20 Luglio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 14/08/2009, 00.00

    INDIA-STATI UNITI

    Gli Stati Uniti mettono l'India nella "Watch list": libertà religiosa a rischio

    Nirmala Carvalho

    La Commissione Usa sulla libertà religiosa denuncia l’immobilismo del governo indiano davanti alle gravi discriminazioni verso le minoranze religiose. Stizzita reazione di New Delhi: “Ingerenza indebita”. Per la Chiesa indiana è il segno della preoccupazione della comunità internazionale per la crescita dell’intolleranza religiosa nel Paese.

    Mumbai (AsiaNews) - La Commissione Usa sulla libertà religiosa internazionale (Uscirf) inserisce l’India nella cosiddetta Watch list, la “lista di attenzione” che include i Paesi in cui le minoranze religiose ed etniche soffrono gravi discriminazioni. L’Uscirf chiede al presidente Barak Obama di fare pressioni sul governo di New Delhi che “merita” l’ingresso nella lista per la “risposta ampiamente inadeguata” alle violenze fondamentaliste contro i musulmani del Gujarat nel 2002 ed i cristiani in Orissa nel 2008-2009.  

    Stizzita la reazione dell’India che si trova così equiparata a Paesi come Pakistan, Afghanistan, Egitto, Indonesia, Somalia e Cuba. Vishnu Prakash, portavoce del Ministero indiano degli esteri, ha definito l’inserimento nella cosiddetta Watch list “una richiesta aberrante” ed una “indebita ingerenza” nella vita politica del Paese. 

    P. Babu Joseph, portavoce della Conferenza episcopale Indiana (Cbci), spiega ad AsiaNews che la decisione dell’Uscirf  “è una chiara indicazione della preoccupazione crescente della comunità internazionale per i ripetuti fallimenti dell’India per prendere misure correttive decisive per contenere l’intolleranza religiosa”.   

    I rapporti tra India e Usa in materia di libertà religiosa sono da tempo agitati. Il Rapporto annuale sulla libertà religiosa stilato dall’Uscirf, presentato a Washignton il 1° maggio parlava di “segnali positivi” da parte dell’India. A luglio però la Commissione aveva chiesto di visitare l’Orissa per verificare la situazione dei profughi cristiani nella zona e le loro condizioni dopo i pogrom indù dell’agosto 2008. Le autorità indiane avevano negato i visti d’ingresso, suscitando polemiche. Ora è arriva l’inserimento del governo di New Delhi nella Watch list.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    22/11/2008 INDIA
    Orissa, fondamentalisti indù offrono un premio a chi uccide un cristiano
    Premi in denaro, vestiti, liquori e altri beni per chi ammazza un cristiano o ne distrugge le proprietà. Il ministro degli interni chiede la creazione di un reparto speciale della polizia per proteggere le vittime delle violenze. Nel pogrom lanciato dai fondamentalisti vengono reclutate anche le donne, addestrate in luoghi segreti all’uso di spade e bastoni.

    20/11/2008 INDIA
    Il governo dell’Orissa ammette possibili nuovi attacchi contro i cristiani
    Il governatore dice che alcune zone non sono ancora pacificate, nonostante lo sforzo delle autorità. La fuga dei contadini nella foresta mette in serio pericolo i raccolti. Leader cristiani sottoscrivono un memorandum con gli interventi di emergenza da sottoporre al prossimo consiglio dei ministri.

    03/11/2009 INDIA
    Processi lenti e assoluzioni a catena per i pogrom dell’Orissa
    Due ong del Kandhamal promuovono un incontro con le vittime delle violenze e lanciano l’allarme: i fallimenti della giustizia portano il “rischio di tensioni sociali”. Dei 900 casi depositati solo 30 sono stati dibattuti nelle corti speciali. Ad oggi le assoluzioni sono 115, le condanne solo 27 e i testimoni dei processi vivono sotto minaccia continua.

    04/09/2009 INDIA
    Storie di fede dai perseguitati dell’Orissa
    Abhimanyu Nayak, 44 anni, è un cristiano del villaggio di Barapalli, distretto di Kandhamal. Il 27 agosto 2008 viene picchiato e bruciato vivo da una folla di estremisti indù. Ora la sua storia è raccolta insieme alle testimonianze di altri cristiani che hanno subito il pogrom che ha sconvolto l’Orissa.

    24/08/2010 INDIA
    Dietro i massacri dell’Orissa, gli interessi economici delle alte caste indù
    A due anni dai pogrom anti-cristiani, iniziati il 24 agosto 2008 nel distretto di Kandhamal (Orissa), i superstiti delle violenze sono ancora in pericolo e chiedono giustizia. Arcivescovo di Cuttack Bhubaneswar, attacca gli uomini d’affari delle alte caste indù. Essi si sarebbero serviti dei massacri per mantenere il potere economico nella regione, impedendo alla Chiesa l’emancipazione di Dalit e tribali convertiti al cristianesimo.



    In evidenza

    CINA
    Liu Xiaobo: una fiaccola che illumina la civiltà umana



    La testimonianza del grande dissidente non violento, lasciato morire di cancro, è il più alto contributo all’umanità negli ultimi (sterili) 500 anni di storia cinese. Il ricordo di Liu (e di sua moglie) da parte di un sacerdote del nord della Cina.


    INDIA
    Goa: croci distrutte, cimitero dissacrato. Mons. Neri Ferrao: colpa dell’odio religioso



    Le croci sono state lasciate infrante ai margini della strada. Nel cimitero di Guardian Angel Church danneggiate 28 nicchie, cinque croci di legno e nove in granito, 16 tombe e la grande croce all’ingresso. Sajan K George: “Durante un raduno di indù, un fondamentalista ha detto che tutti quelli che mangiano la vacca devono essere impiccati”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®