14 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 18/07/2016, 12.18

    HONG KONG – CINA

    Hong Kong: aumentano i candidati alle elezioni che non vogliono giurare fedeltà alla Cina



    Il presidente di Demosisto, Nathan Law, ha dichiarato non solo di non voler firmare la dichiarazione, ma anche di voler proporre un’azione giudiziaria a favore di chi venisse escluso dalle elezioni per non aver voluto firmare.

    Hong Kong (AsiaNews) – Un altro gruppo, Demosisto – nato quest'anno dai leader degli studenti al centro dei 79 giorni di proteste del 2014 - si unisce a quanti si rifiutano di firmare la dichiarazione voluta dal governo che impone ai candidati alle elezioni di settembre di affermare che il Territorio “è parte inalienabile della Cina continentale”. Il presidente del gruppo, Nathan Law (nella foto: a destra), ha dichiarato non solo di non voler firmare la dichiarazione, ma anche di voler proporre un’azione giudiziaria a favore di chi venisse escluso dalle elezioni per non aver voluto firmare.

    Presentando la sua domanda per la candidatura alle elezioni, Nathan Law ha infatti detto di non voler firmare la dichiarazione “perché non vorrei permettere alla Commissione per le elezioni di imporre una violazione della legge”. “Se – ha aggiunto - la Commissione escludesse un candidato perché lui o lei non ha firmato, prenderò in considerazione la presentazione di una ricorso in tribunale”.

    Indipendentemente dalla legge, sono almeno 12 i candidati pro-democrazia che si sono rifiutati di firmare la dichiarazione, ritenuta una forma di censura politica. People Power, League of Social Democrats, Hong Kong Indigenous e Kowloon East Community Concern Group hanno annunciato la volontà di ricorrere alla giustizia, se un candidato verrà escluso per tale motivo.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    15/07/2016 10:34:00 HONG KONG – CINA
    Hong Kong, i candidati al parlamento “devono giurare fedeltà alla Cina”

    A settembre si vota per il rinnovo del Consiglio Legislativo, organo esecutivo dell’ex colonia britannica. A sorpresa il governo, vicino a Pechino, impone un “atto formale di accettazione” di Hong Kong “come parte inalienabile della Cina continentale”. Chi si rifiuta non verrà ammesso. Le proteste dei democratici e il timore delle nuove spinte indipendentiste, guidate dai giovani.



    08/11/2017 10:46:00 HONG KONG - CINA
    Anche Alex Chow rilasciato su cauzione. Il grazie al card. Zen per la visita in prigione

    Chow, insieme a Joshua Wong e Nathan Law potranno appellarsi contro la loro condanna alla prigione. Il “grazie” al segretario per la giustizia Rimsky Yuan per “il viaggio” nella prigione, che ha insegnato a Chow il modo (doppio) in cui la giustizia viene attuata ad Hong Kong. Ricucire il movimento democratico. Il card. Zen visita la prigione di Pik Uk due volte al mese. Ogni anno raccoglie fondi per regalare ai prigionieri I “dolci della luna”, simbolo dell’unità familiar.



    02/01/2017 08:19:00 HONG KONG - CINA
    Marcia anti-governo, in difesa dei parlamentari localisti. Pechino mette in guarda dalla “sovversione”

    Solo 9mila persone vi hanno partecipato. Raccolti 1,43 milioni di dollari di Hong Kong per pagare le spese legali dei parlamentari pro-democrazia a rischio espulsione. Il rappresentante della Cina pone limiti al movimento democratico.



    05/09/2016 08:49:00 HONG KONG
    Elezioni del “parlamento”: grande risultato dei democratici

    Con il 90% delle schede scrutinate, il giovane studente Nathan Law ha il secondo numero più alto di preferenze per il Consiglio legislativo. Egli era stato uno dei leader di “Occupy Central” nel 2014. In grande aumento il numero di votanti (58%). Se confermato, il risultato potrebbe mettere in crisi la rielezione del “chief executive” voluto da Pechino.

     



    18/08/2017 11:31:00 HONG KONG
    Pene più severe per Joshua Wong e due attivisti pro-democrazia

    L’anno scorso la corte aveva condannato Joshua Wong, Nathan Law e Alex Chow ai lavori sociali, ma la pena era stata considerata troppo lieve dal governo di Hong Kong. La condanna a diversi mesi di prigione comporta l’estromissione dalle elezioni per cinque anni. Per gli attivisti dei diritti umani è una mossa politica per escludere i giovani e scoraggiare nuove proteste.





    In evidenza

    MEDIO ORIENTE - USA
    Gerusalemme capitale, cristiani in Medio oriente contro Trump: distrugge le speranze di pace



    Il patriarcato caldeo critica una scelta che “complica” la situazione e alimenta “conflitti e guerre”. Il card. Raï parla di “decisione distruttiva” che viola le risoluzioni internazionali. Il papa copto Tawadros II cancella l’incontro col vice-presidente Usa Pence. Continua la protesta “rassegnata” dei palestinesi. Attivisti israeliani: gli Usa hanno abdicato al ruolo di mediatori nella regione. 

     


    CINA
    Le false promesse di Xi Jinping e la cacciata della ‘popolazione più bassa’ da Pechino

    Willy Wo-Lap Lam

    Decine di migliaia di migranti e le loro famiglie sono stati espulsi e mandati via dalla capitale. Eppure al recente Congresso del Partito, il presidente Xi ha promesso sostegno e aiuti contro la povertà. Nessuna ricompensa e nessun aiuto legale o caritativo per gli sfollati. Esiste nel Paese un “darwinismo sociale”, che condanna all’emarginazione le classi rurali e fa godere di privilegi e aiuti le classi cittadine. Per gentile concessione della Jamestown Foundation.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®