07/05/2010, 00.00
INDONESIA
Invia ad un amico

Gruppo terrorista legato ad Abu Bakar Baasyir

di Mathias Hariyadi
Arrestate 12 persone sospettate di avere legami con gruppi di addestramento alla guerriglia in Aceh e nelle Filippine. Il fondatore del gruppo è l’imam di Java Centrale. Baasyir nega ogni accusa: “È colpa di Washington”.

Jakarta (AsiaNews) – Un raid compiuto dalla polizia contro un gruppo terrorista potrebbe portare a prove più schiaccianti contro Abu Bakar Baasyir, quale capo o sostenitore del terrorismo estremista islamico.

Per molto tempo le forze di sicurezza indonesiane hanno avuto forti sospetti che Abu Bakar Baasyir avesse legami con la Jemaah Islamiyah, ma il legame è stato negato con forza.

Ieri notte le squadre anti-terrore sono penetrate in una casa a Pejaten di Pasar Minggu (Jakarta sud) e hanno arrestato 12 membri dello Jamaah Anshoru Tauhid (Jat). Questo è un gruppo islamico radicale fondato proprio da Abu Bakar Baasyir, che ne è ancora il capo.

Baasyir, indonesiano, è fuggito in Malaysia durante il governo di Suharto. Tornato nel Paese, egli è presidente di un collegio scolastico islamico (pesantren) a Ngruki di Sukoharjo, vicino a Surakarta (Solo) (Java Centrale).

Il Jat è un’organizzazione separatasi dall’Indonesian Mujahedeen Council (Mmi), entrambe fondate da Baasyir. Egli però ha poi deciso di lasciare il Mmi perché questi no cerca più l’imposizione della sharia in tutta l’Indonesia.

I 12 arrestati di ieri sono sospettati di sostenere azioni terroriste, in particolare reclutamento, finanziamento e addestramento di personale per azioni paramilitari nella provincia di Aceh.

Il raid della notte scorsa mirava a arrestare Mustafa alias Abu Tholut, un comandante regionale della JI, già esperto addestratore nei campi di Hudaibiyah a Mindanao (Filippine sud).

Scondo la polizia Mustafa sarebbe quello che mantiene i rapporti fra Abu Bakar Baasyir e i gruppi terroristi ad Aceh.

I vicini di Pejanten hanno confermato che Baasyir è stato visto spesso a incontri nella casa dei sospettati.

Abu Bakar Baasyir ha negato con forza i suoi legami con gruppi terroristi in Indonesia e condannato il raid della polizia contro “i suoi ragazzi”, arrestati senza alcun mandato.

Secondo l’imam, “Washington ha ordinato ai suoi leali subordinati in Indonesia di catturarmi e portarmi in prigione, perché muoia dietro le sbarre”. Egli ha però ammesso che la Jamaah Anshoru Tauhid è stata fondata come organizzazione paramilitare. “ma il mio gruppo – ha detto – non è un gruppo terrorista”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Mindanao: l'esercito arresta presunto leader di Abu Sayyaf
21/02/2012
Sumatra, fondamentalisti uccidono 3 poliziotti per vendetta
22/09/2010
Il religioso islamico Baasyr ha finanziato il terrorismo ad Aceh
19/08/2010
Il sospetto terrorista Baasyr non vuole parlare, perché le domande della polizia sono haram
17/08/2010
Abu Bakar Baasyr arrestato per terrorismo
09/08/2010