26 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 28/05/2008, 00.00

    CINA - TAIWAN

    Hu Jintao incontra il leader taiwanese, capo del Kmt



    Hu ha ringraziato Taiwan per l’aiuto dato ai terremotati del Sichuan. Presto riprenderanno i dialoghi sulla base del principio della “unica Cina”. Hu Jintao ammette che si possano essere differenti interpretazioni a questo principio.

    Pechino (AsiaNews) – Il presidente cinese Hu Jintao ha incontrato oggi pomeriggio Wu Poh hsiung, capo del Kuomintang, il partito al potere a Taiwan,  in quello che è stato definito un incontro storico che segna un capitolo nuovo nei rapporti fra la Cina popolare e la popolazione dell’isola. Quello di oggi è l’incontro al più alto livello fra i due poteri dello Stretto dal ‘49 ad oggi.

    Hu ha partecipato all’incontro col titolo di segretario generale del Partito comunista cinese. L’incontro è avvenuto nella Grande sala del popolo; le due delegazioni, sedevano a due tavoli posti uno di fronte all’altro, in segno di amicizia e di pari dignità.

    Hu si è augurato che i rapporti fra i due lati dello Stretto possano accrescersi, così che “Cina e Taiwan possano affrontare insieme il futuro, lavorando insieme per uno sviluppo pacifico”.

    Hu ha anche ringraziato l’impegno posto dai “compatrioti” taiwanesi per la solidarietà espressa verso le vittime del terremoto del Sichuan con donazioni e invio di squadre per le operazioni di salvataggio  sui luoghi del sisma.

    Il disgelo avviene dopo la vittoria a presidente di Taiwan di Ma ying-jeou, anch’egli del Kmt, che da subito ha espresso un atteggiamento più dialogico e pragmatico verso la Cina.

    Nei dialoghi di questi giorni Wu ha messo nell’agenda il progetto di voli diretti fra Cina e Taiwan e il permesso ad accrescere il numero di turisti cinesi sull’isola.

    Cina e Taiwan si sono divise nel 1949, quando alla presa di potere di Mao Zedong, i leader del Kmt fuggirono nell’isola. Da allora Pechino ha sempre voluto far ritornare nell’alveo della madrepatria l’isola “ribelle”. Negli anni scorsi vi sono state anche minacce di operazioni militari se Taiwan avesse dichiarato l’indipendenza. Intanto, almeno 1000 missili sono puntati dalla Cina verso Taiwan.

    Taiwan è il maggiore investitore economico in Cina e alcune delle regioni che si affacciano sullo stretto (Zhejiang, Fujian e Guangdong) ruotano attorno all’economia dell’isola.

    Nei giorni precedenti la visita di Wu, Cina e Taiwan si sono detti pronti a riprendere i dialoghi, interrotti alla fine del ’90, sulla base del principio della “unica Cina”. Alcuni mesi fa Hu Jintao ha ammesso che questo principio poteva essere interpretato in modo differente. La Cina infatti pensa che Taiwan dovrebbe rientrare nella madrepatria; Taiwan pensa “in modo differente” In precedenza Pechino non ammetteva che ci fossero diverse interpretazioni a quel principio.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    19/05/2008 TAIWAN - CINA
    Nuovo segno di distensione fra Pechino e Taipei: il presidente del Kmt visita la Cina
    È la prima visita ufficiale in Cina di un leader del Partito che governa l’isola. Wu Boxiong visiterà Pechino, Nanchino e Shanghai. Per il governo cinese, si tratta di un miglioramento dei rapporti bilaterali.

    28/01/2016 08:47:00 TAIWAN
    Il presidente di Taiwan visita le isole contese nel mar Cinese meridionale

    Ma Ying-jeou, leader del Partito nazionalista, cederà la carica alla democratica Tsai Ing-wen nel maggio 2016. Dopo otto anni di distanza dalla questione, sceglie di visitare l’isola di Taiping nell’atollo delle Spratly, contese da Cina continentale, Vietnam, Malaysia, Filippine e Brunei. Gli Stati Uniti “scontenti” della decisione, Manila ricorda la “responsabilità comune” di evitare provocazioni.



    29/05/2008 CINA – TAIWAN
    Taipei e Pechino d’accordo: dopo 10 anni, riaprono i colloqui diretti
    Nel corso dello storico incontro fra il presidente cinese ed il leader nazionalista di Taiwan, parte l’invito ad una delegazione taiwanese per discutere, a Pechino, di voli diretti e visti.

    04/11/2015 TAIWAN – CINA
    Per la prima volta, i presidenti di Cina e Taiwan si incontreranno di persona
    Xi Jinping e Ma Ying-jeou si vedranno a Singapore il prossimo 7 novembre. È il primo incontro fra le due cariche dall’esilio della “Repubblica di Cina” sull’isola nel 1949. Portavoce Ma: “Nessun accordo sarà siglato”. Lo scopo è quello di mantenere relazioni pacifiche e garantire lo status quo nei mari dello Stretto di Taiwan. Il partito all’opposizione nell’isola protesta contro la visita.

    01/04/2014 TAIWAN
    I "girasoli" e le "banane": Taiwan ancora divisa dalla protesta degli studenti
    Gruppi di "sindacalisti" pro-Cina cercano di espellere i giovani dal parlamento occupato. Il Dpp, partito di opposizione, sostiene e foraggia il movimento dei girasoli. Ma Ying-jeou apre al dialogo. Ma l'accordo commerciale con Pechino va fatto per non far perdere competitività a Taiwan.



    In evidenza

    ASIA-GMG
    Card. Gracias: Alla Gmg di Cracovia i giovani asiatici portano i valori asiatici

    Nirmala Carvalho

    I nostri pellegrini asiatici non portano solo la grandezza, la vitalità e la bellezza dell’Asia, ma anche la diversità multi-culturale, il pluralismo e i valori asiatici dell'ospitalità, la famiglia e, naturalmente, la Chiesa dei giovani. Alla scoperta di Cracovia e del carisma di Giovanni Paolo II, iniziatore della Gmg.


    SIRIA
    Orrore ad Aleppo: gruppo ribelle “moderato” decapita un bambino palestinese



    Il movimento Nur Eddin Zanki ha sgozzato l’11enne Abdallah Issa al grido di “Allah Akhbar”. Il bambino è stato giustiziato per aver collaborato con l’esercito governativo. Prima di morire egli è stato vittima di torture. Il comando generale, prende una (timida) distanza dalla barbara uccisione. Il gruppo è sostenuto da Turchia, Usa, Qatar e Arabia saudita.

     


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®