3 Settembre 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 28/05/2008
CINA - TAIWAN
Hu Jintao incontra il leader taiwanese, capo del Kmt
Hu ha ringraziato Taiwan per l’aiuto dato ai terremotati del Sichuan. Presto riprenderanno i dialoghi sulla base del principio della “unica Cina”. Hu Jintao ammette che si possano essere differenti interpretazioni a questo principio.

Pechino (AsiaNews) – Il presidente cinese Hu Jintao ha incontrato oggi pomeriggio Wu Poh hsiung, capo del Kuomintang, il partito al potere a Taiwan,  in quello che è stato definito un incontro storico che segna un capitolo nuovo nei rapporti fra la Cina popolare e la popolazione dell’isola. Quello di oggi è l’incontro al più alto livello fra i due poteri dello Stretto dal ‘49 ad oggi.

Hu ha partecipato all’incontro col titolo di segretario generale del Partito comunista cinese. L’incontro è avvenuto nella Grande sala del popolo; le due delegazioni, sedevano a due tavoli posti uno di fronte all’altro, in segno di amicizia e di pari dignità.

Hu si è augurato che i rapporti fra i due lati dello Stretto possano accrescersi, così che “Cina e Taiwan possano affrontare insieme il futuro, lavorando insieme per uno sviluppo pacifico”.

Hu ha anche ringraziato l’impegno posto dai “compatrioti” taiwanesi per la solidarietà espressa verso le vittime del terremoto del Sichuan con donazioni e invio di squadre per le operazioni di salvataggio  sui luoghi del sisma.

Il disgelo avviene dopo la vittoria a presidente di Taiwan di Ma ying-jeou, anch’egli del Kmt, che da subito ha espresso un atteggiamento più dialogico e pragmatico verso la Cina.

Nei dialoghi di questi giorni Wu ha messo nell’agenda il progetto di voli diretti fra Cina e Taiwan e il permesso ad accrescere il numero di turisti cinesi sull’isola.

Cina e Taiwan si sono divise nel 1949, quando alla presa di potere di Mao Zedong, i leader del Kmt fuggirono nell’isola. Da allora Pechino ha sempre voluto far ritornare nell’alveo della madrepatria l’isola “ribelle”. Negli anni scorsi vi sono state anche minacce di operazioni militari se Taiwan avesse dichiarato l’indipendenza. Intanto, almeno 1000 missili sono puntati dalla Cina verso Taiwan.

Taiwan è il maggiore investitore economico in Cina e alcune delle regioni che si affacciano sullo stretto (Zhejiang, Fujian e Guangdong) ruotano attorno all’economia dell’isola.

Nei giorni precedenti la visita di Wu, Cina e Taiwan si sono detti pronti a riprendere i dialoghi, interrotti alla fine del ’90, sulla base del principio della “unica Cina”. Alcuni mesi fa Hu Jintao ha ammesso che questo principio poteva essere interpretato in modo differente. La Cina infatti pensa che Taiwan dovrebbe rientrare nella madrepatria; Taiwan pensa “in modo differente” In precedenza Pechino non ammetteva che ci fossero diverse interpretazioni a quel principio.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
19/05/2008 TAIWAN - CINA
Nuovo segno di distensione fra Pechino e Taipei: il presidente del Kmt visita la Cina
29/05/2008 CINA – TAIWAN
Taipei e Pechino d’accordo: dopo 10 anni, riaprono i colloqui diretti
01/04/2014 TAIWAN
I "girasoli" e le "banane": Taiwan ancora divisa dalla protesta degli studenti
di Xin Yage
02/01/2012 TAIWAN – USA
Gli Usa si schierano nelle presidenziali di Taiwan
18/12/2008 TAIWAN
L’Alta Corte chiede di “riconsiderare” il rilascio dell’ex presidente Chen Shuibian

In evidenza
INDIA
Card. Toppo: Imparare dai tribali dell’India ad avere cura della terra e dei suoi abitanti
di Nirmala CarvalhoL’arcivescovo di Ranchi parla ad AsiaNews in occasione della Giornata mondiale di preghiera per la cura del creato (1 settembre). Nel Paese “più di un milione di tribali è cattolico, e nella nostra cultura noi rispettiamo la natura e ne celebriamo i doni”. Oggi “per essere veri testimoni di Cristo dobbiamo rispondere alla crisi ecologica attraverso una profonda conversione spirituale”.
VATICANO-IRAQ
P. Samir di Amadiya: Il Papa è la voce dei profughi irakeni
di Bernardo CervelleraIl sacerdote caldeo ha incontrato papa Francesco chiedendogli di tenere alta l’attenzione del mondo sui profughi cristiani di Mosul e della Piana di Ninive. Nella sua diocesi vivono 3500 famiglie cristiane e quasi mezzo milione di yazidi fuggiti davanti alle violenze dello Stato islamico. L’Isis non è tutto l’islam e vi sono musulmani che vogliono un Iraq della convivenza. I cristiani potrebbero emigrare, ma rimangono nella loro terra. I progetti di aiuto ai rifugiati: la scuola per i bambini, lavoro per gli adulti, una casa per ogni famiglia. L’appello di AsiaNews.
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate