20/03/2014, 00.00
CINA-VATICANO
Invia ad un amico

Il 22 marzo i funerali di mons. Fan. Incerta la partecipazione di mons. Ma Daqin

di Jian Mei
Il defunto era un vescovo sotterraneo, non riconosciuto dal governo. Di solito in questi casi è proibito l'uso della parola "vescovo" e delle insegne episcopali. Cattolici ufficiali e sotterranei uniti nelle cerimonie di omaggio alla salma. Far celebrare i funerali a mons. Ma (agli arresti domiciliari) sarebbe un gesto di riconciliazione e distensione.

Shanghai (AsiaNews) - I funerali di mons. Giuseppe Fan Zhongliang si terranno sabato 22 marzo. La messa da requiem verrà celebrata alle 10 nella funeral home dove è stata posta la salma in questi giorni. Si terrà poi una cerimonia di saluto alle 14, prima che il vescovo defunto sia cremato. E' improbabile che la salma venga seppellita nel cimitero perché l'amministrazione di Shanghai ha come regola la cremazione dei defunti.

Mons. Fan, 97 anni, è morto lo scorso 16 marzo. Egli era un vescovo sotterraneo, non riconosciuto dal governo. In casi simili, le autorità politiche non permettono che nelle celebrazioni e negli annunci si usi la parola "vescovo", né permettono che la salma sia rivestita con le insegne episcopali (anello, mitra, croce pettorale).

Alcuni cattolici hanno espresso ad AsiaNews il desiderio che sia mons. Taddeo Ma Daqin a presiedere il funerale. Anche su Weibo, il twitter cinese, vi sono molti messaggi in tal senso.

La posizione di mons. Ma è molto delicata. Dal giorno della sua ordinazione episcopale, il 7 luglio 2012, egli è agli arresti domiciliari dopo aver rifiutato l'appartenenza all'Associazione patriottica, l'organizzazione del Partito che vuole edificare una Chiesa autonoma da Roma. Mons. Ma è però l'unico vescovo di Shanghai, dopo la morte del vescovo ufficiale, mons. Aloysius Jin Luxian, avvenuta un anno fa.

In questi giorni, molti fedeli hanno visitato il suo blog (dove le autorità di tanto in tanto gli permettono di "postare" messaggi) per vedere se avesse scritto qualche frase o saluto per mons. Fan. Ma finora non è stato pubblicato nulla. Alcuni fedeli temono che questo sia segno di maggiori limitazioni alla sua libertà, in questo momento così importante per la diocesi.

In un ricordo del vescovo Fan Zhongliang affidato ad AsiaNews, mons. Savio Hon Taifai, segretario della Congregazione vaticana per l'evangelizzazione dei popoli, aveva auspicato che mons. Ma Daqin potesse presiedere i funerali del vescovo defunto. "Sarebbe - ha detto - un gesto rispettoso verso la libertà religiosa e verso una persona anziana come mons. Fan. In più, con la presenza di Ma Daqin, sarebbe garantita, oltre che un funerale dignitoso, anche una esperienza di fraternità fra i cristiani, che porterebbe beneficio e armonia anche a tutta la città".

In questi giorni le autorità hanno permesso la celebrazione di messe alla funeral home, a cui hanno partecipato sacerdoti e fedeli delle comunità ufficiali e sotterranee da tutta la Cina (v. foto).

In assenza di mons. Ma Daqin, la celebrazione potrebbe essere presieduta da p. Zhu Yude, vicario generale della comunità "clandestina" di Shanghai.

 

 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Funerali di mons. Fan Zhongliang con 70 sacerdoti e 5mila fedeli della Chiesa ufficiale e sotterranea
22/03/2014
Il card. Tong ricorda mons. Fan Zhongliang. Attesa per i funerali di domani
21/03/2014
Mons. Fan Zhongliang: meglio essere una giada rotta che una mattonella intatta
18/03/2014
Le autorità di Shanghai permettono una serie di messe per il vescovo sotterraneo defunto
18/03/2014
E' morto mons. Giuseppe Fan Zhongliang, vescovo sotterraneo di Shanghai
17/03/2014