16 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 29/10/2009, 00.00

    GIAPPONE - USA

    Hatoyama: Tokyo rivedrà l’alleanza con gli Stati Uniti



    Il partito d’opposizione gli chiede chiarezza prima della visita di Obama in Giappone il 12 e il 13 novembre. I giapponesi vorrebbero ridurre la presenza militare americana, che si aggira sulle 35 mila unità.

    Tokyo (AsiaNews) – Il primo ministro Yukio Hatoyama ha riaffermato oggi che il suo governo “rivedrà in modo completo” l’alleanza fra Giappone e Stati Uniti, ma continuerà i rapporti in una maniera “a diversi strati”.

    Hatoyama ha precisato che rivedrà l’alleanza il prossimo anno, in occasione dei 50anni dalla revisione del trattato bilaterale fra Tokyo e Washington. Nonostante ciò, egli ha ribadito davanti al parlamento che “l’alleanza Giappone –Usa è la pietra angolare della nostra politica estera”.

    Il partito liberal-democratico, ora all’opposizione, ha accusato il premier di  aver inviato “messaggi errati” verso gli Stati Uniti e domanda che Hatoyama chiarisca il suo progetto prima che il presidente americano Barack Obama visiti il Giappone il 12 e il 13 novembre prossimi.

    La revisione del rapporto con gli Stati Uniti è stato uno dei cavalli di battaglia della campagna elettorale di Hatoyama, riprese anche nelle sue prime dichiarazioni dopo la vittoria dell’agosto scorso.

    Fra le problematiche che il premier vuole affrontare vi è la revisione delle forze americane presenti sul suolo giapponese. Nel 2007 vi erano 33453 militari Usa in Giappone, oltre a più di 5 mila impiegati del ministero della Difesa Usa. Il Giappone sostiene questa presenza versando circa 32 miliardi di dollari all’anno.  Molti cittadini giapponesi apprezzano la presenza degli Usa per ragioni di sicurezza (dopo la Seconda guerra mondiale al Giappone è stato imposto di non avere una forza militare di attacco). Ma molti altri sono critici e ne vorrebbero una riduzione.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    27/11/2009 GIAPPONE-STATI UNITI
    Patti nucleari segreti tra Tokyo e Washington
    Per decenni si è negata la presenza di armi nucleari nel Paese, mentre si dava carta bianca agli Stati Uniti di immagazzinare e trasportare testate nucleari. Affonda la credibilità del partito liberale ora all’opposizione.

    02/06/2010 GIAPPONE
    Giappone, si dimette il premier Hatoyama
    Il primo ministro non è riuscito a spostare la base aerea americana di stanza a Okinawa, come aveva promesso in campagna elettorale, e ha rassegnato le dimissioni. Il 4 giugno le primarie del Partito democratico per la scelta del nuovo leader.

    13/11/2009 ASIA - USA
    La prima volta di Barack Obama in Asia
    Otto giorni di viaggi da Tokyo a Singapore; da Shanghai a Pechino; fino a Seoul. A tema: clima, nucleare nordcoreano, Iran, Afghanistan, ma soprattutto la crisi economica e lo yuan. Critiche da parte dei pacifisti giapponesi.

    31/08/2009 GIAPPONE
    Tokyo, la vittoria dei democratici una “rivoluzione” fra molte difficoltà
    Una “rivoluzione senza spargimento di sangue”, il partito democratico dovrebbe vincere 308 seggi su 480. Taro Aso, premier uscente, dichiara la sconfitta. Sostegno ai figli, scuole gratis e tagli nella burocrazia sono le promesse da mantenere mentre il Paese soffre di invecchiamento ed è immerso nella crisi economica. La borsa di Tokyo risponde in modo positivo.

    02/11/2009 GIAPPONE
    Hatoyama alla Dieta: è l’era della fraternità
    Sovranità popolare, sussidiarietà, apertura alle altre culture: sono i temi (cristiani) affrontati dal nuovo premier nel suo discorso inaugurale, la base di una nuova rivoluzione e di una “nuova era” nel Giappone. I critici lo giudicano troppo idealista e poco concreto.



    In evidenza

    COREA
    La Corea del Nord invierà una delegazione olimpica di alto livello a Pyeongchang



    Dopo due anni di tensioni, il primo incontro fra delegazioni di Nord e Sud Corea. Seoul propone che gli atleti di Nord e Sud marcino fianco a fianco nelle cerimonie di apertura e chiusura dei Giochi (9-25 febbraio 2018).


    VATICANO
    Papa: il rispetto dei diritti di persone e nazioni essenziale per la pace



    Nel discorso ai diplomatici Francesco ha chiesto la soluzione di conflitti – a partire dalla Siria – e tensioni – dalla Corea a Ucraina, Yemen , Sud Sudan e Venezuela – e auspicato accoglienza per i migranti e per gli “scartati”, come i bambini non nati o gli anziani e rispetto per i diritti alla libertà religiosa e di opinione, al lavoro.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®