22 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 07/11/2005, 00.00

    CINA

    I dirigenti delle miniere dovranno scendere nelle gallerie insieme ai lavoratori



    La decisione annunciata mentre continuano gli incidenti. Nell'Hebei decine di morti per il crollo di 3 miniere di gesso. Altri gravi incidenti nell'Hunan e nell'Hubei.

    Pechino (AsiaNews/Scmp) – Sempre più lunga la serie di morti e feriti per incidenti nelle miniere cinesi. Il governo, che si scopre sempre più impotente contro la corruzione e lo sfruttamento, ha diramato un'ordinanza che obbliga gli amministratori a scendere nelle gallerie e stare insieme ai minatori.

    L'incidente più grave è avvenuto ieri sera nella miniera di gesso di Kangli, villaggio di Shangwang presso la città di Xingtay (Hebei), che è crollata. Le  onde d'urto hanno fatto crollare 2 miniere adiacenti, che hanno intrappolato 28 minatori. Finora sono stati estratti 19 sopravvissuti  ed è in atto una corsa contro il tempo per liberare altri seppelliti sotto tonnellate di fango e pietre. Un primo bilancio dell'Amministrazione per la sicurezza nazionale sul lavoro è di 18 morti, ma il numero è destinato a crescere.

    Sempre ieri a Taiyuan (Shanxi), un'esplosione in una miniera di carbone ha ucciso 15 minatori e un altro è "disperso". A Lengshui, nell'Hunan, 6 minatori sono rimasti intrappolati per il crollo di una galleria; sono in atto le ricerche.

    Il grande sviluppo economico a cui è sottoposta la Cina, spinge molte ditte allo sfruttamento di miniere per materie prime e per carbone, fonte fondamentale per l'energia. Per evitare di essere coinvolto nelle morti in miniera, il Consiglio di Stato, con termine al 22 agosto scorso, ha chiesto a tutti i funzionari pubblici di rinunciare alle loro partecipazioni economiche nell'industria mineraria o a dimettersi. Di recente è risultato che circa 4.600 funzionari governativi avevano interessi economici nelle miniere di carbone. Fonti ufficiali temono che i dati comunicati dai funzionari locali non siano corretti e che gli interessi economici e la corruzione possano causare un minor controllo sulle miniere, così da lasciarle aperte anche se non in regola con le norme sulla sicurezza. E' in programma l'invio di ispettori da parte della Commissione centrale per le ispezioni disciplinari del Partito comunista.

    Nella speranza di assicurare una maggiore sicurezza sul lavoro, a Pechino, la Commissione per lo sviluppo nazionale e la riforma e l'Amministrazione statale per il controllo della sicurezza sul lavoro hanno ordinato che almeno un membro di ogni gruppo dirigente minerario scenda nel pozzo con i lavoratori.

    Le miniere cinesi sono considerate le più pericolose del mondo. I dati ufficiali riconoscono che oltre 6 mila minatori sono morti in incidenti nel 2004. Stime indipendenti parlano di almeno 20 mila morti. Nei primi 9 mesi del 2005 vi sono stati 4.228 morti ufficiali per incidenti nelle miniere.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    02/12/2005 Cina
    Sale a 166 il numero dei morti nella miniera dell'Heilongjiang

    Altri 5 minatori morti in una miniera illegale dell'Hebei.



    01/12/2005 cina
    Heilongjiang, salgono a 161 le vittime dell'esplosione nella miniera

    Arrestati il direttore ed il segretario locale del Partito comunista. I dirigenti minerari non avevano idea delle misure da intraprendere in caso di emergenza.



    29/11/2005 Cina
    Cina, esplosione in miniera: un disastro annunciato

    Secondo i parenti delle vittime, da tempo i minatori avevano denunciato la poca sicurezza. La miniera – di proprietà dello stato – aveva invece tutte le carte e i permessi in regola.



    15/02/2006 Cina
    Cina, in chiusura oltre 35 mila industrie "non sicure"

    Lo ha annunciato oggi l'ufficio che si occupa della sicurezza sul lavoro. Compagnie "inadeguate e pericolose" nonostante un anno di tempo e miliardi di yuan spesi da Pechino per metterle in regola.



    14/10/2013 CINA
    Pechino annuncia la chiusura di "almeno" 2mila miniere di carbone
    Lo scopo è quello di migliorare le condizioni di sicurezza del settore: ogni anno migliaia di minatori muoiono sottoterra nell'indifferenza generale. Dietro alla tragedia c'è anche l'enorme corruzione dei funzionari ufficiali, che dietro tangente consentono permessi anche alle strutture che non rispondono ai requisiti di sicurezza.



    In evidenza

    EGITTO-LIBANO
    Al Cairo, musulmani e cristiani si incontrano per Gerusalemme, ‘la causa delle cause’

    Fady Noun

    Si è tenuta il 16 e 17 gennaio all’istituto sunnita al-Azhar. Hanno preso parte molte personalità del Libano, fra cui il patriarca maronita Bechara Raï. I mondo arabo diviso fra “complice passività” e “discorsi rumorosi ma inefficaci”. Ex-premier libanese: coordinare le azioni per una maggiore efficienza al servizio di una “identità pluralistica di Gerusalemme” e della “libertà religiosa”. Card. Raï: serve preghiera congiunta, la solidarietà interreligiosa islamico-cristiana in tutto il mondo arabo e sostenere i palestinesi.


    CINA
    Yunnan: fino a 13 anni di prigione per i cristiani accusati di appartenere a una setta apocalittica



    Le setta in questione è quella dei Tre gradi del Servizio, un gruppo pseudo-protestante sotterraneo fondato nell’Henan e diffuso soprattutto nelle campagne. I condannati rivendicano di essere solo cristiani e di non sapere nulla della setta. Gli avvocati difensori minacciati della revoca della loro licenza.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®