29 Settembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 07/06/2012, 00.00

    RUSSIA

    Giro di vite sulle manifestazioni, alla vigilia di nuovo corteo anti-Putin

    Nina Achmatova

    Dopo il sì della Duma, anche il Senato russo approva il ddl che inasprisce le sanzioni a chi partecipa a dimostrazioni non autorizzate. I cittadini rischiano di dover pagare fino a 7mila euro. Per diventare legge manca solo la firma del presidente.

    Mosca (AsiaNews) - Aspetta solo la firma del presidente Vladimir Putin per entrare in vigore il controverso disegno di legge che aumenta in modo esponenziale le sanzioni previste per chi partecipa a manifestazioni non autorizzate. Secondo i difensori dei diritti umani, il testo lede il diritto a manifestare liberamente, stabilito nella Costituzione federale.

    Il controverso ddl ha ricevuto ieri, 6 giugno, il via libera del Consiglio della Federazione, dopo l'approvazione ieri alla Duma, al termine di un inedito dibattito durato 11 ore. Era dagli anni '90 ai tempi di Eltsin - il cui parlamento è ricordato come il più riottoso della Russia moderna - che non si assisteva a una seduta così movimentata, con l'opposizione che ha presentato una pioggia di emendamenti al documento proposto dal partito di maggioranza Russia Unita.

    Per chi partecipa a manifestazioni non autorizzate, le nuove regole aumentano del 200% le precedenti sanzioni: si può arrivare a pagare un  massimo di 300mila rubli (7mila euro) per i singoli,  600mila rubli per i funzionari pubblici (14mila euro) e un milione di rubli (23mila euro) per i soggetti giuridici. Per incorrere nelle multe, non serve avere "evidenti simboli politici" ma sarà sufficiente "essere in massa contemporaneamente" in un determinato luogo. Precisazione, che mirerebbe ad ostacolare anche le più creative forme di protesta messe in scena dall'opposizione negli ultimi mesi, come le passeggiate per le vie del centro o i sit-in nei parchi sfoggiando solo nastrini bianchi, emblema della protesta.

    Ora per diventare legge, il testo aspetta la firma di Putin. Il capo del Consiglio federale per i diritti umani, Mikhail Fedotov, ha già annunciato che chiederà al capo del Cremlino di porre il veto al documento, considerato contrario all'articolo 31 della Costituzione, in cui si garantisce il diritto alla libertà di manifestare. Critiche alla nuova legge sono arrivate, oltre che dalle forze politiche dell'opposizione russa, anche da organizzazioni come Human Rights Watch e dall'Assemblea parlamentare del Consiglio d'Europa. Il portavoce del Cremlino, Dmitri Peskov, ha annunciato che il presidente "ascolterà tutte le voci" prima di prendere la sua decisione. Ma le speranze che il ddl possa essere respinto sono davvero poche: due giorni fa, lo stesso Putin si è dichiarato favorevole all'iniziativa, che - a suo dire -uniformerebbe la Russia alla legislazione in materia già vigente in Europa.

    Se non ci saranno ostacoli, la legge potrebbe entrare in vigore già il 10 giugno, alla vigilia della prossima grande manifestazione anti-governativa convocata dall'opposizione a Mosca. Si tratta di un tempo record, fanno notare alcuni parlamentari interpellati dai media russi. "Nel passato recente - ricorda la senatrice Ljudmila Narusova - abbiamo votato con tale celerità solo per l'ingresso in guerra" contro la Georgia nel 2008.

     

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    13/06/2012 RUSSIA
    Pioggia e multe non spaventano Mosca, in migliaia in piazza contro Putin
    La seconda "marcia del milione" si è svolta senza alcuni dei leader dell'opposizione, sotto interrogatorio con l'accusa di aver fomentato le violenze della precedente manifestazione. Dal palco letto il manifesto della "Russia libera": dimissioni di Putin e nuova legge elettorale. Analisti: da oggi è possibile un nuovo futuro politico.

    27/06/2016 12:20:00 RUSSIA
    La Duma approva misure antiterrorismo che “mettono a rischio la libertà religiosa”

    Lo denunciano alcuni leader protestanti e attivisti per i diritti umani dopo l’approvazione della cosiddetta “legge Yarova”. Un pacchetto di misure che, tra le altre cose, renderà quasi impossibile lo svolgimento di processioni e limita di molto le “attività missionarie”.



    24/10/2012 RUSSIA
    Attivista arrestato confessa e incastra l'opposizione, ma sotto tortura
    La denuncia è di un gruppo di difensori per i diritti umani che ha fatto visita a Leonid Razvozzhaev nel carcere Lefortovo a Mosca: Non lo hanno fatto bere e mangiare per giorni e hanno minacciato di ucciderlo. L'uomo ha riconosciuto il coinvolgimento suo e di altri oppositori nell'"organizzazione di disordini di massa".

    22/10/2012 RUSSIA
    Il "nuovo stalinismo": attivista 'rapito' a Kiev e condannato a due mesi
    Si tratta di Leonid Razvozzhaev, membro del Fronte di Sinistra, movimento radicale nel mirino delle autorità dopo che una tv filo-Cremlino ha trasmesso un documentario in cui si accusa l'opposizione di pianificare un golpe. Difensori dei diritti umani denunciano: repressione in stile staliniano.

    19/04/2012 RUSSIA
    Proteste e scioperi ad Astrakan: le autorità ammettono irregolarità di voto
    Nella città del sud della Russia, l'ex candidato sindaco continua lo sciopero della fame contro i presunti brogli che hanno portato alla vittoria il rivale, membro del partio putiniano Russia Unita. Smettere di mangiare invece che andare in piazza, diventa una forma di dissenso che inizia a far paura al Cremlino.



    In evidenza

    SIMPOSIO ASIANEWS
    Madre Teresa, la Misericordia per l’Asia e per il mondo (VIDEO)



    Pubblichiamo le registrazioni video degli interventi che si sono susseguiti durante il Simposio internazionale organizzato da AsiaNews il 2 settembre scorso. In ordine intervengono: P. Ferruccio Brambillasca, Superiore Generale del PIME; Card. Fernando Filoni, Prefetto della Congregazione di Propaganda Fide; Sr. Mary Prema, Superiora Generale delle Missionarie della Carità; P. Brian Kolodiejchuk, postulatore della Causa della Madre; Card. Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbai; P. John A. Worthley, sull'influenza di Madre Teresa in Cina; una testimonianza sull'influenza di Madre Teresa nel mondo islamico; mons. Paul Hinder, vicario apostolico dell’Arabia meridionale.


    CINA - VATICANO
    Pechino diffonde la nuova bozza di regolamenti sulle attività religiose. Più dura

    Bernardo Cervellera

    Multe fino a 200mila yuan (27mila euro) per “attività religiose illegali” da parte di cattolici o altri membri di comunità sotterranee. Fra le “attività illegali” vi è la “dipendenza dall’estero” (ad esempio il rapporto col Vaticano). Si predica la non discriminazione, ma ai membri del partito è proibito praticare la religione anche in privato. Precisi controlli su edifici, statue, croci. Controlli serrati anche su internet. Forse è la fine delle comunità sotterranee.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®