30 Maggio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 21/04/2017, 15.53

    CINA

    Guo Wenhui: La corruzione endemica della Cina. Voice of America interrompe l’intervista



    Una trasmissione con intervista del magnate è stata interrotta dietro pressioni del governo cinese. Guo vuole rivelare la corruzione ai massimi livelli della leadership del Partito comunista. Pechino riesce a far emettere un mandato di arresto internazionale contro di lui. Le accuse contro Wang Qishan e la sua famiglia. Wang è il capo della lotta contro la corruzione in Cina, amico di Xi Jinping.

    Hong Kong (AsiaNews/Agenzie) – Il miliardario Guo Wenhui, braccato dall’Interpol, è al centro di una storia di corruzione, di spie, di accuse al governo cinese. Guo, considerato un re al centro di un impero immobiliare, ha una ricchezza pari a 120 miliardi di yuan (circa 18 miliardi di dollari Usa). Da due anni vive all’estero negli Stati Uniti, forse per sfuggire alle accuse di corruzione che in questi anni si sono accumulate verso di lui. 

    Due giorni fa egli doveva avere una lunga intervista con la radio Voice of America (VoA), considerata uno strumento di libertà di espressione, per nulla sottomessa al potere cinese. L’intervista, pubblicizzata giorni prima, annunciava che Guo avrebbe rivelato anche casi di corruzione ai livelli più alti della leadership. Ma la VoA ha curiosamente interrotto la trasmissione dopo un’ora, pur avendo detto in precedenza che l’intervista sarebbe durata tre ore.

    Giornalisti di VoA affermano che il governo cinese aveva fatto pressioni giorni prima perché non si trasmettesse l’intervista. Bridget Serchak, direttrice delle relazioni pubbliche di VoA ha invece spiegato che il “taglio” dopo un’ora era previsto e che la radio avrebbe in seguito mandato in onda spezzoni del resto dell’intervista. Per la Serchak vi è stato solo un “errore di comunicazione”.

    Intanto, lo stesso giorno dell’intervista, il governo cinese ha ottenuto dall’Interpol un mandato di arresto internazionale per Guo, accusato di corruzione. In ciò è stato forse facilitato dal fatto che il capo attuale dell’Interpol è Meng Hongwei, vice-ministro cinese della sicurezza. In più, lo stesso giorno, il 19 aprile, i media statali hanno diffuso una “confessione” del vice-capo della sicurezza cinese, Ma Jian. Nel video, Ma afferma di aver ricevuto da Guo almeno 60 milioni di yuan (circa 8,7 milioni di dollari Usa) in cambio di ”favori” quali: intercettazioni telefoniche dei concorrenti di Guo; congelamento dei loro conti bancari; frenare inchieste della polizia contro Guo e la sua compagnia; minacciare giornalisti che scrivevano articoli negativi su di lui.

    Durante l’intervista a VoA Guo ha detto che le accuse di Ma Jian erano “imprecise”. In ogni caso esse portano alla luce le connessioni corrotte fra politici e businessmen.

    Il presidente Xi Jinping ha lanciato da diversi anni una lotta alla corruzione che rischia di far crollare lo stesso partito comunista cinese. Ma molti sospettano che questa lotta abbia fini politici: l’eliminazione dei suoi oppositori.

    Guo sta minacciando da tempo di rivelare le trame corrotte ai più alti livelli del Politburo. E oggi, in risposta alla censura su VoA e al mandato di arresto dell’Interpol, ha dichiarato di voler rivelare tutte le “transazioni all’estero” della famiglia di Wang Qishan. Wang è il capo del gruppo che lotta contro la corruzione, stretto amico di Xi Jinping.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    24/10/2016 14:27:00 CINA
    Al via il Sesto Plenum del Partito comunista cinese

    A tema: “governare il Partito in una maniera stringente”. La corruzione rimane la preoccupazione n. 1. Ma tutte le riforme economiche e politiche sono ferme. Nuovi membri si preparano a entrare nel Comitato centrale. Il pensionamento di Wang Qishan. E quello di Xi?



    26/07/2012 CINA
    La moglie di Bo Xilai accusata di omicidio
    L'accusa è stata confermata dalla Corte popolare di Hefei. Gu Kailai e Zhang Xiaojun, il maggiordono, avrebbero avvelenato Neil Heywood, faccendiere britannico, nella sua stanza d'albergo.

    11/04/2012 CINA
    Bo Xilai espulso dal Partito; la moglie sospettata di omicidio
    Bo sarebbe implicato nell'assassinio di un britannico, Neil Heywood, amico di famiglia, poi ucciso dalla moglie di Bo. Voci di un colpo di Stato. Il Quotidiano del popolo esorta alla "unità" del Partito e rivendica la sua "santità" e "purezza". La lotta interna per il potere in previsione del Congresso del Partito. Le trame molto simili a quelle di Chen Xitong, di Chen Liangyu e di Lin Biao.

    22/08/2013 CINA
    Jinan, inizia il processo contro Bo Xilai. Per molti è una farsa
    Bo è apparso disteso e abbronzato. Ha negato di aver preso alcune tangenti, a differenza di quanto dichiarato in un'inchiesta interna del Partito. Dimostranti e suoi sostenitori portati via dalla polizia. Ai media stranieri proibita la presenza al processo. I media cinesi invitati a far uso dei dispacci ufficiali della Xinhua. Per Bao Tong a questo processo il Partito processa se stesso.

    26/08/2013 CINA
    'Nessuna pietà' per Bo Xilai, che accusa: Wang Lijun è stato l'amante di mia moglie Gu Kailai
    Il combattivo ex capo di Chongqing ammette "abusi di potere" ed è spiacente verso il Partito. Ma definisce "bugiardo" l'ex capo della polizia e suo ex braccio destro, in combutta con la moglie. Le molte rivelazioni offrono una fotografia dello squallore in cui versa tutta la leadership del Partito. Una "Dinasty" comunista.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    I 10 anni dalla Lettera di Benedetto XVI alla Chiesa in Cina. La debolezza di alcuni vescovi

    Fr Peter

    La Lettera esprime “l’amore del Santo Padre per la nostra Chiesa”. La “tragedia” per la Chiesa in Cina: vescovi che divengono “funzionari di Stato”, “non danno ascolto alla Lettera” e hanno paura di “dare la vita per il gregge”. Ma vi sono “vescovi e sacerdoti [che] salvaguardano la vera fede della Chiesa cattolica”. Un grazie profondo alla Chiesa universale.


    VATICANO – CINA
    Simposio AsiaNews, Savio Hon: “Va dissipato il grigio pragmatismo”



    Sorto sul principio della crescita a tutti i costi, sintetizzato da Deng Xiaoping nello slogan: “Non importa se il gatto è nero o bianco, purché catturi i topi”. Oggi non si distingue più il bianco dal nero, il vero dal falso. Così gli eroi della fede sono sfidati dai lupi travestiti da pecore


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®