30 Agosto 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 23/11/2009
CINA
Heilongjiang, 104 morti nell’esplosione della miniera. La polizia arresta i parenti delle vittime
All’interno della cava sono intrappolati ancora quattro minatori. Le forze dell’ordine hanno fermato un gruppo di donne, che protestavano per la mancanza di informazioni. Personale in borghese ha impedito interviste e riprese ai giornalisti. Ieri altri 11 morti in una miniera dell’Hunan.

Pechino (AsiaNews/Agenzie) – È salito a 104 morti il bilancio dell’incidente nella miniera di carbone di Xinxing, nella provincia dell' Heilongjiang, al confine tra Cina e Russia. Lo confermano fonti ufficiali cinesi, che riferiscono di altri quattro minatori ancora intrappolati nelle gallerie. I parenti delle vittime hanno ingaggiato scontri con le forze dell’ordine, chiedendo spiegazioni sulle cause dell’esplosione. Ieri, intanto, un nuovo incidente in una miniera nella provincia meridionale dell’Hunan ha causato altri 11 morti.
 
Lo scoppio alla miniera di carbone di Xinging, causato dall’esplosione del grisù – una miscela di gas e aria – è avvenuto il 21 novembre scorso alle 2.30 locali. In quel momento vi erano 528 lavoratori all’opera nella miniera. Funzionari del governo di Pechino hanno raggiunto la cava, per accertare eventuali responsabilità dei dirigenti. Nel 2009 la cava ha prodotto più di tre milioni di tonnellate di carbone ed è di proprietà della Heilongjiang Longmei Mining Holding Group.
 
Questa mattina una dozzina di donne, parenti delle vittime, ha inscenato una protesta davanti all’ingresso della miniera per denunciare la mancanza di informazioni. Il gruppo ha ingaggiato una colluttazione con la polizia e le guardie addette alla sorveglianza. “Non è morto nessun funzionario – gridava una donna – tutte le vittime erano minatori”.
 
La polizia ha trascinato un gruppo di donne in un complesso all’interno della miniera; altre sono state caricate a forza su un furgone bianco. Una di loro è stata rinchiusa in una vettura ed è stata portata via. Le forze dell’ordine si sono quindi schierate a difesa delle entrate della cava, per prevenire l’ingresso di “visitatori non graditi”. Personale in borghese ha impedito ai giornalisti di intervistare i parenti ed effettuare riprese al complesso.
 
Le miniere cinesi si confermano le più pericolose al mondo. Solo nel 2008 vi sono state più di 3 mila vittime – secondo le stime ufficiali – per incidenti, esplosioni, alluvioni improvvise e crolli. L’agenzia governativa Coal Mine Safety riferisce che nei primi sei mesi del 2009 sono morte 1.175 persone, con un calo del 18,4% rispetto all’anno precedente.

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
21/11/2009 CINA
Esplosione in una miniera di carbone: 31 morti e 78 persone intrappolate sotto terra
20/12/2004 CINA
Sichuan: 14 morti nell'esplosione di una miniera
27/11/2006 cina
Oltre 53 persone muoiono in due esplosioni nelle miniere di carbone
08/09/2009 CINA
Uccisi in una miniera dell’Henan: 35 morti, 44 dispersi
09/11/2007 CINA
Guizhou, fuga di gas in miniera: 32 morti

In evidenza
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.
ITALIA - IRAQ
"Adotta un cristiano di Mosul", rispondere nei fatti e con la vita all'emergenza irachenaAsiaNews lancia una raccolta fondi per sostenere i fedeli nel mirino dello Stato islamico, dopo le richieste del Patriarca di Baghdad e il pressante appello di papa Francesco "a assicurare gli aiuti necessari, soprattutto quelli più urgenti, a così tanti sfollati, la cui sorte dipende dalla solidarietà altrui". Oltre 100mila persone sono state costrette a fuggire dalle loro case senza niente addosso, e ora non hanno di che vivere. Per aiutarli, bastano 5 euro al giorno: i fondi raccolti saranno inviati al Patriarcato di Baghdad, che provvederà a distribuirli secondo i bisogni di ogni famiglia.
CINA-VATICANO
Vescovo e sacerdoti di Wenzhou denunciano la campagna del governo contro le croci e le chiese del Zhejiang
di Eugenia ZhangPer mons. Vincenzo Zhu Weifang, della Chiesa ufficiale, la campagna di distruzione aumenta l'instabilità sociale. E' vera persecuzione contro la fede cristiana. Il vescovo si scusa per non essere intervenuto prima: sperava che la campagna finisse presto. Fedeli cattolici e protestanti sono rimasti feriti per difendere i loro edifici sacri. I sacerdoti di Wenzhou: la campagna è ingiusta e colpisce anche edifici in regola. Questi "atti stupidi" del governo provocano una distruzione dell'armonia sociale.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate