19/03/2007, 00.00
IRAQ
Invia ad un amico

Gruppi islamici impongono una tassa sui “sudditi" cristiani

Milizie islamiche a Baghdad e Mosul ordinano di riscuotere dai cristiani la jizya, l’imposta dei tempi dell'Impero ottomano che garantiva il permesso ai non musulmani di praticare la loro fede e ne assicurava la protezione; tra le direttive anche quella di “non farsi scoprire” dalle autorità governative mentre si versa il tributo in moschea.
Baghdad (AsiaNews) – “I sudditi non musulmani devono pagare il tributo al jihad se vogliono avere il permesso di continuare a vivere e professare la loro fede in Iraq”. Sono le direttive imposte dalle milizie islamiche ai cristiani di Baghdad e Mosul, che si vedono inoltre costretti a lasciare le loro case perché lettere minatorie ne assegnano già la proprietà a cittadini musulmani. L’iniziativa sembra rientrare nella più generale campagna di islamizzazione del Paese, già avviata con l’obbligo di indossare il velo per tutte le donne. A darne notizia il sito in arabo Ankawa.com, che riporta le testimonianze di diversi iracheni fuggiti ad Erbil, nella regione semi autonoma del Kurdistan.
 
Il quarto anniversario dell’entrata delle forze americane a Baghdad, 20 marzo 2003, non vede miglioramenti nelle condizioni della sempre più esigua comunità cristiana. Attentati, rapimenti e minacce continuano a segnare la quotidianità di chi non è riuscito a fuggire. Ultimo segnale di una situazione sempre più preoccupante, la notizia dell’obbligo del pagamento della jizya, l'imposta di “compensazione” chiesta dal Corano ai sudditi non-musulmani “protetti” tuttavia dalla umma islamica. La tassa è stata riscossa dall’Impero ottomano fino al suo crollo nel 1918, ma ora dalle moschee di Baghdad e Mosul è partito l’ordine di introdurla di nuovo, “senza che le autorità ne siano a conoscenza”.
Come raccontano alcuni cristiani, si tratta di un tributo alla guerra santa, che - secondo i jihadisti - protegge anche loro da aggressioni esterne. Il denaro va consegnato alla moschea preposta, “con l’accortezza di non farsi scoprire dal governo”.
Altri racconti parlano poi di lettere lasciate nei giardini di casa o all’ingresso delle abitazioni di cristiani in cui si avvertono le famiglie di abbandonare le loro proprietà perché sono già state assegnate ad altri, di cui nella missiva si riportano nomi e cognomi.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Minacce di morte a Lina Joy, che combatte per la libertà religiosa e per la vita
29/08/2006
Aceh, nuove norme pro-sharia: maschi e femmine separati a scuola
06/05/2015
Sharia in Brunei, celebrità e uomini d’affari contro il Sultano
06/05/2014
Il Sultanato del Brunei “rimanda” l’introduzione delle norme ispirate alla sharia
22/04/2014
La legge sull'autonomia di Aceh piace agli osservatori di pace, non agli ex-ribelli
13/07/2006