28 Maggio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 04/07/2012, 00.00

    CINA - VATICANO

    I cattolici di Harbin resistono all'ordinazione episcopale voluta dal Partito, ma non dal papa

    Wang Zhicheng

    Le autorità cinesi hanno precettato sei vescovi in comunione col papa per costringerli alla consacrazione di p. Yue Fusheng il 6 luglio. Ma i sacerdoti della diocesi fuggono per non partecipare alla cerimonia. Non si trova un coro che canti nella liturgia. La cattedrale sotto il controllo della polizia. Il 7 luglio, all'ordinazione del vescovo coadiutore di Shanghai, vi sarà un vescovo scomunicato. Un sacerdote: Il governo mescola il vero e il falso, il giusto e l'ingiusto. É la battaglia dell'Apocalisse.

    Pechino (AsiaNews) - I cattolici di Harbin stanno opponendo resistenza come possono contro lo strapotere del Partito e dell'Associazione patriottica (Ap) che hanno decretato il via all'ordinazione episcopale di Giuseppe Yue Fusheng il prossimo 6 luglio.

    Molti fedeli continuano a pregare e digiunare per allontanare questo gesto di disprezzo verso l'autorità spirituale del papa; molti sacerdoti si stanno nascondendo e andando via dalla città per evitare di essere costretti a partecipare alla cerimonia; non si riesce a trovare un coro che canti durante la liturgia della consacrazione. Intanto la cattedrale è sotto il controllo della polizia (per "motivi di sicurezza") e l'accesso è bloccato.

    Da più di un anno i fedeli e i preti della diocesi frenano l'idea dell'ordinazione di p. Yue senza il mandato del papa. Due settimane fa si era sparsa la voce che l'ordinazione sarebbe avvenuta il 29 giugno, festa di san Pietro e Paolo (per fare "la festa al papa"), ma poi non si è realizzata. Anche ora vi sono ancora molti punti oscuri e indecisi: non si sa l'orario della celebrazione e chi saranno i vescovi concelebranti. Fino a ieri non se ne erano trovati. Oggi, a quanto pare, l'Ap ha precettato sei vescovi, tutti riconosciuti dalla Santa Sede, per farli partecipare.

    Ieri, una Nota diffusa dalla Congregazione vaticana per l'evangelizzazione dei popoli, ricorda a tutti i vescovi cinesi che nel partecipare attivamente all'ordinazione essi si espongono al rischio di scomunica. La Nota ricorda che "la nomina dei Vescovi è una questione non politica, ma religiosa" e che per la Chiesa cattolica, ciò deve avvenire sotto l'autorità del pontefice , "garanzia dell'unità della Chiesa e della comunione gerarchica".

    La cattedrale di Harbin può contenere fino a 1000 persone in piedi. Ma è probabile che essa rimanga quasi deserta. "Non ci sarà tanta gente che vi parteciperà", afferma un fedele. "Forse vi saranno alcuni cattolici che vengono da fuori, o dalla campagna, che non capiscono la questione. Diversi verranno solo per curiosità, per vedere un'ordinazione episcopale a cui non hanno mai assistito".

    Per quanto riguarda la presenza dei sei vescovi - dei quali non si conosce finora i nomi - un sacerdote afferma: "Questa mossa è tipica  della strategia dell'Associazione patriottica: far compiere ai vescovi in comunione col papa gesti contro la disciplina della Chiesa, mescolare il giusto e l'ingiusto, il vero e il falso". "È una vera e propria battaglia fra il demonio e la Chiesa", aggiunge. "È come la lotta descritta nell'Apocalisse [Apoc 12, 1-12] della donna col bambino che rischiano di essere divorati dal dragone".

    P. Yue Fusheng, 48 anni, cerca di essere ordinato vescovo da anni. Nel dicembre 2010 (v. : 09/12/2010 L'Assemblea patriottica cinese vota la sua leadership. Un grave danno per la Chiesa) egli è stato scelto come uno dei tre vicepresidenti dell'Ap nazionale, insieme a Paolo Lei Shiyin (diocesi di Leshan) e Giuseppe Huang Bingzhang (di Shantou), entrambi divenuti vescovi senza l'approvazione papale (v. : 29/06/2011 Leshan, sette vescovi legittimi all'ordinazione episcopale senza mandato del papa ; 14/07/2011 Otto vescovi in comunione col papa costretti all'ordinazione illecita di Shantou).

    L'Ap reputa superfluo il fatto che sia il pontefice a nominare i vescovi e vuole cancellare la differenza fra quelli nominati dal Partito e quelli nominati dalla santa Sede. Per questo sempre più spesso obbliga vescovi in comunione col papa a partecipare a ordinazioni episcopali illecite e inserisce vescovi scomunicati nelle ordinazioni episcopali volute dal Vaticano.

