02/02/2018, 14.30
FRANCIA-ISLAM

Giustificare la schiavitù sessuale: Daesh non è solo. C’è anche al Azhar (II)

di Hocine Drouiche

I maestri del pensiero dello Stato islamico continuano a giustificare lo schiavismo delle donne (non musulmane) come “bottino di guerra”. E sono seguiti da molti pensatori e pensatrici contemporanei. La resistenza degli ambienti conservatori per una rilettura storica e contestuale dei testi dell’islam. La seconda parte (di tre) dello studio dell’imam Hocine Drouiche. La prima parte è stata pubblicata ieri.

Nimes (AsiaNews) – Riportiamo qui la seconda parte (di tre) dello studio dell’imam Hocine Drouiche sull’urgenza di una riforma del diritto islamico soprattutto sul tema dello stupro e dello schiavismo verso i non musulmani. La prima parte è rintracciabile qui.

 

La cancellazione dei dettami religiosi riguardanti la schiavitù sessuale è stata la lotta di molti pensatori musulmani tra cui Abdelouhaeb Maadeb, Mohamed Arkoune, Mohammed Chahrour e Nasr Hamed Abu Zeyd e altri che non hanno smesso di chiedere la storicizzazione e contestualizzazione delle interpretazioni di questi testi, per liberare l’islam e i musulmani dal peso del “passato sacro” che frena l’evoluzione del mondo musulmano. A causa di questa pesante eredità, il mondo musulmano si trova in conflitto con il mondo intero, in Occidente, in Cina, in India e in diversi Paesi africani. È questa eredità odiosa e sanguinaria ad aver messo anche i sunniti contro gli sciiti, i salafiti contro i sufi, ecc...

Ciò che ha reso la riforma più complicata è il rifiuto dei conservatori a qualsiasi contestualizzazione o storicizzazione dei testi, che autorizzano ogni tipo di violenza. In genere, tutte le interpretazioni sono legate alle cosiddette “ragioni di rivelazione (Asbaab ennuzul)”, l'annullamento di questi giudizi non sembra ancora fattibile di fronte alla grande resistenza delle scuole conservatrici e salafite che considerano ogni riforma come una modifica della legge di Dio, una messa in causa fondamentale delle basi dell’islam e una capitolazione davanti ai nemici dell'islam! In questo clima giuridico sfuocato che regna in questa grande nave dell’islam, che non è diretto da nessun clero unitario, le organizzazioni terroriste come Daesh non rappresentano un'eccezione. Esse continuano ad applicare alla lettera la sharia, che è ancora riconosciuta e insegnata nei diversi organismi musulmani nel mondo, negli istituti, come pure in numerose università ufficiali del mondo musulmano.

Al Monjid, uno dei riferimenti salafiti dell’islam contemporaneo, sul suo sito internet ha risposto con chiarezza a una domanda riguardante i trofei di guerra, comprese le donne: “Avere delle schiave sessuali rappresenta [è seguire - ndr] l’esempio del profeta, dei compagni e di tutti i nostri predecessori musulmani. Nessuno lo può vietare. Chi lo vieta commette un grande peccato perché va contro il consenso degli sapienti dell’Islam”.

La questione del jihad permanente in seno all’islam inserisce una sfocatura fra il diritto musulmano e il diritto internazionale umanitario contemporaneo sulla questione della protezione delle popolazioni civili nei conflitti armati.

Suad Salih (v. foto), direttrice degli studi universitari presso l'Università di al Azhar, dovrebbe scusarsi ufficialmente con tutte le donne non musulmane (yazide e altre) per le sue affermazioni disumane sul trattamento da riservare alle donne non musulmane, considerate o no come “bottino di guerra” durante i conflitti armati.

Continuando a diffondere in tutta la comunità musulmana questi dettami religiosi che autorizzano la messa in schiavitù dei “bottini” di guerra e la legalizzazione della schiavitù sessuale, le autorità e le università musulmane, pubbliche e private potrebbero essere interrogate e giudicate su questo punto, come pure sul loro ruolo e la loro responsabilità diretta e indiretta nel legalizzare questi crimini contro l'umanità.

Il diritto islamico contiene una serie di regole giuridiche musulmane che proteggono i civili, fra cui le donne, in caso di conflitti armati, ma molti musulmani vedono nello jihad una spada in perpetuo duello contro gli infedeli, i miscredenti e i nemici di Allah.

I musulmani che difendono questa visione binaria del mondo non fanno altro che stigmatizzare la religione che pensavano di difendere e dandole una falsa immagine.

 Ci si può chiedere legittimamente come il jihad possa pretendere di islamizzare tutte le menti, dato che i testi e il Corano sono molto precisi su questo punto. Vi è scritto: Nessuno ha un'autorità vincolante su un'altra.

 Come può il jihad arrogarsi la vocazione di imporre a tutto l’universo la giurisdizione unica dell'islam, mentre secondo il testo sacro del Corano, Dio ha creato i diversi popoli e le diverse nazioni perché si conoscano e non perché si affrontino? È chiaro che la nozione moderna di jihad è stata oggetto di molteplici manipolazioni in tutta la storia musulmana. Queste manipolazioni hanno portato a che questo concetto diventasse, in certe epoche, sinonimo di ferocia e aggressione.

Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Imam Drouiche: Il jihad con stupro, un crimine contro l’umanità (III)
05/02/2018 13:09
Imam Drouiche: Lo stupro di cristiane e yazide non si può considerare un diritto islamico (I)
01/02/2018 11:34
Ancora terrore a Parigi: lo Stato islamico rivendica l’attentato agli Champs Elisées
21/04/2017 08:40
Bambini-schiavi nell’inferno di Daesh (Foto)
01/09/2017 11:09
Lo Stato islamico a Mosul: il lento genocidio delle donne cristiane e yazide
25/06/2016 10:13