21 Settembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 29/03/2016, 15.32

    PAKISTAN

    Giustizia e pace: Il governo affronti il fondamentalismo una volta per tutte



    La Commissione episcopale: “Uccidere in nome della religione è inaccettabile, tanto più se a morire sono degli innocenti. Le risposte militari però non bastano: serve una campagna ad ampio raggio che individui e sradichi le radici del fondamentalismo violento”.

    Lahore (AsiaNews) – Uccidere in nome della religione “è inaccettabile, tanto più se a morire sono innocenti e fra questi addirittura donne e bambini. Oltre alla risposta militare, il governo pakistano deve cercare le radici di questo fondamentalismo violento e deve sradicarle”. È quanto afferma la Commissione episcopale Giustizia e pace in un documento a firma del presidente, mons. Joseph Arshad, e del direttore nazionale p. Emmanuel Yousaf.

    La Commissione stigmatizza il violento attentato che ha colpito Lahore il giorno di Pasqua. Anche se il bersaglio erano i cristiani, dice il documento, “tante nostre sorelle e tanti nostri fratelli sono morti mentre visitavano il parco in una domenica di festa. Preghiamo per tutte le vittime di questo attacco, che erano prima di tutto pachistani. Il primo ministro e il capo dell’esercito hanno condannato quanto accaduto: ci appelliamo affinché i responsabili siano portati alla giustizia e affinché vengano rinforzate le misure a protezione dei cittadini, soprattutto membri delle minoranze e classi più vulnerabili”.

    Non basta tuttavia rispondere attraverso l’esercito: “L’esecutivo compia le sue operazioni, ma deve rispondere alle cause di questa intolleranza. Deve condurre un’operazione su larga scala per eliminare quegli elementi, ancora prevalenti non solo nella provincia del Punjab ma anche in altre parti della nazione, che stanno agendo in chiaro disaccordo con il diritto e la legge dello Stato”.

    In Pakistan, concludono mons. Arshad e p. Yousaf, “l’incertezza della vita è sempre più ovvia ed evidente. Preghiamo il nostro Signore Gesù Cristo, affinché conceda alla nostra nazione perdono, tolleranza e pace. Possa Dio dare alle famiglie delle vittime la forza necessaria per affrontare la perdita dei propri cari”. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    24/08/2017 12:46:00 PAKISTAN
    Giustizia e pace: Indrias Masih ‘lasciato morire’ dai carcerieri perché cristiano

    Il detenuto è morto per “la negligenza e l’insensibilità” della polizia e delle autorità nella prigione di Lahore. Era agli arresti per il presunto linciaggio di due sospetti terroristi. Poteva aver salva la vita abiurando, ma non ha rinnegato il cristianesimo.



    26/07/2017 08:59:00 PAKISTAN
    Giustizia e pace condanna l’attentato di Lahore: salvare i giovani dal demone del terrorismo

    L’attentatore affiliato ai talebani aveva tra i 16 e i 18 anni. I gruppi estremisti usano “i nostri giovani per portare distruzione”. Educatore: “Non basta uccidere qualche sospettato. Il terrorismo è un’ideologia sbagliata che si insinua nel profondo della nostra società”.



    13/09/2017 12:15:00 PAKISTAN
    Il padre dello studente cristiano ucciso: L’uniforme della scuola è diventata il suo sudario

    Sharoon Masih è stato ucciso il terzo giorno di lezione dai suoi compagni di scuola. Giustizia e pace sostiene che il suo omicidio è colpa delle autorità della scuola. La morte “non una disputa tra adolescenti, ma causata da intolleranza, discriminazione e comportamento disumano”.



    15/02/2017 11:19:00 PAKISTAN
    Commissione Giustizia e pace: Dura condanna per l’attentato di Lahore

    I vertici della Commissione hanno firmato una dichiarazione congiunta. L’attacco suicida è costato la vita a 13 persone, tra cui due poliziotti. Veglia di preghiera e fiaccolata nella cattedrale. Il governo applichi il National Action Plan contro il terrorismo e fornisca alle forze di sicurezza un equipaggiamento adeguato.



    31/03/2016 08:20:00 PAKISTAN
    Lahore, i sopravvissuti all’attentato: Un lampo e tutto ha preso fuoco

    Al Jinnah Hospital di Lahore si trovano ricoverate in gravi condizioni 65 persone, fra cui 13 bambini, uscite vive dall’attacco al parco avvenuto a Pasqua. Kajal ha 17 anni, tre fratture gravi e quattro punti all’occhio destro: non vedrà più e avrà difficoltà a camminare, dice la madre, “ma almeno è qui con noi”. Taj, elettricista di 24 anni: “Dopo l’esplosione mi hanno persino rubato il cellulare”.





    In evidenza

    GIAPPONE-VATICANO
    Mons. Kikuchi: In sintonia col papa e il card. Filoni per la missione in Giappone

    Tarcisio Isao Kikuchi

    Il vescovo di Niigata e presidente di Caritas Japan commenta a caldo il messaggio papale inviato ieri ai vescovi del Giappone. Le tappe del viaggio del card. Filoni, che toccherà anche Fukushima. Rimane ancora “irrisolta” la questione del rapporto con il Cammino neocatecumenale.


    VATICANO-GIAPPONE
    Papa ai vescovi giapponesi: Siate sale e luce della società, anche andando contro-corrente



    In occasione della visita pastorale del card. Fernando Filoni, Prefetto di Propaganda Fide, nel Paese del Sol levante, papa Francesco spinge i vescovi e la Chiesa giapponese a rinnovare il loro impegno missionario nella società, segnata da suicidi, divorzi, formalismo religioso, povertà materiale e spirituale. La richiesta di collaborare coi movimenti ecclesiali, forse in memoria delle polemiche passate con il Cammino neocatecumenale.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®