29 Maggio 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 24/04/2006
CINA - ARABIA SAUDITA - AFRICA
Hu in Arabia Saudita e in Africa per parlare di petrolio

Calorosa accoglienza a Riyadh, dove è stata discussa una maggiore collaborazione economica ed energetica. Oggi Hu va in Marocco.



Riyadh (AsiaNews/Agenzie) – Alla ricerca di fonti energetiche per sostenere il vorticoso sviluppo della Cina, oggi Hu Jintao giunge in Africa. Dopo due giorni in Marocco, il 26 aprile sarà in Nigeria (importante fornitore di petrolio per la Cina) e poi in Kenya.

La ricerca di fonti energetiche ha anche spinto Hu Jintao in Arabia Saudita. Finita la visita negli Stati Uniti, il 22 aprile il presidente cinese Jintao è volato a Riyadh, dove ha discusso con re Abdullah bin Abdul Aziz al-Saud la costituzione di una riserva del petrolio saudita in una città costiera nella Cina meridionale, da utilizzare in caso di emergenza quale un conflitto nella zona. Il Paese è il principale fornitore di petrolio per Pechino, con 22,18 milioni di tonnellate su 130 milioni importati nel 2005. Intanto nel Fujian è in costruzione una raffineria per il petrolio saudita e un'altra è progettata a Qingdao. Sono stati anche discussi accordi in materia economica, sanitaria, della sicurezza e della difesa. L'Arabia Saudita vuole creare uno stabile mercato per il suo greggio in Asia e i due Stati già collaborano nella ricerca di petrolio e gas nel Paese.

Hu ha avuto una calorosa accoglienza. I giornali, controllati dallo Stato, hanno enfatizzato i buoni rapporti tra i due Paesi e Hu ha parlato davanti al Consiglio consultativo (l'organo saudita più simile a un parlamento) di tolleranza e della costruzione di un'armonica comunità internazionale ricevendo ampi applausi. La Cina considera l'Arabia Saudita come il miglior fornitore di petrolio, per quantità e prezzo, mentre lo Stato arabo si rivolge a Pechino per migliorare la tecnologia e la produzione. (PB)


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
26/10/2009 CINA - AFRICA
Pechino continua la colonizzazione dell’Africa: nuovi accordi in Guinea Conakry
10/02/2009 CINA-AFRICA
Hu Jintao inizia il primo viaggio in Africa nell’epoca della crisi globale
25/08/2006 Cina – Venezuela
Pechino: per scalzare gli Usa, Chavez aumenta la fornitura petrolifera alla Cina
18/12/2006 CINA - AFRICA
Aumenta il debito dei Paesi africani verso la Cina
14/10/2009 CINA - RUSSIA
Il nuovo asse Mosca-Pechino per "limitare l'occidente"

In evidenza
ASIA
La Veglia per i cristiani perseguitati, nostri maestri nella missione in occidente
di Bernardo CervelleraIl “muro dell’indifferenza e del cinismo”, il mutismo e l’inerzia tante volte denunciati da papa Francesco sono divenuti quasi una fortezza. Davanti alle persecuzioni vi è un strumentalizzazione “confessionale”, che tende a bollare l’islam e tutto l’islam, e una strumentalizzazione “ideologica”, che “dimentica” ciò che accade in Corea del nord o in Cina. E all’Europa sempre più post-cristiana sembra non interessare i cristiani.
RUSSIA - CINA
Patriarcato di Mosca: la Cina autorizza l’ordinazione di sacerdoti ortodossi cinesi sul suo territorio
di Marta AllevatoIl metropolita Hilarion, ‘ministro degli Esteri del Patriarcato’, lo ha riferito al termine della sua visita in Cina, dove ha incontrato i vertici dell’amministrazione statale per gli affari religiosi. Il primo sacerdote dovrebbe servire ad Harbin e in futuro potrebbero avvenire altre due ordinazioni. L’alleanza strategica tra Mosca e Pechino - sullo sfondo della nuova Guerra Fredda con l’Occidente - passa anche per la Chiesa ortodossa, di cui la Repubblica popolare riconosce il ruolo ‘politico’ in Russia.
VATICANO
Papa: Noi e le quattro nuove sante, testimoni della resurrezione “dove più forte è l’oblio di Dio e lo smarrimento dell’uomo”Francesco proclama sante quattro suore, una francese, una italiana, due palestinesi: Maria Alfonsina Danil Ghattas, fondatrice delle Suore del Rosario, e la carmelitana Maria di Gesù Crocifisso (al secolo: Maria Bawardy). Presente Mahmoud Abbas, presidente dell’Autorità palestinese. “Rimanere in Cristo” e coltivare “l’unità fra di noi” sono segni essenziali della testimonianza. Maria Bawardy, “strumento di incontro e di comunione con il mondo musulmano”.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate