12/06/2017, 13.30
VIETNAM

Giro di vite di Hanoi sui social network. Gli attivisti: Provvedimento liberticida

Definite le sanzioni per i reati nei settori della comunicazione. Utenti multati per la divulgazione di informazioni private di individui o di organizzazioni. Punite le offese al prestigio di agenzie, organizzazioni o singoli rappresentanti dello Stato.

Hanoi (AsiaNews/Agenzie) – In caso di violazione delle norme contenute in un nuovo progetto di legge del Ministero delle Informazioni e delle Comunicazioni, gli utenti vietnamiti dei social network rischiano ora ammende fino a 50 milioni di vnd (2.200 euro circa).

Il ministero sta raccogliendo opinioni dagli esperti e dagli uffici di gestione dello Stato per un nuovo decreto che definisca in maniera chiara le sanzioni per i reati nei settori della comunicazione postale, delle telecomunicazioni, della radio, della tecnologia dell'informazione, dei social network e della sicurezza informatica.

Il progetto di legge del governo vietnamita è il primo a stabilire regolamenti dettagliati sulla responsabilità degli individui durante l'utilizzo dei servizi di social networking nel Paese. Gli attivisti per i diritti contestano con forza il provvedimento, percepito come l’ennesimo tentativo delle autorità di impedire la libertà di espressione in Vietnam.

Il decreto prevede che gli utenti dei social network possano esser multati per la divulgazione di informazioni private di individui o di organizzazioni senza previa approvazione. Ad esser punita sarà anche la pubblicazione di materiale online, comprese foto, video e articoli di natura sessuale o violenta. Queste violazioni comporteranno ammende da 20 milioni di vnd (785 euro) fino a 30 milioni di vnd (1.175 euro).

Secondo la normativa proposta, gli utenti che forniranno informazioni false o offenderanno il prestigio di agenzie, organizzazioni o singoli rappresentanti dello Stato, verranno puniti con multe da 30 milioni di vnd  fino a 50 milioni; da 10 (390 euro) a 20 milioni di vnd se utilizzeranno informazioni personali e immagini di altre persone per creare nuovi profili; da 2 (78 euro) a 5 milioni di vnd (196 euro) se non registreranno in maniera corretta le proprie informazioni personali.

Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Assam, giovani linciati per una fake news: 65 persone arrestate
13/06/2018 10:20
Apple fa un favore alla censura di Pechino: ‘Dobbiamo rispettare la legge’
03/08/2017 14:50
Via libera del senato: la polizia potrà spiare i siti visitati dai tagiki
15/07/2017 11:08
Giro di vite contro la Rete: Pechino vuole censurare lo streaming
19/08/2016 14:10
Pechino vuole schedare 17 milioni di bloggers
23/10/2006