21 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 07/05/2013, 00.00

    CINA

    Giudice della Corte Suprema: Basta sentenze politiche, ci distruggeranno



    Il vice presidente esecutivo del più alto organo giudiziario cinese scrive un articolo di denuncia: “È meglio rilasciare un colpevole che mettere in galera un innocente. Se continuiamo così, ci troveremo a dover affrontare una delle sfide più grandi alla legittimità stessa del nostro sistema legale. I tribunali siano liberi dal Partito”.

    Pechino (AsiaNews) - I tribunali cinesi "devono smetterla di pronunciare sentenze di condanna non sostenute da prove reali. È meglio rilasciare un colpevole che mettere in galera un innocente. Se continuiamo così, ci troveremo a dover affrontare una delle sfide più grandi alla legittimità stessa del nostro sistema legale". A dirlo non è un dissidente, ma il vice presidente esecutivo della Corte Suprema del popolo cinese, Shen Deyong.

    Negli ultimi mesi, una serie di condanne poi rivelatesi del tutto prive di fondamento hanno fatto infuriare l'opinione pubblica. Il sistema giudiziario cinese, nonostante sia definito dalla Costituzione nazionale "indipendente da ogni altro potere", è di fatto uno strumento del Partito comunista, che usa i tribunali per "risolvere" questioni legate ai diritti umani e civili della popolazione.

    Shen ha scritto un articolo sul People's Court Daily - l'organo ufficiale della Corte Suprema - per mettere un freno a questa situazione: "Se si rilascia un colpevole il cielo non trema, ma se un innocente va in galera il cielo potrebbe caderci sulla testa. Le sentenze di colpevolezza sbagliate sono spesso il risultato di ordini ricevuti o di un abbandono dei principi legati alla nostra carica. Se cose del genere accadessero in Occidente, l'onta di chi le ha commesse non svanirebbe mai".

    I processi legati al diritti penale in Cina si sono conclusi nel 2009 con il 99,9% di sentenze di colpevolezza. Ma una serie di errori clamorosi sono emersi nel tempo e hanno provocato l'ira della popolazione. Il 26 marzo scorso, la Corte Suprema della provincia del Zhejiang ha ribaltato dopo 10 anni una sentenza di colpevolezza per due uomini, incarcerati per l'omicidio di una donna ad Hangzhou.

    Ad aprile, inoltre, è emerso il caso di un uomo condannato alla pena di morte nel 2010 a Zhecheng. Il colpevole è stato poi rilasciato dopo che la sua presunta vittima è tornata nel suo villaggio natale. Lo scorso anno la provincia dell'Henan ha annunciato che i giudici saranno ritenuti responsabili dei loro errori "anche se sono in pensione", ma la misura non ha cambiato di molto le cose.

    Teng Biao, esperto di diritto all'Università di politica e legge di Pechino, ritiene che l'articolo di Shen sia "un buon primo passo, un progresso, anche se queste sembrano opinioni personali del giudice. Anche se i tribunali dovessero cambiare, rimarrebbero comunque sotto il tallone degli organi di sicurezza interni e delle Commissioni politiche del Partito comunista".

    Da diversi anni i dissidenti, gli attivisti per i diritti umani e persino i "grandi vecchi" del Partito comunista chiedono al governo di non interferire con il sistema giudiziario e assicurarne l'indipendenza. Nel dicembre del 2012 un gruppo di 71 giuristi ha presentato una lettera aperta all'esecutivo su questo tema, che tuttavia sembra essere stata del tutto ignorata.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    28/07/2017 14:09:00 PAKISTAN
    Corte suprema interdice il premier Nawaz Sharif. Minoranze: ha vinto la giustizia

    Il primo ministro, la figlia prediletta e altri familiari sono coinvolti nello scandalo dei Panama Papers. Fondi sospetti di società offshore utilizzati per acquistare alcuni appartamenti di lusso a Londra. Leader sikh esprime dubbi: “Sembra che ci sia stata una cospirazione per rimuovere un primo ministro eletto in maniere legale”.



    19/01/2010 CINA
    Corruzione in Cina, arrestati un dirigente comunista e un giudice della Corte Suprema
    Continua la campagna governativa contro i corrotti: l’ex vice presidente della Corte Suprema condannato all’ergastolo, mentre il segretario del villaggio di Hewan è finito in galera.

    30/08/2012 CINA
    Pechino, la Corte Suprema cerca di mettere il bavaglio agli avvocati difensori
    Un’interpretazione dei giudici più importanti del Paese sul nuovo Codice penale, che entra in vigore nel 2013, scatena le proteste delle associazioni legali: secondo la Corte, infatti, i giudici ordinari “possono sospendere fino a un anno gli avvocati dall’attività giuridica” in caso di “violazioni” non specificate. La nuova battaglia per la democrazia in Cina passa dai tribunali, e il Partito non la vuole perdere.

    24/11/2015 CINA
    Pechino, la giornalista Gao Yu presenta appello: domani la sentenza
    La reporter è stata arrestata per la terza volta nell’aprile 2015, e condannata a sette anni di galera per aver “diffuso segreti di Stato”. L’ultima udienza alla Corte Suprema del Popolo di Pechino è durata meno di un’ora. La donna, nota per le sue critiche al regime cinese, soffre di diversi problemi di salute.

    31/10/2006 CINA
    Cina, troppi errori giudiziari: solo la Corte Suprema potrà condannare a morte

    E' stata approvata oggi la legge che riporta ai vertici della magistratura cinese il diritto di condannare a morte gli imputati. Per un delegato dell'Anp, ogni anno avvengono "circa 10mila esecuzioni".





    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®