1 Novembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 04/07/2012
CINA - VATICANO
I cattolici di Harbin resistono all'ordinazione episcopale voluta dal Partito, ma non dal papa
di Wang Zhicheng
Le autorità cinesi hanno precettato sei vescovi in comunione col papa per costringerli alla consacrazione di p. Yue Fusheng il 6 luglio. Ma i sacerdoti della diocesi fuggono per non partecipare alla cerimonia. Non si trova un coro che canti nella liturgia. La cattedrale sotto il controllo della polizia. Il 7 luglio, all'ordinazione del vescovo coadiutore di Shanghai, vi sarà un vescovo scomunicato. Un sacerdote: Il governo mescola il vero e il falso, il giusto e l'ingiusto. É la battaglia dell'Apocalisse.

Pechino (AsiaNews) - I cattolici di Harbin stanno opponendo resistenza come possono contro lo strapotere del Partito e dell'Associazione patriottica (Ap) che hanno decretato il via all'ordinazione episcopale di Giuseppe Yue Fusheng il prossimo 6 luglio.

Molti fedeli continuano a pregare e digiunare per allontanare questo gesto di disprezzo verso l'autorità spirituale del papa; molti sacerdoti si stanno nascondendo e andando via dalla città per evitare di essere costretti a partecipare alla cerimonia; non si riesce a trovare un coro che canti durante la liturgia della consacrazione. Intanto la cattedrale è sotto il controllo della polizia (per "motivi di sicurezza") e l'accesso è bloccato.

Da più di un anno i fedeli e i preti della diocesi frenano l'idea dell'ordinazione di p. Yue senza il mandato del papa. Due settimane fa si era sparsa la voce che l'ordinazione sarebbe avvenuta il 29 giugno, festa di san Pietro e Paolo (per fare "la festa al papa"), ma poi non si è realizzata. Anche ora vi sono ancora molti punti oscuri e indecisi: non si sa l'orario della celebrazione e chi saranno i vescovi concelebranti. Fino a ieri non se ne erano trovati. Oggi, a quanto pare, l'Ap ha precettato sei vescovi, tutti riconosciuti dalla Santa Sede, per farli partecipare.

Ieri, una Nota diffusa dalla Congregazione vaticana per l'evangelizzazione dei popoli, ricorda a tutti i vescovi cinesi che nel partecipare attivamente all'ordinazione essi si espongono al rischio di scomunica. La Nota ricorda che "la nomina dei Vescovi è una questione non politica, ma religiosa" e che per la Chiesa cattolica, ciò deve avvenire sotto l'autorità del pontefice , "garanzia dell'unità della Chiesa e della comunione gerarchica".

La cattedrale di Harbin può contenere fino a 1000 persone in piedi. Ma è probabile che essa rimanga quasi deserta. "Non ci sarà tanta gente che vi parteciperà", afferma un fedele. "Forse vi saranno alcuni cattolici che vengono da fuori, o dalla campagna, che non capiscono la questione. Diversi verranno solo per curiosità, per vedere un'ordinazione episcopale a cui non hanno mai assistito".

Per quanto riguarda la presenza dei sei vescovi - dei quali non si conosce finora i nomi - un sacerdote afferma: "Questa mossa è tipica  della strategia dell'Associazione patriottica: far compiere ai vescovi in comunione col papa gesti contro la disciplina della Chiesa, mescolare il giusto e l'ingiusto, il vero e il falso". "È una vera e propria battaglia fra il demonio e la Chiesa", aggiunge. "È come la lotta descritta nell'Apocalisse [Apoc 12, 1-12] della donna col bambino che rischiano di essere divorati dal dragone".

P. Yue Fusheng, 48 anni, cerca di essere ordinato vescovo da anni. Nel dicembre 2010 (v. : 09/12/2010 L'Assemblea patriottica cinese vota la sua leadership. Un grave danno per la Chiesa) egli è stato scelto come uno dei tre vicepresidenti dell'Ap nazionale, insieme a Paolo Lei Shiyin (diocesi di Leshan) e Giuseppe Huang Bingzhang (di Shantou), entrambi divenuti vescovi senza l'approvazione papale (v. : 29/06/2011 Leshan, sette vescovi legittimi all'ordinazione episcopale senza mandato del papa ; 14/07/2011 Otto vescovi in comunione col papa costretti all'ordinazione illecita di Shantou).

L'Ap reputa superfluo il fatto che sia il pontefice a nominare i vescovi e vuole cancellare la differenza fra quelli nominati dal Partito e quelli nominati dalla santa Sede. Per questo sempre più spesso obbliga vescovi in comunione col papa a partecipare a ordinazioni episcopali illecite e inserisce vescovi scomunicati nelle ordinazioni episcopali volute dal Vaticano.

Il 7 luglio ci sarà a Shanghai l'ordinazione a vescovo coadiutore di p. Taddeo Ma Daqin, approvato dal papa. Ma l'Ap ha già fatto sapere che alla cerimonia parteciperà mons. Vincenzo Zhang Silu, vescovo illecito di Mindong.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
04/07/2012 VATICANO - CINA
Urgente: Nota del Vaticano sull'ordinazione episcopale di Harbin, senza mandato del papa
15/06/2012 VATICANO - CINA
Mons. Savio Hon: Ordinazioni episcopali senza mandato del papa, un segno del vuoto di ideali e della lotta nel Partito
di Bernardo Cervellera
11/07/2012 CINA – VATICANO
La vendetta dell'Associazione patriottica: mons. Ma Daqin sotto indagine
di Jian Mei
11/07/2012 CINA - VATICANO
Harbin, l'Associazione Patriottica, "il Vaticano non favorisce l'unità della Chiesa"
di Justina Li
10/07/2012 VATICANO - CINA
Un calcio all'Associazione patriottica: il vescovo di Shanghai profeta ed eroe
di Bernardo Cervellera

In evidenza
IRAQ - ITALIA
Lettera dell'arcivescovo di Mosul: Grazie per gli aiuti, che sostengono le sofferenze dei rifugiati
di Amel NonaLe offerte di tutti i donatori della campagna "Adotta un cristiano di Mosul" sono usate per acquistare cibo, vestiti pesanti, coperte per i profughi e affittare case o roulotte per affrontare l'inverno e il freddo che sono giunti molto presto. Due donne hanno difeso la loro fede cristiana davanti ai miliziani islamisti che volevano convertirle, minacciandole di uccidere. Rifugiato fra i rifugiati, mons. Nona scopre un modo nuovo di essere pastore.
IRAQ - ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": raccolti e inviati quasi 700mila euro. La campagna continua
di Bernardo CervelleraInviata la seconda tranche di aiuti, raccolti nel mese di settembre. In Medio oriente e in Iraq si gioca il destino dei rapporti fra oriente e occidente. L'appello di papa Francesco e del Sinodo. I governi tiepidi. Gli aiuti giunti da tutto il mondo: una nuova comunità internazionale che sconfigge la "globalizzazione dell'indifferenza".
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate