1 Settembre 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 23/11/2009
CINA
Heilongjiang, 104 morti nell’esplosione della miniera. La polizia arresta i parenti delle vittime
All’interno della cava sono intrappolati ancora quattro minatori. Le forze dell’ordine hanno fermato un gruppo di donne, che protestavano per la mancanza di informazioni. Personale in borghese ha impedito interviste e riprese ai giornalisti. Ieri altri 11 morti in una miniera dell’Hunan.

Pechino (AsiaNews/Agenzie) – È salito a 104 morti il bilancio dell’incidente nella miniera di carbone di Xinxing, nella provincia dell' Heilongjiang, al confine tra Cina e Russia. Lo confermano fonti ufficiali cinesi, che riferiscono di altri quattro minatori ancora intrappolati nelle gallerie. I parenti delle vittime hanno ingaggiato scontri con le forze dell’ordine, chiedendo spiegazioni sulle cause dell’esplosione. Ieri, intanto, un nuovo incidente in una miniera nella provincia meridionale dell’Hunan ha causato altri 11 morti.
 
Lo scoppio alla miniera di carbone di Xinging, causato dall’esplosione del grisù – una miscela di gas e aria – è avvenuto il 21 novembre scorso alle 2.30 locali. In quel momento vi erano 528 lavoratori all’opera nella miniera. Funzionari del governo di Pechino hanno raggiunto la cava, per accertare eventuali responsabilità dei dirigenti. Nel 2009 la cava ha prodotto più di tre milioni di tonnellate di carbone ed è di proprietà della Heilongjiang Longmei Mining Holding Group.
 
Questa mattina una dozzina di donne, parenti delle vittime, ha inscenato una protesta davanti all’ingresso della miniera per denunciare la mancanza di informazioni. Il gruppo ha ingaggiato una colluttazione con la polizia e le guardie addette alla sorveglianza. “Non è morto nessun funzionario – gridava una donna – tutte le vittime erano minatori”.
 
La polizia ha trascinato un gruppo di donne in un complesso all’interno della miniera; altre sono state caricate a forza su un furgone bianco. Una di loro è stata rinchiusa in una vettura ed è stata portata via. Le forze dell’ordine si sono quindi schierate a difesa delle entrate della cava, per prevenire l’ingresso di “visitatori non graditi”. Personale in borghese ha impedito ai giornalisti di intervistare i parenti ed effettuare riprese al complesso.
 
Le miniere cinesi si confermano le più pericolose al mondo. Solo nel 2008 vi sono state più di 3 mila vittime – secondo le stime ufficiali – per incidenti, esplosioni, alluvioni improvvise e crolli. L’agenzia governativa Coal Mine Safety riferisce che nei primi sei mesi del 2009 sono morte 1.175 persone, con un calo del 18,4% rispetto all’anno precedente.

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
21/11/2009 CINA
Esplosione in una miniera di carbone: 31 morti e 78 persone intrappolate sotto terra
20/12/2004 CINA
Sichuan: 14 morti nell'esplosione di una miniera
27/11/2006 cina
Oltre 53 persone muoiono in due esplosioni nelle miniere di carbone
08/09/2009 CINA
Uccisi in una miniera dell’Henan: 35 morti, 44 dispersi
09/11/2007 CINA
Guizhou, fuga di gas in miniera: 32 morti

In evidenza
INDIA
Card. Toppo: Imparare dai tribali dell’India ad avere cura della terra e dei suoi abitanti
di Nirmala CarvalhoL’arcivescovo di Ranchi parla ad AsiaNews in occasione della Giornata mondiale di preghiera per la cura del creato (1 settembre). Nel Paese “più di un milione di tribali è cattolico, e nella nostra cultura noi rispettiamo la natura e ne celebriamo i doni”. Oggi “per essere veri testimoni di Cristo dobbiamo rispondere alla crisi ecologica attraverso una profonda conversione spirituale”.
VATICANO-IRAQ
P. Samir di Amadiya: Il Papa è la voce dei profughi irakeni
di Bernardo CervelleraIl sacerdote caldeo ha incontrato papa Francesco chiedendogli di tenere alta l’attenzione del mondo sui profughi cristiani di Mosul e della Piana di Ninive. Nella sua diocesi vivono 3500 famiglie cristiane e quasi mezzo milione di yazidi fuggiti davanti alle violenze dello Stato islamico. L’Isis non è tutto l’islam e vi sono musulmani che vogliono un Iraq della convivenza. I cristiani potrebbero emigrare, ma rimangono nella loro terra. I progetti di aiuto ai rifugiati: la scuola per i bambini, lavoro per gli adulti, una casa per ogni famiglia. L’appello di AsiaNews.
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate