08/02/2011, 00.00
RUSSIA-ISLAM

I ribelli islamici ceceni rivendicano la strage dell’aeroporto di Mosca

Un video del leader separatista Doku Umarov: “Questa operazione è stata condotta su mio ordine”. Il capo islamico vuole creare un “Emirato del Caucaso”, e sta cercando di allargare la sua sfera di influenza fra i musulmani dell’Inguscezia e del Dagestan.

Mosca (AsiaNews/Agenzie) – Il capo ribelle ceceno Doku Umarov ha rivendicato la responsabilità per l’attentato all’aeroporto di Mosca che il mese scorso ha ucciso 36 persone. Umarov in precedenza aveva lanciato una minaccia verso la Russia, affermando che il 2011 “sarà un anno di lacrime e sangue”. (25/01/2011 Strage all’aeroporto, Mosca più vulnerabile e intollerante. Il dolore del Papa).

“Questa operazione è stata condotta su mio ordine”, ha detto Umarov in un video messo in linea nella tarda serata del 7 febbraio sul sito web del Kavkaz Centre, riferendosi all’attacco suicida del 24 gennaio all’aeroporto di Domodedovo. Umarov ha detto che agiva in nome di Allah, e che l’obiettivo dell’attacco era quello di gettare le basi per uno Stato islamico indipendente nel Caucaso del nord. Ha detto anche che l’azione voleva vendicare “i crimini russi” nella regione, e che il suo scopo era di uccidere stranieri.

Il Cremlino ha combattuto due guerre contro i separatisti ceceni negli anni ’90. La ribellione ha assunto connotati più legati all’islam, e si è allargata alle regioni confinanti, Inguscezia e Dagestan. Umarov si definisce il leader dell’”Emirato del Caucaso”, e cerca di unire i vari gruppi islamici della regione per creare uno Stato sotto la legge islamica.

Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Dagestan, esplode un’auto: due morti. A Mosca i funerali delle vittime della Metro
01/04/2010
Doppio attentato nel Dagestan, nove i morti
31/03/2010
Putin ha portato all’islamizzazione del terrorismo caucasico
30/03/2010
Russia, i diritti umani e il fallimento della Cecenia
13/03/2007
Scuole cecene, corsi di islam per combattere il terrorismo
13/01/2005