28 Agosto 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 08/02/2011
RUSSIA-ISLAM
I ribelli islamici ceceni rivendicano la strage dell’aeroporto di Mosca
Un video del leader separatista Doku Umarov: “Questa operazione è stata condotta su mio ordine”. Il capo islamico vuole creare un “Emirato del Caucaso”, e sta cercando di allargare la sua sfera di influenza fra i musulmani dell’Inguscezia e del Dagestan.

Mosca (AsiaNews/Agenzie) – Il capo ribelle ceceno Doku Umarov ha rivendicato la responsabilità per l’attentato all’aeroporto di Mosca che il mese scorso ha ucciso 36 persone. Umarov in precedenza aveva lanciato una minaccia verso la Russia, affermando che il 2011 “sarà un anno di lacrime e sangue”. (25/01/2011 Strage all’aeroporto, Mosca più vulnerabile e intollerante. Il dolore del Papa).

“Questa operazione è stata condotta su mio ordine”, ha detto Umarov in un video messo in linea nella tarda serata del 7 febbraio sul sito web del Kavkaz Centre, riferendosi all’attacco suicida del 24 gennaio all’aeroporto di Domodedovo. Umarov ha detto che agiva in nome di Allah, e che l’obiettivo dell’attacco era quello di gettare le basi per uno Stato islamico indipendente nel Caucaso del nord. Ha detto anche che l’azione voleva vendicare “i crimini russi” nella regione, e che il suo scopo era di uccidere stranieri.

Il Cremlino ha combattuto due guerre contro i separatisti ceceni negli anni ’90. La ribellione ha assunto connotati più legati all’islam, e si è allargata alle regioni confinanti, Inguscezia e Dagestan. Umarov si definisce il leader dell’”Emirato del Caucaso”, e cerca di unire i vari gruppi islamici della regione per creare uno Stato sotto la legge islamica.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
01/04/2010 RUSSIA
Dagestan, esplode un’auto: due morti. A Mosca i funerali delle vittime della Metro
31/03/2010 RUSSIA
Doppio attentato nel Dagestan, nove i morti
30/03/2010 RUSSIA
Putin ha portato all’islamizzazione del terrorismo caucasico
13/03/2007 RUSSIA
Russia, i diritti umani e il fallimento della Cecenia
13/01/2005 RUSSIA – CECENIA
Scuole cecene, corsi di islam per combattere il terrorismo

In evidenza
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.
LIBANO
Dalle Makassed islamiche una lotta dottrinale contro l’estremismo musulmano
di Fady NounL’organismo di riferimento ufficiale dei sunniti del Libano ha approvato un documento intitolato “Dichiarazione di Beirut sulla libertà religiosa”. Ci si chiede se Dar el-Fatwa riuscirà a riprendere progressivamente il controllo dell’insegnamento religioso musulmano nelle moschee del Paese.
HONG KONG - CINA
Card. Zen: Rimuovere le croci nel Zhejiang è insultare la fede dei cattoliciIl vescovo emerito di Hong Kong valuta che la campagna di distruzione delle croci e degli edifici religiosi sia ormai una direttiva a livello nazionale e una “regressione” della politica religiosa della Cina. Cattolici e protestanti di Hong Kong: Potrebbe succedere anche da noi. Entro il primo settembre saranno distrutti altri 15 edifici sacri “illegali” nel Zhejiang.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate