02/10/2007, 00.00
ARABIA SAUDITA
Invia ad un amico

Gran muftì saudita, giovani non andate all’estero per fare la jihad

Lo sheikh Abdulaziz in una dichiarazione diffusa dall’agenzia ufficiale, mette in guardia contro la strumentalizzazione da “forze esterne”. E’ contro la legge islamica partecipare ad una guerra santa non condonata dalle autorità religiose.
Riyadh (AsiaNews) – I giovani non debbono andare all’estero per fare la Guerra santa, perché la situazione è “complessa e non chiara” e, mancando della necessaria esperienza, “possono essere attratti da elementi deviati”. L’affermazione è del gran muftì dell’Arabia Saudita, Abdulaziz bin Abdullah bin Mohamed Al Al-sheikh ed è stata fatta in un discorso del quale ha dato notizia l’agenzia ufficiale SPA.
 
Rivolgendosi ai giovani, la massima autorità religiosa sunnita del Paese ha sostenuto che “questi giovani sono entusiasti della loro religione, ma mancano del livello di conoscenza che li rende capaci di distinguere tra i comportamenti giusti e sbagliati.
 
Poiché è contro la legge islamica partecipare ad una guerra santa non condonata dalle autorità religiose, “compiendo queste cose – ha proseguito – i giovani commettono alcune violazioni dell’ordine e dell’insegnamento islamico, compresa la disobbedienza ai nostri governanti e si mettono a rischio di essere attratti da elementi deviati e usano male il loro entusiasmo per dare vantaggi politici e militari ad ambienti sospetti”.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Gran Mufti: Giovani, non andate in Iraq per il jihad
12/11/2004
Avvistata in un porto somalo la petroliera saudita dirottata
18/11/2008
Gruppo armato attacca il consolato USA a Jeddah
06/12/2004
Arrestate 19 persone per gli attentati a Medina e Jeddah, 12 sono pakistani
08/07/2016 08:52
Medina: kamikaze colpisce la moschea di Maometto, morti quattro agenti
05/07/2016 08:53