27 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 02/08/2012, 00.00

    EGITTO

    Il Cairo, scontri fra cristiani e musulmani. Oltre 100 famiglie copte in fuga



    I fatti sono scoppiati a Dahshur, villaggio a 40 km a sud del Cairo. A scatenare le tensioni, una lite fra un copto e un musulmano, costata un morto. Incendiate decine di abitazioni cristiane e danneggiata la chiesa locale, difesa da alcune famiglie musulmane fino all'arrivo delle forze dell'ordine. L'inerzia della polizia in un video.

    Il Cairo (AsiaNews) -  Circa 100 famiglie cristiane sono fuggite dal villaggio di Dashur (Giza), 40 km a sud del Cairo a causa delle violenze esplose nei giorni scorsi fra la comunità copta e quella musulmana. Ieri, un gruppo di musulmani ha dato alle fiamme diverse abitazioni e negozi di cristiani e tentato di incendiare anche la chiesa locale. La polizia è intervenuta lanciando gas lacrimogeni. Negli scontri sono rimaste ferite 16 persone, fra cui 10 agenti. Il gruppo tornava dal funerale di un islamico morto durante una rissa con alcuni cristiani avvenuta lo scorso 27 luglio. Fonti della diocesi di Giza, affermano che per paura di nuovi attacchi le famiglie copte hanno abbandonato il villaggio. Il caso di Dahshour è il primo grave episodio di violenza fra cristiani e musulmani dopo l'elezione a presidente dell'islamista Mohammed Morsi. 

    Le tensioni sono esplose lo scorso 27 luglio. Il parroco della parrocchia Mari Gerges (San Giorgio) di Dahshur, p. Takla, racconta che quel giorno, Ahmed Ramadan viene da Sameh Sami, un copto che tiene una bottega per stirare vestiti (makwagi), per ricuperare le sue camicie. Una camicia è bruciata per caso. Ahmad protesta. Sameh si offre a rimborsarla e si danno appuntamento per la sera dopo la rottura del digiuno. Alla sera Ahmed arriva, ma non è solo. Con lui ci sono alcune centinaia di persone, munite di coltelli, armi e bottiglie Molotov.

    Sameh chiude la bottega e si protegge dentro casa, dove si trovano il padre e il fratello. Gli aggressori sparano dei colpi di arma da fuoco e lanciano delle bottiglie Molotov. Una di queste non esplose, e Sameh la rimanda agli aggressori. Purtroppo essa esplode vicino a Mo'adh Hasaballah, il quale viene gravemente ustionato. La gente lo porta al Cairo in un ospedale.

    La folla è scatenata. Attaccano la famiglia (il padre e i due figli) e un'altro cristiano, e bruciano le case dei cristiani. I pompieri non ce la fanno ad arrivare, a causa della folla. Molte case e negozi dei cristiani sono distrutti.

    Intanto, ieri mattina Mo'edh è morto in ospedale. Un "barbuto" (un Fratello Musulmano oppure un Salafita) ha avvertito i cristiani che in serata (ieri), dopo i funerali, sarebbero tornati e avrebbero bruciato la chiesa e tutte le case dei cristiani, uccidendo chi si troverà. Circa 120 famiglie cristiane  sono fuggite temendo il massacro.

    Intanto, Sameh Sami, suo padre e suo fratello sono stati arrestati con l'accusa di "omicidio involontario". "Come sempre - commenta un fedele -  in Egitto è l'aggredito, se copto, che è messo in prigione!".

    Hamam Sayed, studente universitario di 22 anni di Dahshour, spiega che la famiglia dell'ucciso, le forze dell'ordine e il parroco cristiano stanno tentando di trovare una mediazione per riportare la calma nel villaggio. Secondo il giovane, le violenze sono esplose anche a causa dell'inerzia delle forze di sicurezza, che non hanno fatto nulla per fermare roghi e saccheggi. Il parroco di Dahshour afferma che la polizia è intervenuta dopo quasi un'ora dall'inizio degli scontri, quando ormai la maggior parte degli edifici era bruciata e le famiglie cristiane fuggite.

    Le forze dell'ordine egiziane sono spesso accusate di non intervenire o di permettere le violenze dei musulmani. Da tempo su Youtube gira un video sull'attacco a una chiesa in Aswan (v: 05/10/2011 Attacchi contro le chiese copte: un piano per cacciare i cristiani dall'Egitto).  Il video mostra le violenze dei musulmani e l'impotenza della polizia (per il video clicca qui).

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    19/09/2012 EGITTO
    Primavera araba in declino: insegnante copto condannato per insulti al presidente Morsi
    Bishoy Kamel è stato condannato a tre anni di carcere per aver pubblicato su Facebook una vignetta su Maometto e a tre anni per presunti insulti al presidente Morsi. Una sentenza così dura non avveniva dai tempi della monarchia. I musulmani moderati si domandano se lo Stato è pronto a difendere con lo stesso fervore anche i simboli cristiani.

    28/07/2011 EGITTO
    Minya, giovane copta incinta aggredita da un musulmano per la campana di una chiesa
    Il ferimento della donna ha scatenato uno scontro fra cristiani e musulmani del piccolo villaggio di Ezbet Jacob Bebawi. Il bilancio è di sei feriti. L’uomo era contrario all’installazione della campana della locale chiesa copta. Fonte di AsiaNews lamenta l’assenza di polizia e l’aumento delle violenze contro i cristiani dopo la caduta di Mubarak.

    23/09/2013 EGITTO
    Delga: dopo gli attacchi islamisti, si torna a celebrare messa
    Alle celebrazioni hanno partecipato anche centinaia di famiglie cristiane fuggite dalla città. La piccola cappella è all'interno dei resti del monastero di Anba Abraam devastato dagli attacchi degli estremisti. L'esercito ha liberato il villaggio lo scorso 18 settembre dopo oltre un mese di occupazione islamista.

    18/09/2013 EGITTO
    Coprifuoco a Delga, la città islamista dove i cristiani non possono vivere
    L'esercito è entrato questa mattina in alcuni quartieri della città solo grazie alla copertura aerea. Dal 14 agosto Fratelli Musulmani e salafiti sono i padroni del luogo. I miliziani sono armati ed esercito e polizia hanno atteso prima di fare irruzione. Dei 20mila cristiani residenti nella città, la metà è fuggita: chiese e abitazioni sono state incendiate o demolite. Chi è rimasto deve pagare la jizya, l'antica imposta per "i non fedeli" risalente al periodo ottomano.

    18/11/2011 EGITTO
    Partiti islamici scendono in piazza contro l’esercito e minacciano violenze
    Guidati dai Fratelli musulmani, in migliaia hanno protestato oggi in piazza Tahrir, lanciando slogan contro l’esercito, accusato di avere troppo potere. I partiti democratici disertano la protesta, contestando i toni provocatori. Portavoce della Chiesa egiziana:”Gli islamisti usano le manifestazioni solo per mostrare la loro forza”. Corteo in memoria del massacro dei cristiani copti attaccato dai salafiti con molotov e pietre, 32 i feriti.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®