17 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 18/07/2016, 12.18

    HONG KONG – CINA

    Hong Kong: aumentano i candidati alle elezioni che non vogliono giurare fedeltà alla Cina



    Il presidente di Demosisto, Nathan Law, ha dichiarato non solo di non voler firmare la dichiarazione, ma anche di voler proporre un’azione giudiziaria a favore di chi venisse escluso dalle elezioni per non aver voluto firmare.

    Hong Kong (AsiaNews) – Un altro gruppo, Demosisto – nato quest'anno dai leader degli studenti al centro dei 79 giorni di proteste del 2014 - si unisce a quanti si rifiutano di firmare la dichiarazione voluta dal governo che impone ai candidati alle elezioni di settembre di affermare che il Territorio “è parte inalienabile della Cina continentale”. Il presidente del gruppo, Nathan Law (nella foto: a destra), ha dichiarato non solo di non voler firmare la dichiarazione, ma anche di voler proporre un’azione giudiziaria a favore di chi venisse escluso dalle elezioni per non aver voluto firmare.

    Presentando la sua domanda per la candidatura alle elezioni, Nathan Law ha infatti detto di non voler firmare la dichiarazione “perché non vorrei permettere alla Commissione per le elezioni di imporre una violazione della legge”. “Se – ha aggiunto - la Commissione escludesse un candidato perché lui o lei non ha firmato, prenderò in considerazione la presentazione di una ricorso in tribunale”.

    Indipendentemente dalla legge, sono almeno 12 i candidati pro-democrazia che si sono rifiutati di firmare la dichiarazione, ritenuta una forma di censura politica. People Power, League of Social Democrats, Hong Kong Indigenous e Kowloon East Community Concern Group hanno annunciato la volontà di ricorrere alla giustizia, se un candidato verrà escluso per tale motivo.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    15/07/2016 10:34:00 HONG KONG – CINA
    Hong Kong, i candidati al parlamento “devono giurare fedeltà alla Cina”

    A settembre si vota per il rinnovo del Consiglio Legislativo, organo esecutivo dell’ex colonia britannica. A sorpresa il governo, vicino a Pechino, impone un “atto formale di accettazione” di Hong Kong “come parte inalienabile della Cina continentale”. Chi si rifiuta non verrà ammesso. Le proteste dei democratici e il timore delle nuove spinte indipendentiste, guidate dai giovani.



    05/09/2016 08:49:00 HONG KONG
    Elezioni del “parlamento”: grande risultato dei democratici

    Con il 90% delle schede scrutinate, il giovane studente Nathan Law ha il secondo numero più alto di preferenze per il Consiglio legislativo. Egli era stato uno dei leader di “Occupy Central” nel 2014. In grande aumento il numero di votanti (58%). Se confermato, il risultato potrebbe mettere in crisi la rielezione del “chief executive” voluto da Pechino.

     



    02/01/2017 08:19:00 HONG KONG - CINA
    Marcia anti-governo, in difesa dei parlamentari localisti. Pechino mette in guarda dalla “sovversione”

    Solo 9mila persone vi hanno partecipato. Raccolti 1,43 milioni di dollari di Hong Kong per pagare le spese legali dei parlamentari pro-democrazia a rischio espulsione. Il rappresentante della Cina pone limiti al movimento democratico.



    05/10/2016 08:52:00 HONG KONG - CINA-THAILANDIA
    Joshua Wong di Occupy Central “detenuto” in Thailandia. Un favore alla Cina

    Wong era a Bangkok per partecipare a una commemorazione del massacro degli studenti nel 1976, ad opera della giunta militare dell’epoca. La Thailandia subisce l’influenza della Cina: ha consegnato uno degli editori “scomparsi” in Cina; ha espulso due dissidenti cinesi; ha rimandato in Cina decine di rifugiati uiguri.



    07/10/2016 08:33:00 HONG KONG - CINA-THAILANDIA
    Autorità thai a Joshua Wong: Se critichi Pechino, sarai silenziato anche in video

    Il Bangkok Post rivela i retroscena del “favore” a Pechino da parte delle autorità thai. Avvocati per i diritti umani: Bangkok ha violato la Convenzione Onu, deve chiedere scusa. E Hong Kong e Pechino devono emettere una protesta formale per “detenzione illegale”.





    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®