23 Aprile 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 20/06/2012, 00.00

    COREA DEL SUD – CINA – TIBET

    I buddisti coreani contro Pechino: “Avete politicizzato la religione”

    Joseph Yun Li-sun

    L’Ordine buddista Jogye, uno dei più antichi e rispettati della Corea del Sud e del mondo, attacca la delegazione cinese che ha abbandonato la 26ma conferenza organizzata dall’Amicizia dei buddisti mondiali per protesta contro la presenza della delegazione tibetana: “Ora si devono scusare”.

    Seoul (AsiaNews) - La maggiore organizzazione buddista coreana ha chiesto alla Cina di scusarsi in maniera ufficiale per aver imposto la cacciata della delegazione tibetana dalla 26ma conferenza organizzata dall'Amicizia dei buddisti mondiali, che si è svolta a Yeosu dall'11 al 16 giugno. Secondo l'Ordine buddista Jogye, uno dei più antichi e rispettati al mondo, Pechino ha "politicizzato" un evento religioso "senza comprenderne il vero significato".

    I 17 fra monaci e rappresentanti del mondo buddista cinese sono partiti all'improvviso due giorni prima della fine dell'incontro. Una portavoce dell'organizzazione ha confermato che, per venire incontro alle proteste cinese, i funzionari dell'Amicizia avevano chiesto ieri a 3 delegati tibetani di lasciare i lavori: "La richiesta cinese è stata accettata dal segretario generale del gruppo. Si è trattato di una decisione imbarazzante". Fra i delegati c'era l'ex primo ministro del governo tibetano Samdhong Rinpoche, inviato personale del Dalai Lama.

    L'Ordine definisce il boicottaggio dell'evento "una mossa irrispettosa e spiacevole. I delegati cinesi hanno messo al primo posto l'agenda politica e hanno mancato di rispetto e considerazione per un evento che invece è puramente religioso. Chiediamo che Pechino offra delle scuse sincere per quanto è avvenuto, promettendo nel contempo che una cosa del genere non accadrà mai più".

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    11/07/2013 COREA DEL SUD
    Corea, monaci buddisti nel ciclone: Gioco d’azzardo e alcool ci stanno rovinando
    Il venerabile Jangju – uno dei membri più importanti dell’Ordine Jogye, la denominazione buddista più ampia e importante del Paese – lancia l’allarme: “Alcuni monaci vanno persino a Macao e Las Vegas per scommettere in libertà. Uno di noi ha venduto la terra del tempio per pagare i debiti. Serve una svolta”.

    13/06/2012 COREA DEL SUD – CINA
    Contro la delegazione tibetana, la Cina abbandona i lavori dell’Amicizia buddista
    I rappresentanti del buddismo cinese prima chiedono (e ottengono) di allontanare i delegati tibetani dai lavori dell’assemblea mondiale. In un secondo tempo, non soddisfatti, decidono di andarsene all’improvviso. Alla conferenza è presente Samdhong Rinpoche, ex primo ministro tibetano in esilio. Una fonte tibetana ad AsiaNews: “Vogliono che il mondo ci dimentichi”.

    23/07/2014 COREA DEL SUD
    Seoul, monache buddiste pregano a ritmo di rap per avvicinare i giovani
    L'insolita performance si è svolta durante una "competizione delle preghiere" organizzata dall'Ordine Jogye, il più diffuso nel Paese asiatico. Una delle religiose spiega: "Vogliamo avvicinare i ragazzi al buddismo, in modo che ne conoscano il messaggio". Il video della preghiera rap.

    29/04/2013 COREA DEL SUD
    Buddisti coreani in missione con sms e internet
    Visti per molti anni come una “distrazione” dalla pratica e dall’insegnamento religioso, i progressi nella comunicazione tecnologica iniziano a entrare nell’Ordine Jogye, il più numeroso della Corea del Sud. Ma alcuni restano scettici riguardo questi sviluppi.

    07/04/2016 15:07:00 COREA DEL SUD
    Seoul, pubblicati i “redditi” del buddismo Jogye: Promettiamo trasparenza

    Per la prima volta, sulla scia di un decreto emanato dal governo, il popolare ordine religioso rende pubblico il volume delle donazioni per alcuni dei suoi maggiori templi. I primi due per ampiezza di Seoul hanno totalizzato nel 2015 circa 40 miliardi di won (36 milioni di dollari). I media lodano l’iniziativa e chiedono “case di vetro” per le religioni: “Fate come i cattolici”.





    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Sequestrato mons. Pietro Shao Zhumin, vescovo (sotterraneo) di Wenzhou

    Bernardo Cervellera

    La pubblica sicurezza non comunica il luogo in cui è stato portato. Ma hanno permesso ai fedeli di consegnare alcuni vestiti per il loro pastore. Il vescovo non potrà celebrare Pasqua coi suoi fedeli. Pressioni sul prelato per farlo aderire all’Associazione patriottica. Un destino simile a quello di mons. Guo Xijin. Pressioni anche sulla Santa Sede.


    CINA-VATICANO
    Scomparso da 4 giorni mons. Guo Xijin, vescovo sotterraneo di Mindong

    Wang Zhicheng

    È stato sequestrato dopo una visita all’Ufficio affari religiosi di Fuan. La Pubblica sicurezza lo ha portato in un luogo sconosciuto per farlo “studiare e imparare”. I fedeli pensano che essi vogliano costringerlo a iscriversi all’Associazione patriottica. Al suo rifiuto, è forse possibile che gli proibiscano di ritornare in diocesi. Demolita una chiesa cattolica a Fuan.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®