29 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 05/07/2012, 00.00

    CINA

    Hunan, 16 uomini intrappolati in una miniera di carbone dell'Hunan



    Nei mesi scorsi, sempre nell'Hunan, vi sono stati altri incidenti con decine di morti. Secondo statistiche ufficiali le morti in miniere di carbone sono diminuite del 19%. Ma gruppi per i diritti umani affermano che molti incidenti vengono nascosti per timori di perdite economiche, multe e chiusura degli impianti.

    Pechino (AsiaNews/Agenzie) - Almeno 16 persone sono intrappolate in una miniera di carbone dell'Hunan (Cina centrale), dopo che una galleria è stata allagata. Questo è l'ennesimo incidente nell'industria mineraria cinese che ogni anno uccide migliaia di vite. Le squadre di soccorso sono all'opera da ieri sera ma finora non sono riusciti a salvare i minatori intrappolati.

    Non è chiaro finora il motivo dell'allagamento, anche se forse è da legare all'inizio della stagione delle piogge.

    L'Hunan è una delle province dove più accadono incidenti in miniera. Solo nei medi scorsi vi sono stati disastri costati la vita a decine di operai delle miniere di carbone.

    Secondo le ultime statistiche fornite dal governo, lo scorso anno sono morte 1973 persone per incidenti in miniere di carbone, con un abbassamento del 19% rispetto all'anno precedente. Ma gruppi per i diritti umani e privati studiosi cinesi affermano che la cifra è molto più alta: i padroni delle miniere, infatti, non denunciano molti incidenti per timore di perdite economiche, multe, chiusure degli impianti.

    La Cina è il maggior consumatore di carbone e basa su di esso il 70% del suo sempre crescente fabbisogno energetico.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    30/03/2010 CINA
    Shanxi, rischiano di morire di fame e di sete i 153 minatori intrappolati
    Un’inondazione ha bloccato le gallerie: si drena l’acqua cercando di raggiungerli, ma non si hanno notizie da 2 giorni. Rischiano di morire di asfissia o avvelenati da gas velenosi. La miniera è considerata un impianto modello. Il triste primato cinese delle morti in miniera.

    22/08/2005 cina
    Per fermare nuovi incidenti, si chiude o si fanno saltare le miniere illegali


    30/08/2012 CINA
    Sichuan, 19 minatori uccisi; 28 ancora intrappolati in una galleria
    Il disastro provocato da un'esplosione di gas, mentre in galleria lavoravano 150 persone. Delle vittime, 16 erano già morti; altri tre minatori sono morti in ospedale per le esalazioni di gas. Non si conosce il numero esatto dei morti in miniera perché molti incidenti vengono nascosti.

    01/05/2007 CINA
    Malattia dei polmoni fa più vittime degli incidenti in miniera
    Più di 600mila casi di pneumoconiosi accertati fino al 2005, con 140mila morti e molti di più rimasti invalidi. La causa sono le pessime condizioni di lavoro, anche nelle miniere autorizzate. Ogni milione di tonnellate di carbone costa 2 vite.

    09/12/2005 cina
    Cina: un'esplosione seppellisce oltre 100 minatori nell'Hebei

    Accertati 87 morti e 21 dispersi. Si scava per trovarli, ma un'alta concentrazione di gas rallenta le ricerche. Un altro grave incidente in una miniera di Jilin.





    In evidenza

    POLONIA – CINA – GMG
    I trucchi e le violenze di Pechino per fermare i giovani cinesi alla Gmg

    Vincenzo Faccioli Pintozzi

    Il governo ha bloccato ieri un gruppo di 50 giovani pellegrini, già imbarcati su un aereo diretto a Cracovia. Interrogati per ore all’immigrazione, sono stati “ammoniti” e rimandati a casa con l’ordine di non contattare nessuno all’estero. Nel frattempo, per i luoghi centrali della Giornata mondiale della Gioventù si aggirano “giovani cattolici cinesi”, in gruppi di cinque o sei persone, che hanno il compito di spiare i compatrioti. Lavorano per Istituti culturali o aziende cinesi in Polonia.


    ISLAM-EUROPA
    P. Samir: Terrore islamico in Francia e Germania: crisi dell’integrazione, ma soprattutto crisi della politica

    Samir Khalil Samir

    Il sequestro e l’uccisione di un sacerdote vicino a Rouen (Francia) e i vari attacchi a Würzburg, Monaco, Ansbach (Germania) sono stati compiuti da gente molto giovane e indottrinata con facilità. La Germania era un modello per l’integrazione dei rifugiati. Ma l’islamismo radicale non si lascia assimilare. Esso è sostenuto da Arabia saudita e Qatar. Non c’è altra strada all’integrazione. Ma occorre dire la verità: nel Corano ci sono elementi di guerra e violenza. Ignoranza e perdita di senso morale dei politici occidentali.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®