18 Dicembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 24/04/2006
CINA - ARABIA SAUDITA - AFRICA
Hu in Arabia Saudita e in Africa per parlare di petrolio

Calorosa accoglienza a Riyadh, dove è stata discussa una maggiore collaborazione economica ed energetica. Oggi Hu va in Marocco.



Riyadh (AsiaNews/Agenzie) – Alla ricerca di fonti energetiche per sostenere il vorticoso sviluppo della Cina, oggi Hu Jintao giunge in Africa. Dopo due giorni in Marocco, il 26 aprile sarà in Nigeria (importante fornitore di petrolio per la Cina) e poi in Kenya.

La ricerca di fonti energetiche ha anche spinto Hu Jintao in Arabia Saudita. Finita la visita negli Stati Uniti, il 22 aprile il presidente cinese Jintao è volato a Riyadh, dove ha discusso con re Abdullah bin Abdul Aziz al-Saud la costituzione di una riserva del petrolio saudita in una città costiera nella Cina meridionale, da utilizzare in caso di emergenza quale un conflitto nella zona. Il Paese è il principale fornitore di petrolio per Pechino, con 22,18 milioni di tonnellate su 130 milioni importati nel 2005. Intanto nel Fujian è in costruzione una raffineria per il petrolio saudita e un'altra è progettata a Qingdao. Sono stati anche discussi accordi in materia economica, sanitaria, della sicurezza e della difesa. L'Arabia Saudita vuole creare uno stabile mercato per il suo greggio in Asia e i due Stati già collaborano nella ricerca di petrolio e gas nel Paese.

Hu ha avuto una calorosa accoglienza. I giornali, controllati dallo Stato, hanno enfatizzato i buoni rapporti tra i due Paesi e Hu ha parlato davanti al Consiglio consultativo (l'organo saudita più simile a un parlamento) di tolleranza e della costruzione di un'armonica comunità internazionale ricevendo ampi applausi. La Cina considera l'Arabia Saudita come il miglior fornitore di petrolio, per quantità e prezzo, mentre lo Stato arabo si rivolge a Pechino per migliorare la tecnologia e la produzione. (PB)


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
26/10/2009 CINA - AFRICA
Pechino continua la colonizzazione dell’Africa: nuovi accordi in Guinea Conakry
10/02/2009 CINA-AFRICA
Hu Jintao inizia il primo viaggio in Africa nell’epoca della crisi globale
18/12/2006 CINA - AFRICA
Aumenta il debito dei Paesi africani verso la Cina
25/08/2006 Cina – Venezuela
Pechino: per scalzare gli Usa, Chavez aumenta la fornitura petrolifera alla Cina
14/10/2009 CINA - RUSSIA
Il nuovo asse Mosca-Pechino per "limitare l'occidente"

In evidenza
IRAQ-VATICANO
Vescovo di Mosul: Gesù nasce fra i container dei rifugiati. Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul"
di Amel NonaI profughi perseguitati dallo Stato islamico hanno perso tutto: beni, casa, lavoro, scuole, futuro. Ma rimane forte la fede e la missione. Raccolti e inviati quasi 900mila euro. Il messaggio di vicinanza di papa Francesco. La campagna continua secondo la proposta del patriarca di Baghdad: digiuno e sobrietà a Natale e Capodanno, offrendo il corrispettivo per i cristiani di Mosul.
IRAQ
Patriarca caldeo: Digiuno alla vigilia di Natale per il ritorno dei profughi a Mosul
di Joseph MahmoudMar Louis Sako domanda ai fedeli di non celebrare in modo "mondano", con sfarzo e abbondanza, Natale e Capodanno in segno di solidarietà con i fuggitivi della piana di Ninive, perseguitati dall'Esercito islamico. AsiaNews aderisce al digiuno proposto dal Patriarca e chiede a tutti i lettori di dare il corrispettivo del digiuno a sostegno della campagna "Adotta un cristiano di Mosul".
IRAQ - ITALIA
Lettera dell'arcivescovo di Mosul: Grazie per gli aiuti, che sostengono le sofferenze dei rifugiati
di Amel NonaLe offerte di tutti i donatori della campagna "Adotta un cristiano di Mosul" sono usate per acquistare cibo, vestiti pesanti, coperte per i profughi e affittare case o roulotte per affrontare l'inverno e il freddo che sono giunti molto presto. Due donne hanno difeso la loro fede cristiana davanti ai miliziani islamisti che volevano convertirle, minacciandole di uccidere. Rifugiato fra i rifugiati, mons. Nona scopre un modo nuovo di essere pastore.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate