29 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 11/08/2012, 00.00

    SIRIA-USA-TURCHIA

    Hillary Clinton in Turchia alla ricerca del "the day after Assad"



    Il segretario di Stato Usa discute con i vertici di Ankara il sostegno che viene dato ai rivoltosi siriani, come accrescere ancora l'isolamento internazionale di Damasco, la preparazione di un piano di transizione al regime. Preoccupano le notizie sulla presenza di al-Qaeda. Scontro a fuoco al confine con la Giordania.

    Beirut (AsiaNews) - Il sostegno che viene dato ai rivoltosi siriani, come accrescere ancora l'isolamento internazionale di Damasco, la preparazione di un piano di transizione al regime di Bashar al-Assad. Sono, secondo fonti statunitensi, gli obiettivi che hanno spinto il segretario di Stato Usa, Hillary Clnton, a recarsi in Turchia, dove è arrivata questa mattina (nella foto), per incontrare i massimi esponenti di Ankara e anche leader di coloro che si oppongono al governo siriano.

    I colloqui della Clinton voglionno preparare, in sostanza, quello che gli americani chiamano "il giorno dopo Assad", ossia i passi da compiere perché, caduto l'attuale regime, il fututro della Siria possa essere libero, pluralistico e democratco.

    A offuscare questa speranza e spiegare la riluttanza degli Stati Uniti a offrire aiuti militari agli insorti, informazioni, anch'esse di fonte Usa, citate dall'AP, parlano ci almeno 200 militanti di al-Qaeda che sarebbero presenti nel Paese con l'obiettivo di creare basi sul modello di quanto l'organizzazione terroristica ha realizzato in Iraq.

    Sul terreno, nel frattempo, lo scontro continua: Aleppo è sempre al centro di una battagloia che, secondo l'agenzia statale SANA, ha visto l'esercito respingere un attacco dei ribelli contro l'aeroporto, mentre gli insorti dicono di preparare una controffensiva per riprendere i quartieri dai quali si sono rititrati. Il Syrian National Council riferisce anche di scontri nella periferia d Damasco.

    E mentre Turchia, Libano e Giordania si trovano ad affrontare il dramma di decine di migliaia di persone che cercano scampo dalla guerra civile, da Amman gunge notizia di un sonflitto a fuoco che ieri ha coinvolto forze giordane e siriane. L'esercito di Damasco avrebbe aperto il fuoco nei pressi del posto di confine di Tel Shihab-Turra, i giordani avrebbero risposto. (PD)

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    04/12/2012 TURCHIA - SIRIA
    Missili turchi e minacce Usa contro le armi chimiche siriane
    Ankara chiede alla Nato lo spiegamento dei missili Patriot; Obama avverte Damasco di non fare "il tragico errore" di usare armi chimiche. Ma la Siria continua a dire che essa non li userà mai contro il suo popolo. Onu e Unione europea riducono al minimo il personale negli uffici di Damasco. Israele vorrebbe bombardare i magazzini di armi chimiche siriane.

    04/02/2015 GIORDANIA - ISLAM
    La Giordania giustizia due jihadisti. Lo Stato islamico diffonde il video del pilota bruciato vivo
    Sajida al-Rishawi era stata condannata per la sua partecipazione a un attentato che ha fatto 60 morti nel 2005. Ziad al-Karboli, di al Qaeda, era stato condannato nel 2007 per aver ucciso un giordano. La crudeltà del video dell'uccisione del giovane pilota Maaz al-Kassasbeh. Critiche al re Abdallah per la sua partecipazione alla coalizione guidata dagli Usa.

    28/11/2011 SIRIA
    Sanzioni della Lega araba per fermare le uccisioni di civili in Siria
    La decisione, senza precedenti, blocca tutti i rapporti economici tra Damasco e i Paesi aderenti all’organizzazione. Non si fermano gli scontri: uccisi di 31 civili e 12 uomini delle forze di sicurezza. Il regime organizza manifestazioni a proprio favore. La Russia annuncia che un gruppo di sue navi da guerra in primavera sarà nel porto di Tartus.

    25/08/2012 SIRIA
    Oltre 200mila rifugiati siriani in Turchia, Libano, Giordania e Iraq
    Lo riferisce l’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (Unhcr). Molti sono giovani minorenni o bambini piccoli senza accompagnatori. La Turchia accoglie 78mila profughi, 44mila giunti dalla fine di luglio. Continuano le violenze a Damasco e Aleppo: almeno 70 morti in tre giorni, 4mila nelle ultime tre settimane.

    03/10/2012 SIRIA - M.ORIENTE
    Autobombe ad Aleppo. Le cifre della guerra in Siria
    Distrutti un hotel e un centro per gli ufficiali militari. Decine di morti e feriti. L'Alto commissariato Onu per i rifugiati prevede che i profughi siriani supereranno la cifra di 700mila entro la fine dell'anno. La Giordania è quella con il maggior carico. I problemi dell'inverno. Per l'Osservatorio siriano per i diritti umani, i morti della guerra civile sono 31mila.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®