24 Maggio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 05/05/2017, 13.13

    HONG KONG – CINA

    I 20 anni del passaggio di Hong Kong alla Cina. Entra in scena anche Yao Ming



    Saranno dispiegati almeno 30mila poliziotti. Esperimenti con tute tattiche anti-lesione. La star del basket guiderà una partita all’Hong Kong Coliseum. Timori di contestazioni.

    Hong Kong (AsiaNews/Agenzie) - Le celebrazioni per il 20mo anniversario del passaggio di Hong Kong alla Cina saranno organizzate all’insegna del controllo poliziesco e del piacere sportivo. La città sarà blindatissima per l’arrivo del presidente Xi Jinping, ma le autorità cercheranno anche in ogni modo di conquistare i giovani, facnedo scendere in campo Yao Ming, la superstar del basket.

    Secondo fonti del South China Morning Post, il 1 luglio circa 10mila agenti di polizia saranno dispiegati nel territorio per la sicurezza durante le celebrazioni. Il presidente Xi Jinping effettuerà la sua visita per tre giorni. Più di un terzo del corpo di polizia a disposizione sarà impiegato per proteggere i leader e le personalità presenti, in quella che viene definita la più imponente operazione di militarizzazione della città dopo lo storico passaggio del 1997.

    Le forze di polizia sono allertate per affrontare qualsiasi scenario, inclusi gli attacchi terroristici anche se il livello di minaccia indicato dai servizi di intelligence resta moderato. Si prepara ogni tipo di precauzione: tiratori scelti sui tetti degli edifici intorno agli hotel che ospiteranno i big; protezione aerea con elicotteri lungo le rotte delle autovetture nei cortei ufficiali. Imponenti barriere di plastica piene di acqua saranno erette al di fuori degli edifici che ospiteranno gli incontri per prevenire gli attacchi di autobombe o l’arrivo di mezzi lanciati contro la folla, com’è accaduto nei più recenti episodi di terrorismo internazionale.

    La prossima settimana inizierà un intenso programma di esercitazioni per 29 mila poliziotti. E saranno sperimentate anche nuove attrezzature, come per esempio le 400 nuove tute tattiche per proteggere gli agenti da lesioni provocate dal lancio di oggetti contudenti. E ciò per evitare gli incidenti avvenuti durante le manifestazioni a Mong Kok nel febbraio 2016, quando cento poliziotti sono stati feriti.

    Accanto alle questioni di sicurezza, le autorità hanno deciso mettere in piedi un’operazione simpatia soprattutto rivolta alle migliaia di giovani sempre più disaffezionati dalla politica cinese nel territorio, come è stato evidente nella campagna di protesta Occupy Central.

    Per questo è stato ingaggiato nientemeno che la superstar del basket Yao Ming. L’ex star degli Houston Rockets ha confermato oggi che sarà ad Hong Kong per guidare una partita all’interno delle celebrazioni per il ventennale. Il match, che si terrà all’ Hong Kong Coliseum il 30 luglio, porterà nel territorio grandi giocatori della NBA e del CBA, oltre ad alcuni giocatori locali. Lungo il mese vi saranno ancora molti altri eventi sportivi, tutti sotto lo slogan scelto per i 20 anni dal ritorno di Hong Kong alla madrepatria: “Insieme, progresso, opportunità”.

    Ma i rischi di una contestazione da parte dei giovani ci sono e sarebbero devastanti per la Cina. Già in passato, eventi sportivi sono stati occasione per i “localisti” di esprimere astio verso la madrepatria.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    29/09/2016 09:06:00 HONG KONG – CINA
    Il card. Zen al Movimento degli Ombrelli: La Chiesa deve denunciare le ingiustizie. Senza scoraggiarsi

    Una messa davanti al parlamento di Hong Kong per ricordare le manifestazioni pro-democrazia di due anni fa. Nella città e in particolare ad Admiralty (dove si radunarono centinaia di migliaia di persone) un altro momento alla presenza di Benny Tai. Tutte le dimostrazioni sono avvenute alle 6 del pomeriggio, quando due anni prima la polizia aveva lanciato il primo gas lacrimogeno. La speranza per il futuro.



