25 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 06/04/2017, 15.14

    INDONESIA

    I cittadini di Jakarta condannano l’uso della religione per fini politici

    Mathias Hariyadi

    I gruppi estremisti islamici tentano di condizionare le elezioni. Gli elettori condannano la manipolazione della religione per fini politici. Zulkifli Hasan, capo dell'Assemblea consultiva popolare: “Sbagliato usare la religione per promuovere l’incitamento all'odio e il risentimento”. Budi Arie Setiadji: “Le questioni settarie hanno consumato la nostra energia”

    Jakarta (AsiaNews) – Mostrando una rinnovata consapevolezza sociale, i cittadini esprimono il proprio rifiuto nei confronti della manipolazione della religione per fini politici. Numerosi manifesti sono apparsi ieri in diversi punti strategici dell’area metropolitana. Essi recitano lo slogan: “Noi – abitanti di Jakarta – siamo stanchi delle questioni settarie”. Ciò avviene a due settimane dalla seconda tornata delle elezioni regionali, che si terranno nel distretto della capitale indonesiana il 19 aprile.

    Alcuni degli striscioni sono stati installati sui ponti pedonali vicino alla Bank Indonesia e presso la rotatoria dell’Hotel Indonesia, entrambi a Central Jakarta, e altri a Slipi Jaya, West Jakarta. Tuttavia, da ieri pomeriggio, l'Agenzia cittadina per l'Ordine Pubblico (Satpol Pp), in collaborazione con l’Agenzia per il controllo delle elezioni (Bawaslu), ha rimosso gli striscioni poiché affissi senza permesso ufficiale.

    Mai come durante queste elezioni, le questioni settarie sono state manipolate dal campo islamista in maniera così intensa. Le votazioni vedono protagonista il cristiano Basuki “Ahok” Tjahaja Purnama, che corre per la sua riconferma a governatore. Secondo  diversi commentatori, i manifesti hanno come obiettivo proprio il rivale di Ahok. I cittadini di Jakarta non hanno gradito il modo in cui, durante la campagna elettorale, Anies Baswedan ha usato tematiche settarie per aumentare la propria popolarità nell’elettorato musulmano, rivolgendosi  in particolare a quello più estremista.

    Diversi politici indonesiani hanno applaudito l’iniziativa spontanea contro lo sfruttamento del sentimento religioso per vantaggi politici. Durante un seminario che si è tenuto oggi a Jakarta, Zulkifli Hasan, a capo dell'Assemblea consultiva popolare indonesiana, è tra le prime figure di spicco a denunciare questo tipo di manipolazione della religione. Egli ha dichiarato: “Ogni religione adotta l'insegnamento di buoni valori, ma durante le elezioni regionali di Jakarta è accaduto qualcosa di sbagliato, quando si è usata la religione per promuovere l’incitamento all'odio e il risentimento”.

    Budi Arie Setiadji, responsabile dei circoli che sostengono il presidente Jokowi, ha sostenuto ieri  che la comparsa dei manifesti contro il settarismo è chiara prova che la maggior parte degli abitanti di Jakarta sono veramente stufi dei “trucchi” utilizzati da alcuni gruppi per promuovere il loro candidato leader. Egli ha poi affermato: “Tali questioni settarie hanno consumato la nostra energia”.

    Secondo Setiadji, gli elettori sono ormai intelligenti e votano candidati che hanno mostrato la capacità di apportare modifiche radicali a Jakarta, per rendere la città un posto migliore per vivere e lavorare. “Non ci sono più questioni settarie a dividere gli indonesiani; non più gesti intimidatori a diffondere la paura tra gli elettori” – il commento finale del politico.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    13/03/2017 12:51:00 INDONESIA
    Negati i funerali per i musulmani sostenitori del governatore cristiano

    In diverse moschee di Jakarta esposti striscioni e manifesti. La polizia apre un’inchiesta. Il ministro degli Affari religiosi esprime la sua preoccupazione: “Inviti del genere non sono islamici”. La campagna elettorale è segnata dagli atti di intolleranza degli islamisti nei confronti di Ahok e dei suoi sostenitori. Aumentano le tensioni in vista della prossima tornata elettorale in aprile. Le reazioni dei musulmani moderati.



    18/04/2017 12:19:00 INDONESIA
    Elezioni del governatore a Jakarta, l’appello dei leader religiosi per la democrazia

    La conferenza stampa congiunta di sette associazioni di diverse confessioni. I membri invitati ad usare i propri diritti civili senza indugi e a rispettare l'esito delle elezioni di domani. In campagna elettorale la religione sfruttata e manipolata dai gruppi estremisti islamici.



    12/07/2017 11:13:00 INDONESIA
    Jakarta, approvata la legge che vieta i gruppi islamisti radicali

    La visione politica dei movimenti islamisti contraddice i valori della Pancasila. I gruppi sono responsabili di mesi di tensioni politiche. Hizbut Tahir Indonesia (HTI) è tra gli obiettivi principali del decreto. Il ministro Wiranto dichiara che la delibera mira a proteggere l'unità e l'esistenza dell'Indonesia come nazione. Nel Paese aumentano di episodi di intolleranza e settarismo.



    04/11/2017 10:43:00 INDONESIA
    Jakarta, uno studente su cinque per il califfato. Uno su quattro pronto a combattere

    I gruppi islamici si fanno strada a forza nella vita pubblica e politica della giovane democrazia. Le autorità lanciano l’allarme per le infiltrazioni radicali nelle organizzazioni studentesche e nei campus. L'intolleranza cresce tra gli indonesiani a medio reddito che vivono nelle periferie.



    29/04/2017 12:22:00 INDONESIA
    Jakarta, manifestazioni pubbliche di affetto e gratitudine per Ahok

    I cittadini vogliono esprimere la propria ammirazione. Ogni giorno in migliaia si recano al municipio. L'area antistante il palazzo inondata da cartelli e decorazioni floreali. Non si fermano le iniziative dei gruppi islamisti radicali contro il governatore cristiano. Il 9 maggio prossimo il verdetto del processo per blasfemia. Ahok: “Diffamato e odiato a causa della mia fede e delle mie idee”.

     





    In evidenza

    MYANMAR-VATICANO
    Yangon, ‘ore frenetiche’ per l’arrivo del papa. L’impegno dei cattolici per i pellegrini

    Paolo Fossati

    Attese 200mila persone per la messa solenne al Kyaikkasan Ground. Tra loro anche leader buddisti e musulmani. In arrivo 6mila ragazzi per la messa dei giovani del giorno seguente. Anche filippini, australiani e thailandesi per lo storico viaggio apostolico di papa Francesco. Dal nostro inviato.


    YEMEN
    Il genocidio dello Yemen: dopo le bombe, la fame, la sete e il colera

    Pierre Balanian

    La coalizione guidata da Riyadh blocca l’arrivo di carburante necessario per far funzionare i pozzi. Oltre un milione di persone senza acqua a Taiz, Saada, Hodeida, Sana’a e Al Bayda. Secondo l’Unicef, 1,7 milioni di bambini soffrono di malnutrizione acuta”; 150mila bambini rischiano di morire di stenti nelle prossime settimane. Il silenzio e l’incuria della comunità internazionale. La minaccia di colpire le navi-cargo del greggio. Ieri l’Arabia saudita ha permesso la riapertura dell’aeroporto di Sana’a e del porto di Hudayda, ma solo per gli aiuti umanitari. Una misura insufficiente.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®