17 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 07/12/2017, 10.48

    EMIRATI ARABI UNITI

    Il ‘Salvator Mundi’ di Leonardo sarà esposto al Louvre di Abu Dhabi



    É stata acquistata di recente all’asta al prezzo record di 450 milioni di dollari. Stracciato il precedente primato di 179 milioni per un quadro di Picasso. Ad acquistare il dipinto sarebbe un ricco principe saudita. È la sola opera del pittore italiano di proprietà di un collezionista privato.

     

    Abu Dhabi (AsiaNews/Agenzie) - Il celebre dipinto del pittore rinascimentale italiano Leonardo da Vinci, venduto all’asta nel novembre scorso per la cifra record di oltre 450 milioni di dollari, verrà esposto nel nuovissimo museo Louvre di Abu Dhabi, negli Emirati Arabi Uniti. La preziosa opera “Salvator Mundi” (nella foto), che ritrae l’effige del Cristo, si potrà dunque ammirare a breve in una delle monarchie del Golfo, area a larghissima maggioranza musulmana dove però, a differenza dell’Arabia Saudita, è consentita la libertà del culto.

    Un’opera che vanta oltre 500 anni di storia e che andrà a impreziosire una struttura inaugurata da poco, sulla falsariga della celebre struttura parigina. A darne conferma sono gli stessi vertici del museo degli Emirati, i quali non chiariscono però a chi attribuire l’acquisto all’asta del dipinto, battuto nei giorni scorsi da Christie’s.

    Secondo il New York Times il nuovo proprietario - sull’identità del quale la stessa casa d’aste ha mantenuto uno stretto riserbo - sarebbe un principe saudita, il multimiliardario Bader bin Abdullah bin Mohammed bin Farhan al-Saud. Si tratta del prezzo più alto mai pagato nella storia da un privato per un’opera d’arte, al termine di una contrattazione al rialzo - via telefono - durata oltre 20 minuti prima di raggiungere la cifra finale. In precedenza, il record apparteneva a un quadro di Pablo Picasso, “Donne di Algeri” (versione 0), venduto nel 2015 per una cifra complessiva comprensiva dei diritti d’asta di 179,4 milioni di dollari.

    Di Leonardo da Vinci, nato nel 1452 e morto nel 1519 in un paesino della Loira, (Francia), si conoscono non più di 20 dipinti realizzati nel corso della sua intensa vita di artista, scienziato e ingegnere. Il “Salvator Mundi” dovrebbe risalire agli inizi del 1500 ed è la sola opera dell’artista che non è stata conservata in strutture pubbliche o musei.

    I dirigenti del Louvre arabo esprimono soddisfazione per la presenza di un’opera che impreziosisce l’intera esposizione e l’intera struttura, realizzata in 10 anni ha un costo complessivo di un miliardo di dollari. Nel corso della cerimonia di inaugurazione l’8 novembre scorso, alla presenza del presidente francese Emmanuel Macron, lo sceicco Mohammed ben Zayed Al-Nahyane ha parlato di un “monumento culturale” di portata “mondiale”.

    All’interno sono esposte 600 opere permanenti e altre 300 messe a disposizione dalla Francia. Il museo del Golfo paga inoltre centinaia di milioni di dollari per questo “affitto” e per l’uso del nome Louvre, oltre che per la consulenza di esperti della struttura madre.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    10/01/2013 EMIRATI ARABI UNITI
    Abu Dhabi, al via i lavori per un nuovo Louvre nel deserto
    I lavori per la costruzione del museo inizieranno nelle prossime settimane e termineranno nel 2015. L'emirato potrà utilizzare il nome Louvre per i prossimi 30 anni. Per la concessione il governo di Abu Dhabi ha sborsato alle autorità di Parigi la cifra record di 1,3 miliardi di dollari.

    19/02/2007 EMIRATI ARABI
    Nasce ad Abu Dhabi la prima centrale elettrica solare del Golfo
    La centrale dovrebbe essere operativa nel 2009 e dare energia a 10mila abitazioni. Il Paese, che ha il 90% delle riserve petrolifere degli Emirati, vuole creare una zona economica speciale per industrie di energie alternative.

    16/07/2012 EMIRATI ARABI UNITI
    Abu Dhabi risponde alle minacce iraniane con l'oleodotto che evita lo stretto di Hormuz
    La struttura collega i pozzi di Abu Dhabi all'emirato di Fujairah, sull'Oceano Indiano. Essa ha già trasportato 500mila barili di petrolio destinati a una raffineria pakistana. La sua capacità totale è di 1,5 milioni di barili al giorno. Teheran definisce l'oleodotto una mera propaganda degli stati occidentali per sminuire l'importanza dello stretto di Hormuz.

    24/11/2017 09:57:00 EMIRATI ARABI UNITI - OMAN
    Fede, dialogo e solidarietà: i giovani d’Arabia si preparano al Sinodo

    Agli incontri promossi in Oman e negli Emirati hanno partecipato centinaia di ragazzi e ragazze. Provengono da famiglie di lavoratori migranti, in maggioranza indiani e filippini. Molte le domande poste in forma anonima al vicario apostolico. Mons. Hinder: Grande desiderio di “interagire” fra loro e con i vescovo. Il ruolo dei social e dei nuovi media come “strumento per l’evangelizzazione”. 

     



    16/06/2017 09:53:00 EMIRATI ARABI UNITI
    Abu Dhabi, moschea dedicata a “Maria, madre di Gesù”. Mons. Hinder: Segno di tolleranza

    Per il vicario apostolico la decisione dei vertici degli Emirati è un passo di “avvicinamento positivo”. Essa mostra “apertura e interesse al dialogo” islamo-cristiano. La moschea sorge a pochi passi dalla cattedrale di san Giuseppe; un luogo di culto cristiano e uno musulmano ricreano in via ideale “la Sacra Famiglia”. Gli Emirati esempio di tolleranza in una regione caratterizzata da conflitti.

     





    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: Avvento fra i profughi di Mosul, la solidarietà più forte delle difficoltà (Foto)



    P. Samir racconta un clima di gioia e di speranza, nonostante la mancanza di risorse e il calo negli aiuti. La lotta per sopravvivenza ha accresciuto il legame di unione fra cristiani e con musulmani e yazidi. Ancora oggi il centro ospita 150 rifugiati, il 70% dipende dalle risorse stanziate dalla Chiesa. Centinaia di giovani all’incontro di preghiera in preparazione al Natale.


    VATICANO-ASIA
    Xenofobia e populismo. Il caso dell’Asia

    Bernardo Cervellera

    Il simposio sul tema, voluto dal Consiglio mondiale delle Chiese (Wcc) e dal Dicastero vaticano per il servizio dello sviluppo umano integrale. Nella crescente ostilità verso gli altri, considerati come nemici e stranieri, tracciare le piste per l’impegno delle Chiese. I “migranti” tema politico importante in Germania e nella Brexit del Regno Unito. Testimonianze dall’America latina e dall’Africa. Esperienze asiatiche affidate al direttore di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®