28 Maggio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 24/04/2006, 00.00

    CINA - ARABIA SAUDITA - AFRICA

    Hu in Arabia Saudita e in Africa per parlare di petrolio



    Calorosa accoglienza a Riyadh, dove è stata discussa una maggiore collaborazione economica ed energetica. Oggi Hu va in Marocco.

    Riyadh (AsiaNews/Agenzie) – Alla ricerca di fonti energetiche per sostenere il vorticoso sviluppo della Cina, oggi Hu Jintao giunge in Africa. Dopo due giorni in Marocco, il 26 aprile sarà in Nigeria (importante fornitore di petrolio per la Cina) e poi in Kenya.

    La ricerca di fonti energetiche ha anche spinto Hu Jintao in Arabia Saudita. Finita la visita negli Stati Uniti, il 22 aprile il presidente cinese Jintao è volato a Riyadh, dove ha discusso con re Abdullah bin Abdul Aziz al-Saud la costituzione di una riserva del petrolio saudita in una città costiera nella Cina meridionale, da utilizzare in caso di emergenza quale un conflitto nella zona. Il Paese è il principale fornitore di petrolio per Pechino, con 22,18 milioni di tonnellate su 130 milioni importati nel 2005. Intanto nel Fujian è in costruzione una raffineria per il petrolio saudita e un'altra è progettata a Qingdao. Sono stati anche discussi accordi in materia economica, sanitaria, della sicurezza e della difesa. L'Arabia Saudita vuole creare uno stabile mercato per il suo greggio in Asia e i due Stati già collaborano nella ricerca di petrolio e gas nel Paese.

    Hu ha avuto una calorosa accoglienza. I giornali, controllati dallo Stato, hanno enfatizzato i buoni rapporti tra i due Paesi e Hu ha parlato davanti al Consiglio consultativo (l'organo saudita più simile a un parlamento) di tolleranza e della costruzione di un'armonica comunità internazionale ricevendo ampi applausi. La Cina considera l'Arabia Saudita come il miglior fornitore di petrolio, per quantità e prezzo, mentre lo Stato arabo si rivolge a Pechino per migliorare la tecnologia e la produzione. (PB)

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    26/10/2009 CINA - AFRICA
    Pechino continua la colonizzazione dell’Africa: nuovi accordi in Guinea Conakry
    Il governo cinese ha firmato un contratto da 7 miliardi di dollari per esplorare il sottosuolo. Nonostante le proteste dei locali, contrari all'ingresso cinese. Solo il mese scorso 157 persone sono state uccise dal regime mentre manifestavano contro la dittatura.

    10/02/2009 CINA-AFRICA
    Hu Jintao inizia il primo viaggio in Africa nell’epoca della crisi globale
    Da anni la Cina aumenta i rapporti economici con i Paesi africani, comprando materie prime. Pechino ama presentarsi come Paese amico, ma spesso è accusata di sfruttamento coloniale. Ora, in periodo di crisi, diminuisce la concorrenza con le società occidentali.

    16/05/2016 15:09:00 COREA – IRAN – A. SAUDITA
    L’accordo fra Seoul e Teheran rischia di scatenare l’ira di Riyadh

    La presidente Park Geun-hye ha firmato un pacchetto di contratti da 45 miliardi di dollari con l’Iran, aprendo a una possibile crisi con l’Arabia Saudita. Gli analisti asiatici preoccupati dallo sbilanciamento dei rapporti: le sanzioni della comunità internazionale non sono state ancora rimosse, e in bilico c’è il petrolio del Regno saudita. Che ora vorrebbe una “Riyadh Street” nella capitale coreana.



    25/08/2006 Cina – Venezuela
    Pechino: per scalzare gli Usa, Chavez aumenta la fornitura petrolifera alla Cina

    Il presidente venezuelano è in visita ufficiale al colosso economico asiatico, a cui ha promesso mezzo milione di barili di petrolio al giorno entro cinque anni. Firmati accordi economici anche con i dirigenti minerari.



    14/10/2009 CINA - RUSSIA
    Il nuovo asse Mosca-Pechino per "limitare l'occidente"
    Russia e Cina si accordano per sfuttare in maniera congiunta le risorse energetiche dell’Asia centrale e firmano contratti commerciali per 3,5 miliardi di dollari. Washington costretta a guardare in silenzio, mentre i talebani annunciano: «Mano tesa all’Organizzazione di Shanghai».



    In evidenza

    VATICANO
    Papa: Il 24 maggio, uniti ai fedeli in Cina nella festa della Madonna di Sheshan



    Al Regina Caeli papa Francesco ricorda la Giornata mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina, instaurata da Benedetto XVI. I fedeli cinesi devono dare il “personale contributo per la comunione tra i credenti e per l’armonia dell’intera società”. Il Simposio di AsiaNews sulla Chiesa in Cina.  Un appello di pace per la Repubblica Centrafricana. “Volersi bene sull’esempio del Signore”. “A volte i contrasti, l’orgoglio, le invidie, le divisioni lasciano il segno anche sul volto bello della Chiesa”. Fra i nuovi cinque cardinali, anche un vescovo del Laos.


    VATICANO-CINA
    24 maggio 2017: ‘Cina, la Croce è rossa’, il Simposio di AsiaNews

    Bernardo Cervellera

    Il raduno in occasione della Giornata Mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina. Un titolo con molti significati: la Croce è rossa per il sangue dei martiri; per il tentativo di soffocare la fede nei controlli statali; per il contributo di speranza che il cristianesimo dà a una popolazione stanca di materialismo e consumismo e alla ricerca di nuovi criteri morali. A tema anche la grande e inaspettata rinascita religiosa nel Paese. Fra gli invitati: il card. Pietro Parolin, mons. Savio Hon, il sociologo delle religioni Richard Madsen, testimonianze di sacerdoti e laici cinesi.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®