22 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 25/01/2017, 16.09

    VIETNAM

    Hanoi, di nuovo in carcere il leader cristiano Nguyên Van Oai. Giro di vite sugli attivisti



    Egli è stato arrestato per resistenza a pubblico ufficiale e mancato rispetto dell’obbligo di dimora. Per la moglie si stratta di accuse pretestuose, montate ad arte per poterlo fermare. Il 32enne cristiano protestante aveva già scontato quattro anni ed era uscito nell’agosto 2015. Con il disimpegno dell’amministrazione Trump il governo comunista riapre la caccia agli oppositori. 

     

    Hanoi (AsiaNews/EdA) - Le autorità comuniste vietnamite hanno arrestato un giovane attivista cristiano protestante, già in passato prigioniero politico e uscito dal carcere nell’agosto 2015 dopo aver scontato quattro anni di carcere. Si tratta di Nguyên Van Oai, fermato una prima volta nell’agosto del 2011 nel contesto di una serie di raid contro blogger e attivisti pro-diritti umani che avevano legami con gruppi e organizzazioni religiose, movimenti ambientalisti e patrioti anti-cinesi. 

    Assieme al famoso blogger cattolico Paulus Le Van Son, l’attivista 32enne era stato condannato a una pena di quattro anni di prigione e di altri quattro di libertà vigilata, per aver cercato di “rovesciare il governo legittimo”.

    La sentenza è stata emanata in base al controverso articolo 79 del Codice penale vietnamita, con un procedimento farsa e con capi di imputazione ambigui. La coppia era stata fermata senza mandato di arresto e durante l’intero processo non hanno potuto godere di un’adeguata assistenza legale. 

    A meno di due anni dal rilascio, il nuovo arresto a carico di Van Oai. Nei giorni scorsi la famiglia ha ricevuto un avviso dai vertici della Pubblica sicurezza, nel quale si riferiva del fermo del giovane avvenuto il 19 scorso nella provincia di Nghê An. Il leader cristiano avrebbe “opposto resistenza nei confronti di un pubblico ufficiale nell’esercizio delle sue funzioni”; inoltre, il giovane non avrebbe rispettato le consegne relative all’obbligo di dimora, fissate al momento del rilascio dal carcere. 

    Per la moglie si tratta di scuse pretestuose e di capi di imputazione montati ad arte, con il solo scopo di poterlo arrestare di nuovo. 

    All’epoca della liberazione, in un’intervista a Radio Free Asia (Rfa) aveva raccontato che in prigione aveva ricevuto ripetute pressioni per firmare un atto in cui si dichiarava colpevole. Una volta firmato, le guardie lo avrebbero liberato. In seguito, gli hanno chiesto di scrivere una confessione personale. Tuttavia, egli si è sempre opposto e ha continuato a professare le propria innocenza.

    Van Oai è famoso in Vietnam per il suo attivismo in rete e non, su svariati temi come libertà religiosa, giustizia sociale e diritti umani. In passato egli ha partecipato a seminari sulla dottrina sociale della Chiesa cattolica e ha aderito a manifestazioni di patrioti di Hanoi e Ho Chi Minh City contro la politica “imperialista” di Pechino nel mar Cinese meridionale. 

    Attivisti e organizzazioni pro diritti umani accusano il governo comunista vietnamita di aver rilanciato la campagna di repressione e arresti arbitrari contro personalità laiche e della società civile che di battono per la libertà e i diritti nel Paese. Una campagna di repressione già perpetrata in passato e che aveva portato al fermo di centinaia di persone, spesso con accuse false e pretestuose. Secondo alcuni dietro la nuova campagna di repressione di Hanoi vi è la scelta della nuova amministrazione statunitense guidata da Donald Trump di allentare la partnership economica e commerciale con i Paesi della regione Asia-Pacifico. Una collaborazione che, sotto la presidenza Obama, aveva portato nell’ultimo periodo a un parziale allentamento della repressione - vedi il rilascio di p. Van Ly, icona cattolica dei diritti umani - a fronte di una rafforzamento degli accordi economici. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    21/09/2017 12:36:00 VIETNAM
    Hoàng Mai, nuova condanna per l’attivista cattolico Nguyen Van Oai

    Proteste non violente davanti al tribunale. È la seconda volta che viene incarcerato per le sue attività pro-democrazia. L’attivista è uno dei 14 giovani cristiani arrestati dal regime nel 2011. Il sostegno dei fedeli della diocesi di Vinh.  Cattolico locale: “Cittadini sempre più coraggiosi, acquistano consapevolezza  e proteggono ‘i giusti’”.



    12/10/2017 12:44:00 VIETNAM
    Nghe An, attivisti cattolici ancora vittime della ‘persecuzione giudiziaria’ del regime

    Nguyen Van Oai, Thai Van Dung e Trân Minh Nhât sono tra i 14 giovani arrestati nel 2011. Condannati al carcere nel 2013, sono accusati di non aver rispettato gli obblighi di residenza. 



    05/08/2015 VIETNAM
    Dopo quattro anni di carcere, liberi due cristiani arrestati per “attività anti-governative”
    Si tratta del blogger cattolico Paulus Le Van Son e del leader protestante Nguyen Van Oai. La coppia era stata fermata senza mandato di arresto, e durante il processo è stata limitata la loro assistenza legale. Nei mesi scorsi hanno subito pressioni dalle autorità per estorcere una confessione. Ancora in prigione altri dissidenti.

    27/05/2015 VIETNAM
    Torna libero e promette nuove battaglie blogger vietnamita pro diritti umani
    Le autorità di Hanoi hanno rilasciato il 51enne Truong Duy Nhat, condannato nel marzo 2014 a due anni di prigione. Egli è stato incriminato in base all’articolo 258 del codice penale, usato per colpire i dissidenti. Egli promette di continuare la sua battaglia per i diritti e le libertà civili in Vietnam.

    12/03/2014 VIETNAM
    Per condannare una blogger, la polizia vietnamita manipola prove e testimonianze
    Bui Thi Minh Hang è in cella da un mese con altre due persone senza alcun capo di imputazione; la donna è in sciopero della fame. Le forze dell’ordine hanno cercato di estorcere dichiarazioni scritte a cinque attivisti per condannarla. Rischia da tre mesi fino a tre anni di galera, anche se non vi sono prove di colpevolezza. 




    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®