    Il 7 luglio ci sarà a Shanghai l'ordinazione a vescovo coadiutore di p. Taddeo Ma Daqin, approvato dal papa. Ma l'Ap ha già fatto sapere che alla cerimonia parteciperà mons. Vincenzo Zhang Silu, vescovo illecito di Mindong.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    04/07/2012 VATICANO - CINA
    Urgente: Nota del Vaticano sull'ordinazione episcopale di Harbin, senza mandato del papa
    Il governo vuole ordinare p. Yue Fusheng ad ogni costo il 6 luglio. L'ordinazione doveva tenersi il 29 giugno, ma è stata rimandata. La Nota ricorda che la nomina dei vescovi da parte del papa è un elemento di libertà religiosa e non un affare politico. Finora il governo ha fatto fatica a trovare dei vescovi disponibili alla consacrazione.

    15/06/2012 VATICANO - CINA
    Mons. Savio Hon: Ordinazioni episcopali senza mandato del papa, un segno del vuoto di ideali e della lotta nel Partito
    Il segretario vaticano di Propaganda Fide prega perché non avvenga una nuova ordinazione episcopale illecita a Harbin. Questo gesto "ferisce il papa", ma anche i cattolici cinesi, soprattutto i neo-battezzati. "Incoerenza" fra il liberalismo predicato dal governo e le azioni dell'Associazione patriottica, che vogliono creare "una nuova chiesa protestante", indipendente dal papa. Il Vangelo in Cina è "molto attuale" per superare il materialismo e il pragmatismo del potere e dei soldi.

    11/07/2012 CINA – VATICANO
    La vendetta dell'Associazione patriottica: mons. Ma Daqin sotto indagine
    Il sito ufficiale del Consiglio ha pubblicato oggi una nota, controfirmata dall’Associazione patriottica, accusando il vescovo di aver violato "in modo grave" il regolamento sulle ordinazioni episcopali. Ad Harbin, fonti di AsiaNews denunciano “difficoltà” per due sacerdoti della Chiesa ufficiale che si erano opposti all’ordinazione del 6 luglio scorso.

    11/07/2012 CINA - VATICANO
    Harbin, l'Associazione Patriottica, "il Vaticano non favorisce l'unità della Chiesa"
    Il comunicato è stato firmato da AP e Consiglio dei vescovi cinesi. In esso non si menziona mai la parola "scomunica" nei confronti di p. Fusheng nominato vescovo di Harbin senza il benestare del Papa. Per l'AP il documento vaticano non favorisce l'unità, la comunione e il sano sviluppo della Chiesa in Cina. Fonti locali denunciano l'utilizzo di toni pretestuosi e fuorvianti per ingannare i cattolici della Chiesa ufficiale.

    10/07/2012 VATICANO - CINA
    Un calcio all'Associazione patriottica: il vescovo di Shanghai profeta ed eroe
    Mons. Ma Daqin, che ha rifiutato l'imposizione delle mani da un vescovo scomunicato e si è dimesso dall'Associazione patriottica rivendica la libertà religiosa che la costituzione cinese garantisce, ma i regolamenti sulle religioni la tradiscono. Il rifiuto dell'Associazione patriottica ha motivi teologici (l'Ap è "incompatibile con la dottrina cattolica"), ma anche pastorali e sociali. Per mesi i pastori sono tenuti lontano dalle loro diocesi, portati a banchettare a spese del governo, mentre i loro fedeli devono combattere con la povertà. I vescovi "opportunisti" come sale scipito. Il valore dei fedeli laici per la riconciliazione con il papa.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    La persecuzione dei cattolici durante la Rivoluzione culturale

    Sergio Ticozzi

    La documentazione di quel violento periodo è stata bruciata o è sepolta negli archivi. Solo alcuni sopravvissuti ne parlano. I persecutori tacciono nella paura. I roghi degli oggetti religiosi e arredi nell’Hebei. Vescovi umiliati e arrestati nell’Henan; suore battute e uccise con bastoni, o sepolte vive. La persecuzione “non è ancora finita”; oggi è forse solo più sottile.


    CINA
    Il silenzio sui 50 anni della Rivoluzione Culturale in Cina e in occidente

    Bernardo Cervellera

    La sanguinosa campagna lanciata da Mao Zedong ha ucciso quasi 2 milioni di persone e mandato nei lager altri 4 milioni. Ogni cinese è stato segnato dalla paura. Ma oggi, nessuna cerimonia in memoria è stata prevista e non è apparso nessun articolo di giornale. Le lotte interne del Partito e il timore di Xi Jinping di finire come l’Urss. Anche oggi, come allora, in Europa c’è chi tace e osanna il mito della Cina. Molti predicono un ritorno al “grande caos”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®