23 Settembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 04/08/2012
CINA
I tifoni Damrey e Saola colpiscono la Cina, due morti e 800mila sfollati
A distanza di 12 ore i due tifoni investono 10 province della costa orientale. I danni maggiori nelle province di Jiangsu e Shandong, dove sono morte due persone. Migliaia le case distrutte, altre decine di migliaia hanno subito gravi danni. Il premier Wen Jiabao avverte: puntare sulla prevenzione dei disastri.

Pechino (AsiaNews/Agenzie) - Sono oltre 800mila gli sfollati, costretti ad abbandonare le loro abitazioni dopo il passaggio di due devastanti tifoni che hanno colpito - a distanza di 12 ore l'uno dall'altro - almeno 10 province della costa orientale cinese. Damrey e Saola hanno causato due morti e danneggiato migliaia di abitazioni. Intanto gli esperti avvertono che l'area, nei prossimi giorni, sarà interessata da altre piogge torrenziali che potranno causare nuovi danni. Nei giorni scorsi il maltempo ha investito la capitale, causando almeno 78 vittime ufficiali (ma il numero potrebbe essere di gran lunga maggiore) e mettendo a nudo l'arretratezza del sistema fognario di Pechino. La vicenda ha scatenato una furiosa protesta sul web, contenuta a stento dalle autorità e dalla propaganda governativa (cfr. AsiaNews 26/07/2012 Maltempo a Pechino, cresce il numero dei morti; il governo accresce la propaganda).

Per i meteorologi il tifone Damrey - dal 1949 a oggi il più potente ad aver investito a nord del fiume Yangtze - non arriverà sino a Pechino, ancora alle prese con l'emergenza alluvione. Tuttavia, esso ha già causato - assieme alla tempesta tropicale Saola, che in precedenza aveva investito Taiwan e Filippine causando almeno 40 vittime - 867mila sfollati in 10 province che si affacciano sulla costa orientale; le più colpite sono lo Jiangsu e lo Shandong.

Le due vittime sono originarie dello Shandong, dove almeno mille case sono collassate e altre 23mila hanno subito danni seri. Nello Jiangsu un centinaio le abitazioni crollate e circa 2.800 danneggiate. Il Dipartimento meteo cinese (Cma) riferisce che dal 1949 a oggi in soli due casi si è verificato un evento simile, con due tifoni che in rapida successione - a distanza di 12 ore - si abbattono nella stessa area. Nel 2006 la prima volta, quando Saomai e Bopha hanno colpito a 24 l'uno dall'altro.

Dalla serata di ieri Damrey e Saola sono stati declassati a tempesta tropicale e hanno preso direzioni diverse, il primo verso nord e il secondo a ovest. Tuttavia, il premier Wen Jiabao in visita nella provincia dell'Hubei ha lanciato un monito ai funzionari e alle amministrazioni cittadine,  perché migliorino il sistema fognario - principale responsabile del disastro a Pechino - e la prevenzione delle alluvioni. "Dobbiamo imparare a fondo da queste esperienze" ha sottolineato il Primo Ministro in un incontro con la stampa.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
01/10/2013 VIETNAM – CAMBOGIA
Almeno 33 morti e 70mila sfollati per il passaggio del tifone Wutip nel Vietnam centrale
24/08/2012 TAIWAN
Il tifone Tembin colpisce Taiwan: forti piogge, ma danni contenuti
12/08/2014 GIAPPONE
Il tifone Halong colpisce il Giappone, almeno 10 morti e oltre 60 feriti
19/09/2014 FILIPPINE
Alluvioni a Manila: oltre 50mila persone in fuga, chiuse scuole e uffici
15/12/2009 FILIPPINE
Filippine, evacuate 50 mila persone per l’eruzione del vulcano Mayon

In evidenza
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate