27 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 05/01/2016, 00.00

    NEPAL

    Gli Stati del Golfo temono la “coscienza politica” degli emigrati nepalesi

    Christopher Sharma

    Oltre un milione di migranti economici nepalesi lavorano nelle monarchie del Golfo. Stime non ufficiali parlano di altri due milioni di lavoratori illegali. Tutti sono membri di partiti politici “gemelli” di quelli della madrepatria che organizzano feste, eventi culturali e sportivi. Organizzazioni in difesa dei diritti umani denunciano da anni lo sfruttamento degli impiegati nepalesi.

    Kathmandu (AsiaNews) – Milioni di lavoratori nepalesi emigrati negli Stati del Golfo rischiano il licenziamento se non si asterranno subito da qualsiasi attività politica. I loro datori di lavoro temono la partecipazione a organizzazioni partitiche legate alla madrepatria, i cui leader vengono invitati spesso in conferenze e incontri nelle monarchie del Golfo, a spese degli stessi migranti economici.

    Fonti del ministero degli Esteri nepalese informano che Qatar, Arabia Saudita, Oman, Baharain e altri Stati hanno sollevato la questione in modo ufficiale con le autorità di Kathmandu. Secondo i dati del governo del Nepal, nei Paesi del Golfo vivono e lavorano almeno un milione di lavoratori. Altre stime non ufficiali parlano invece di circa due milioni impiegati in manodopera illegale. Tutti loro fanno parte almeno di un partito politico nepalese o “gemello” di quelli esistenti nella madrepatria.

    Funzionari di governo riferiscono che i cittadini che lavorano all’estero raccolgono fondi e organizzano visite di leader politici negli Stati in cui risiedono, oltre a eventi culturali e sportivi. I Paesi di accoglienza non vedono di buon occhio tali attività, che spingerebbero i migranti a maturare una “coscienza politica”.

    Il ministero degli Esteri nepalese fa sapere di aver già avvisato i propri cittadini all’estero, che d’ora in poi dovranno astenersi da qualsiasi attività che potrebbe compromettere i rapporti commerciali con le monarchie del Golfo.

    Tara Prasad Pokhrel, portavoce del ministero, ha dichiarato: “I Paesi dell’area non hanno ancora fatto richieste specifiche, ma i lavoratori devono assumere con serietà responsabilità e obblighi nei luoghi di residenza”. “Questi Stati – ha aggiunto – sono molto importanti per noi e sono destinazioni privilegiate dei nostri cittadini. I lavoratori all’estero contribuiscono in maniera determinante al Pil nazionale. Essi devono cessare ogni iniziativa che possa urtare i datori di lavoro”.

    Yagya Bahadur Hamal, ambasciatore del Nepal in Kuwait, ha detto: “I Paesi [del Golfo] sono più rigidi in termini di politica e tradizioni religiose”. Il suo collega Harischandra Gimire, ex capo della divisione consolare in Qatar, conferma: “I lavoratori migranti devono evitare ogni attività connessa con la religione e la politica”.

    Da anni le organizzazioni in difesa dei diritti umani lamentano una scarsa protezione legislativa dei lavoratori nepalesi all’estero. Alcuni Stati del Golfo hanno anche impedito loro di far ritorno a casa per visitare i parenti o dare l’estremo saluto ai defunti, dopo il terremoto dell’aprile 2015. In Qatar inoltre è il vigore il cosiddetto sistema della “kafala”, che lega il dipendente al suo datore di lavoro, impedendogli di cambiare impiego fino allo scadere del contratto o senza il permesso del titolare.

    Associazioni umanitarie denunciano che spesso vengono confiscati i passaporti, non esistono pagamenti regolari e le assicurazioni sanitarie sono limitate. La Confederazione internazionale dei sindacati ha sottolineato quindi la “facilità di sfruttamento” in simili condizioni.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    02/12/2015 INDIA
    Vescovo di Jaipur: Il governo non abbandoni gli indiani che lavorano all’estero
    Mons. Oswald Lewis è il presidente dell’Ufficio per il lavoro della Conferenza episcopale indiana. L’Ufficio collabora anche con la Commissione Giustizia e pace per “assicurare protezione a tutti i lavoratori indiani”. Dopo aver concesso il passaporto e aver accertato la correttezza delle procedure contrattuali, il governo “deve continuare a sorvegliare i migranti”. Si devono raccogliere informazioni sul datore di lavoro e sulla destinazione del lavoratore.

    07/08/2006 NEPAL
    Nepal: nelle piantagioni di thé, cristiani uniti per non essere sfruttati

    Nei campi dell'est i lavoratori sono per lo più indiani di fede cristiana. I proprietari delle terre li fanno lavorare a poco più di un dollaro, per oltre 10 ore al giorno. Sindacati fanno pressione sui produttori, che si dicono pronti  al dialogo.



    06/07/2010 SINGAPORE – STATI UNITI
    Gli Stati Uniti accusano Singapore sul traffico di esseri umani
    Singapore non farebbe abbastanza per impedire prostituzione e sfruttamento del lavoro. Il rapporto del Dipartimento di Stato Usa sul traffico umano mette la città-stato insieme ad Afghanistan, Iraq, Cina e India. Singapore rifiuta le accuse e invita gli Stati Uniti ad esaminare con più attenzione i dati.

    10/11/2007 CINA - STATI UNITI
    Bambini in coma, Pechino sospende l’esportazione dei giochi tossici
    Numerosi bambini ammalati per avere ingerito una sostanza tossica di giochi “made in China”, alcuni in coma. I giochi ritirati dal mercato in molti Paesi e a Hong Kong. Intanto crescono le accuse contro la Disney per lo sfruttamento degli operai che in Cina fanno i suoi giochi.

    02/05/2016 15:43:00 PAKISTAN
    Sindacati in piazza: Ridate i diritti ai lavoratori del Pakistan

    Ieri centinaia di persone sono scese per le strade, aderendo alla campagna “Un salario per vivere”. Le unioni sindacali lamentano lo sfruttamento di donne e bambini e salari bassissimi. Gli attivisti della Commissione asiatica per i diritti umani denunciano la connivenza della politica con le aziende.





    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®