21 Dicembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 20/06/2012
COREA DEL SUD – CINA – TIBET
I buddisti coreani contro Pechino: “Avete politicizzato la religione”
di Joseph Yun Li-sun
L’Ordine buddista Jogye, uno dei più antichi e rispettati della Corea del Sud e del mondo, attacca la delegazione cinese che ha abbandonato la 26ma conferenza organizzata dall’Amicizia dei buddisti mondiali per protesta contro la presenza della delegazione tibetana: “Ora si devono scusare”.

Seoul (AsiaNews) - La maggiore organizzazione buddista coreana ha chiesto alla Cina di scusarsi in maniera ufficiale per aver imposto la cacciata della delegazione tibetana dalla 26ma conferenza organizzata dall'Amicizia dei buddisti mondiali, che si è svolta a Yeosu dall'11 al 16 giugno. Secondo l'Ordine buddista Jogye, uno dei più antichi e rispettati al mondo, Pechino ha "politicizzato" un evento religioso "senza comprenderne il vero significato".

I 17 fra monaci e rappresentanti del mondo buddista cinese sono partiti all'improvviso due giorni prima della fine dell'incontro. Una portavoce dell'organizzazione ha confermato che, per venire incontro alle proteste cinese, i funzionari dell'Amicizia avevano chiesto ieri a 3 delegati tibetani di lasciare i lavori: "La richiesta cinese è stata accettata dal segretario generale del gruppo. Si è trattato di una decisione imbarazzante". Fra i delegati c'era l'ex primo ministro del governo tibetano Samdhong Rinpoche, inviato personale del Dalai Lama.

L'Ordine definisce il boicottaggio dell'evento "una mossa irrispettosa e spiacevole. I delegati cinesi hanno messo al primo posto l'agenda politica e hanno mancato di rispetto e considerazione per un evento che invece è puramente religioso. Chiediamo che Pechino offra delle scuse sincere per quanto è avvenuto, promettendo nel contempo che una cosa del genere non accadrà mai più".

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
11/07/2013 COREA DEL SUD
Corea, monaci buddisti nel ciclone: Gioco d’azzardo e alcool ci stanno rovinando
13/06/2012 COREA DEL SUD – CINA
Contro la delegazione tibetana, la Cina abbandona i lavori dell’Amicizia buddista
di Joseph Yun Li-sun
23/07/2014 COREA DEL SUD
Seoul, monache buddiste pregano a ritmo di rap per avvicinare i giovani
29/04/2013 COREA DEL SUD
Buddisti coreani in missione con sms e internet
di Joseph Yun Li-sun
24/05/2006 Corea del Sud
Corea, protesta silenziosa a favore del Dalai Lama

In evidenza
IRAQ-VATICANO
Vescovo di Mosul: Gesù nasce fra i container dei rifugiati. Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul"
di Amel NonaI profughi perseguitati dallo Stato islamico hanno perso tutto: beni, casa, lavoro, scuole, futuro. Ma rimane forte la fede e la missione. Raccolti e inviati quasi 900mila euro. Il messaggio di vicinanza di papa Francesco. La campagna continua secondo la proposta del patriarca di Baghdad: digiuno e sobrietà a Natale e Capodanno, offrendo il corrispettivo per i cristiani di Mosul.
IRAQ
Patriarca caldeo: Digiuno alla vigilia di Natale per il ritorno dei profughi a Mosul
di Joseph MahmoudMar Louis Sako domanda ai fedeli di non celebrare in modo "mondano", con sfarzo e abbondanza, Natale e Capodanno in segno di solidarietà con i fuggitivi della piana di Ninive, perseguitati dall'Esercito islamico. AsiaNews aderisce al digiuno proposto dal Patriarca e chiede a tutti i lettori di dare il corrispettivo del digiuno a sostegno della campagna "Adotta un cristiano di Mosul".
IRAQ - ITALIA
Lettera dell'arcivescovo di Mosul: Grazie per gli aiuti, che sostengono le sofferenze dei rifugiati
di Amel NonaLe offerte di tutti i donatori della campagna "Adotta un cristiano di Mosul" sono usate per acquistare cibo, vestiti pesanti, coperte per i profughi e affittare case o roulotte per affrontare l'inverno e il freddo che sono giunti molto presto. Due donne hanno difeso la loro fede cristiana davanti ai miliziani islamisti che volevano convertirle, minacciandole di uccidere. Rifugiato fra i rifugiati, mons. Nona scopre un modo nuovo di essere pastore.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate