22 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 31/03/2011, 00.00

    MALAYSIA

    I cristiani malaysiani dicono no al governo: nessuna scritta discriminatoria sulla Bibbia



    Ancora bloccate le Bibbie in lingua malay, perché il governo vuole limitare ai musulmani l’uso del termine “Allah” per indicare Dio. Una sentenza gli dà torto, ma Kuala Lumpur continua in una politica di progressiva limitazione della libertà religiosa.

    Kuala Lumpur (AsiaNews/Agenzie) – La Federazione cristiana della Malaysia ha rifiutato la proposta del governo di sbloccare 35mila Bibbie stampigliando sulla copertina la frase: “Per la cristianità”. I libri, in lingua Malay, sono bloccati dal 2009 nel porto d’arrivo. Il governo in precedenza aveva deciso di sbloccarli, ma stampigliandovi sopra un numero seriale e la scritta: “Solo per i cristiani”. La diatriba nasce dalla decisione del governo di proibire l’uso del termine “Allah” per definire Dio da parte di non musulmani. La magistratura ha dato torto al governo su questo punto; ma l’udienza di appello deve essere ancora fissata.

    I cristiani malaysiani sostengono che non devono esserci “restrizioni, proibizioni o proscrizioni” nell’uso dei libri sacri. Il governo vuole imporre una scritta sulle Bibbie, stampate in Indonesia, per ridurre il rischio che i musulmani possano convertirsi.

    La Bible society of Malaysia, che importa e distribuisce le Bibbie, ha preso carico di una spedizione di cinquemila Bibbie “deturpate” dalle scritte governative il 28 marzo. Il segretario generale della società, Simon Wong, ha dichiarato che “non possono esser vendute ad acquirenti cristiani” nel loro stato attuale. “Invece saranno custodite rispettosamente come pezzi da museo, una testimonianza delle Chiese cristiane in Malaysia”. Il presidente della Federazione cristiana della Malaysia, il vescovo Ng Moon Hing, ha denunciato che “c’è una sistematica e progressiva riduzione dello spazio pubblico per praticare, professare ed esprimere la nostra fede. E’ stato ristretta progressivamente la possibilità di indossare e esporre croci e altri simboli religiosi, usare termini religiosi e costruire luoghi di culto”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    18/03/2011 MALAYSIA
    Le Chiese in Malaysia rifiutano le Bibbie bloccate e deturpate dal governo
    I cristiani si rifiutano di ritirare le Bibbie bloccate da due anni, e liberate solo dopo la stampigliatura sulla copertina: “Al Kitab Berita Baik è solo per l’uso dei cristiani. Per ordine del ministero degli Interni”. Il vescovo Ng Moon Hing, presidente della Federazione dei cristiani malaysiani: “Questo è pienamente offensivo per i cristiani”.

    27/01/2010 MALAYSIA
    Kuala Lumpur, moschee profanate con teste di maiale mozzate
    In almeno tre luoghi di culto islamici rinvenuti i resti abbandonati degli animali, considerati “impuri” dai fedeli di Maometto. Fonti di AsiaNews denunciano il tentativo di “destabilizzare il Paese” a livello politico. Docente universitario: è una questione etnica e politica, non religiosa.

    29/01/2010 MALAYSIA
    Kuala Lumpur, Anwar Ibrahim a processo; lo scontro politico in nome di “Allah”
    La prossima settimana il leader dell’opposizione comparirà davanti ai giudici per sodomia. Egli rischia fino a 20 anni di galera e la condanna segnerebbe la fine della carriera politica. Il governo promuove una campagna basata sul nazionalismo islamico. Rinviati a giudizio tre musulmani, presunti autori dell’attacco a una chiesa della capitale.

    23/03/2011 MALAYSIA
    Bibbie sequestrate: Kuala Lumpur fa marcia indietro. I cristiani valutano la proposta
    Sulle Bibbie non apparirà più il numero seriale, la scritta ”Solo per cristiani” e il sigillo del ministero degli Interni, ma solamente la stampigliatura: “Per la cristianità”. La questione è legata all’uso del termine “Allah” per indicare Dio da parte dei non musulmani.

    22/01/2011 MALAYSIA
    Dizionario malese-latino vecchio di 400 anni: una prova nel processo sul termine Allah
    I cristiani della Malaysia non possono ancora usare il termine “Allah” per riferirsi a Dio, perché il ministero dell’Interno ha chiesto una sospensione della sentenza che da ragione al giornale cattolico. La Chiesa ha ristampato un dizionario del 1622 per dimostrare che l’uso di "Allah” è ben anteriore al XX secolo, come invece affermano gli islamici.



    In evidenza

    BANGLADESH
    Snehonir, la ‘Casa della Tenerezza’ per disabili (Foto)



    La struttura nasce 25 anni fa dall’opera delle suore Shanti Rani e dei missionari Pime. A Rajshahi accoglie disabili mentali e fisici, sordomuti, ciechi, orfani, poveri, abbandonati. “Il principio-guida è avviarli alla vita”.


    COREA
    L’abbraccio delle atlete della Corea unita, sconfitte in gara, ma ‘prime’ nella storia



    Oggi hanno perso l’ultima partita conto la Svezia e sono finite al settimo posto. Le lacrime per l’imminente separazione. L’orgoglio della coach canadese: “I politici hanno preso la decisione esecutiva. Le nostre giocatrici e il nostro staff sono quelli che l'hanno fatta funzionare”. Atleta sudcoreana: spero che il nostro Paese sia fiero di noi: era una cosa più grande dell’hockey.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®