    10/04/2015 THAILANDIA – HONG KONG – CINA
    Giustizia e pace di Hong Kong, a sostegno del movimento democratico “degli ombrelli”
    Al Convegno di Bangkok su “pace e riconciliazione nel contesto dell’Asia”, la delegata di Hong Kong presenta l’impegno dei cattolici del territorio a favore della democrazia. “Occupy Central” e il “movimento degli ombrelli” sono divenuti uno spartiacque nella coscienza politica della popolazione del territorio. La brutta figura del governatore, l’uso strumentale della polizia di Hong Kong; la guerra di Pechino contro il “non patriottismo” e “l’illegalità”.

    12/08/2016 10:41:00 HONG KONG – CINA
    Olimpiadi: la sfida a badminton con la Cina fomenta gli indipendentisti di Hong Kong

    I “localisti” sognano di staccarsi dalla madrepatria e scelgono l’area di Mong Kok per proiettare la partita: “Non c’è ragione per noi di tifare il team Cina”. Dietro all’evento anche gli “indigeni”, accusati di aver fomentato i violenti scontri dei mesi scorsi fra venditori ambulanti e polizia.



    02/12/2014 HONG KONG - CINA
    I leader di Occupy Central si consegneranno alla polizia. Con loro il card. Zen
    Non si sa se essi verranno arrestati o lasciati liberi. Forte invito agli studenti di terminare i sit-in e trovare altri metodi di lotta, per evitare frustrazioni e violenze. La Federazione degli studenti vuole incrementare le proteste. Sciopero della fame a tempo indeterminato per il giovane Joshua Wong di Scholarism.

    25/11/2014 HONG KONG - CINA
    Occupy Central: via barricate e tende da Mong Kok
    Ufficiali giudiziari, operai in guanti bianchi e 3mila poliziotti hanno sgomberato il sito che bloccava Nathan Road e Argyle Street. Una ditta di autobus è riuscita ad ottenere un'ordinanza della corte per liberare l'incrocio. I giovani sono rimasti tranquilli, temendo di essere arrestati. I leader di Occupy Central e il card. Zen pronti a consegnarsi alle autorità.



    In evidenza

    VATICANO
    Papa: Il 24 maggio, uniti ai fedeli in Cina nella festa della Madonna di Sheshan



    Al Regina Caeli papa Francesco ricorda la Giornata mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina, instaurata da Benedetto XVI. I fedeli cinesi devono dare il “personale contributo per la comunione tra i credenti e per l’armonia dell’intera società”. Il Simposio di AsiaNews sulla Chiesa in Cina.  Un appello di pace per la Repubblica Centrafricana. “Volersi bene sull’esempio del Signore”. “A volte i contrasti, l’orgoglio, le invidie, le divisioni lasciano il segno anche sul volto bello della Chiesa”. Fra i nuovi cinque cardinali, anche un vescovo del Laos.


    VATICANO-CINA
    24 maggio 2017: ‘Cina, la Croce è rossa’, il Simposio di AsiaNews

    Bernardo Cervellera

    Il raduno in occasione della Giornata Mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina. Un titolo con molti significati: la Croce è rossa per il sangue dei martiri; per il tentativo di soffocare la fede nei controlli statali; per il contributo di speranza che il cristianesimo dà a una popolazione stanca di materialismo e consumismo e alla ricerca di nuovi criteri morali. A tema anche la grande e inaspettata rinascita religiosa nel Paese. Fra gli invitati: il card. Pietro Parolin, mons. Savio Hon, il sociologo delle religioni Richard Madsen, testimonianze di sacerdoti e laici cinesi.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®