, è comunque positivo: "Se analizziamo i flussi di produzione e acquisto, notiamo come prima dell'aumento della tassa siano saliti i numeri legati alle compravendite. La gente ha fatto la spesa prima di dover pagare di più. Il prossimo trimestre, quando si affievolirà l'effetto negativo della tassa, dovrebbe andare meglio".  

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Cina: in agosto cala anche il manifatturiero, nuovi timori per le Borse
01/09/2015
Giappone, l’economia cresce ma non convince gli analisti
09/06/2015
L’economia scende ancora, Tokyo aspetta le soluzioni di Abe
28/12/2012
Tokyo, cresce la disoccupazione, scende il prodotto industriale
31/07/2010
La produzione industriale giapponese cresce ad aprile del 5,2%, un record da 56 anni
29/05/2009