16 Settembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 11/08/2012
SIRIA-USA-TURCHIA
Hillary Clinton in Turchia alla ricerca del "the day after Assad"
Il segretario di Stato Usa discute con i vertici di Ankara il sostegno che viene dato ai rivoltosi siriani, come accrescere ancora l'isolamento internazionale di Damasco, la preparazione di un piano di transizione al regime. Preoccupano le notizie sulla presenza di al-Qaeda. Scontro a fuoco al confine con la Giordania.

Beirut (AsiaNews) - Il sostegno che viene dato ai rivoltosi siriani, come accrescere ancora l'isolamento internazionale di Damasco, la preparazione di un piano di transizione al regime di Bashar al-Assad. Sono, secondo fonti statunitensi, gli obiettivi che hanno spinto il segretario di Stato Usa, Hillary Clnton, a recarsi in Turchia, dove è arrivata questa mattina (nella foto), per incontrare i massimi esponenti di Ankara e anche leader di coloro che si oppongono al governo siriano.

I colloqui della Clinton voglionno preparare, in sostanza, quello che gli americani chiamano "il giorno dopo Assad", ossia i passi da compiere perché, caduto l'attuale regime, il fututro della Siria possa essere libero, pluralistico e democratco.

A offuscare questa speranza e spiegare la riluttanza degli Stati Uniti a offrire aiuti militari agli insorti, informazioni, anch'esse di fonte Usa, citate dall'AP, parlano ci almeno 200 militanti di al-Qaeda che sarebbero presenti nel Paese con l'obiettivo di creare basi sul modello di quanto l'organizzazione terroristica ha realizzato in Iraq.

Sul terreno, nel frattempo, lo scontro continua: Aleppo è sempre al centro di una battagloia che, secondo l'agenzia statale SANA, ha visto l'esercito respingere un attacco dei ribelli contro l'aeroporto, mentre gli insorti dicono di preparare una controffensiva per riprendere i quartieri dai quali si sono rititrati. Il Syrian National Council riferisce anche di scontri nella periferia d Damasco.

E mentre Turchia, Libano e Giordania si trovano ad affrontare il dramma di decine di migliaia di persone che cercano scampo dalla guerra civile, da Amman gunge notizia di un sonflitto a fuoco che ieri ha coinvolto forze giordane e siriane. L'esercito di Damasco avrebbe aperto il fuoco nei pressi del posto di confine di Tel Shihab-Turra, i giordani avrebbero risposto. (PD)


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
04/12/2012 TURCHIA - SIRIA
Missili turchi e minacce Usa contro le armi chimiche siriane
28/11/2011 SIRIA
Sanzioni della Lega araba per fermare le uccisioni di civili in Siria
25/08/2012 SIRIA
Oltre 200mila rifugiati siriani in Turchia, Libano, Giordania e Iraq
03/10/2012 SIRIA - M.ORIENTE
Autobombe ad Aleppo. Le cifre della guerra in Siria
25/04/2013 SIRIA - GIORDANIA
Karak, un ospedale cattolico per i siriani in fuga da guerra e campi profughi

In evidenza
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.
ITALIA - IRAQ
"Adotta un cristiano di Mosul", rispondere nei fatti e con la vita all'emergenza irachenaAsiaNews lancia una raccolta fondi per sostenere i fedeli nel mirino dello Stato islamico, dopo le richieste del Patriarca di Baghdad e il pressante appello di papa Francesco "a assicurare gli aiuti necessari, soprattutto quelli più urgenti, a così tanti sfollati, la cui sorte dipende dalla solidarietà altrui". Oltre 100mila persone sono state costrette a fuggire dalle loro case senza niente addosso, e ora non hanno di che vivere. Per aiutarli, bastano 5 euro al giorno: i fondi raccolti saranno inviati al Patriarcato di Baghdad, che provvederà a distribuirli secondo i bisogni di ogni famiglia.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate