29 Aprile 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 20/12/2016, 08.57

    SIRIA - ONU

    Il Consiglio di sicurezza Onu approva all’unanimità l’invio di osservatori ad Aleppo



    Previsto l’invio “immediato” per monitorare le operazioni di evacuazione. Dal 15 dicembre almeno 14mila persone hanno abbandonato il settore orientale. Damasco deve però pronunciarsi ancora sull’ingresso. L’inviato speciale Onu per la Siria annuncia un nuovo incontro a Ginevra per l’8 febbraio. 

     

    Damasco (AsiaNews/Agenzie) - Dopo mesi di stallo e veti incrociati, il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha adottato all’unanimità una risoluzione che dispone l’invio “immediato” di osservatori Onu ad Aleppo, per monitorare le operazioni di evacuazione del settore orientale. Dal 15 dicembre scorso almeno 14mila persone hanno abbandonato la zona, anche se violenze e scontri hanno interrotto a più riprese le operazioni e fatto vacillare l’accordo mediato da Russia e Turchia.

    Esso comprende anche l’evacuazione di alcune aree - fra cui al Fuaa e Kafrya - controllate dal governo nella provincia di Idlib, da tempo sotto l’assedio di gruppi ribelli e jihadisti. 

    Al momento non si conosce la reazione ufficiale del governo siriano e non si sa se Damasco autorizzerà l’ingresso di osservatori Onu nella città, per oltre quattro anni divisa in due parti: quella occidentale, dove vivono 1,2 milioni di persone, sotto il controllo del governo; quella orientale, con circa 250mila persone, nelle mani delle milizie ribelli e di gruppi jihadisti. 

    Il voto di ieri all’Onu ha registrato il via libera anche della Russia, insieme all’Iran alleato di Damasco. Agli osservatori internazionali verrà affidato il compito di supervisionare le operazioni di evacuazione e garantire la sicurezza dei civili. 

    L’adozione “unanime” della risoluzione 2328 segna pure il primo passo in un’ottica di unità dopo mesi di scontri fra le potenze mondiali in seno al Consiglio di sicurezza, in particolare fra Mosca e il blocco occidentale. Divisioni e interessi contrapposti che hanno acuito il bilancio di un conflitto che, in cinque anni, ha causato più di 310mila morti. 

    Il testo prevede un “monitoraggio adeguato e neutrale” delle operazioni. Tuttavia, Bashar Jaafari, rappresentante siriano all’Onu ha criticato i membri del consiglio affermando che perseguono un’agenda che intende “legittimare l’interferenza straniera, rovesciare le forze di governo legittime e usare la forza militare”.

    Resta da capire quale sarà la risposta ufficiale di Damasco alla risoluzione Onu. 

    Secondo quanto riferisce l’Osservatorio siriano per i diritti umani, al momento vi sono ancora 7mila persone intrappolato nella porzione di Aleppo est ancora nelle mani delle opposizioni. All’interno le condizioni di vita sono molto difficili: mancano cibo e generi di prima necessità; scarseggiano anche le medicine e tutte le strutture ospedaliere e sanitarie risultano inagibili. 

    Fra le persone evacuate ieri vi sono anche 47 bambini intrappolati in un orfanotrofio. Alcuni di loro, riferisce l’Unicef, apparivano in condizioni critiche a causa di ferite o per disidratazione. 

    Dopo aver lasciato Aleppo est, gli sfollati saranno condotti in altre zone della metropoli settentrionale della Siria, un tempo capitale economica e commerciale del Paese, e in cittadine della provincia di Idlib controllate dai ribelli. 

    Intanto l’inviato speciale Onu per la Siria Staffan de Mistura ha annunciato un nuovo incontro fra le opposte fazioni coinvolte nel conflitto siriano per il prossimo 8 febbraio a Ginevra. Finora si sono svolti già tre round di colloqui “indiretti” sotto l’egida delle Nazioni Unite, conclusi ogni volta con un nulla di fatto. Fra i nodi irrisolti il ruolo del presidente Bashar al Assad in futuro governo di transizione. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    21/12/2016 11:23:00 SIRIA
    Aleppo, con canti e balli la popolazione celebra la fine dei combattimenti

    Negli ultimi giorni fuggiti 6mila combattenti con le loro famiglie. In città sono rimasti due milioni di civili, che festeggiano la vittoria dell’esercito governativo. Canti e balli in una piazza del quartiere armeno. La polizia ha intercettato e disinnescato un ordigno. Jihadisti ed estremisti cercano la vendetta. Ma le persone non sembrano intimorite e vogliono ricominciare a vivere. 

     



    21/12/2016 08:52:00 SIRIA
    Damasco autorizza l’ingresso di 20 osservatori Onu ad Aleppo est

    Il governo e diversi partiti hanno accettato la risoluzione del Consiglio di sicurezza, che prevede la presenza di esperti indipendenti. L’obiettivo è favorire l’evacuazione e garantire la distribuzione di aiuti umanitari. Russia, Iran e Turchia lavorano per estendere il più possibile la tregua nei combattimenti. 

     



    19/12/2016 08:56:00 SIRIA
    Aleppo: Riprende l'evacuazione, migliaia di civili in attesa

    Nelle ultime ore ambulanze e autobus hanno lasciato l’area controllata dai ribelli. Fra le persone ancora in attesa vi sono molti malati e bambini feriti. Miliziani di al Nusra hanno attaccato i mezzi impegnati nello sgombero di al Fuaa e Kafrya. Oggi all’Onu si vota la risoluzione sul monitoraggio internazionale delle operazioni di evacuazione. 

     



    17/12/2016 10:49:00 SIRIA
    Aleppo, interrotte le operazioni di evacuazione. Per ribelli e jihadisti accordo o morte

    In due giorni circa 6mila fra ribelli e civili hanno lasciato l’ultima porzione della città in mano agli oppositori. Sparatorie e violazioni agli accordi hanno fermato le operazioni di evacuazione. Mosca e Ankara vogliono portare i colloqui di pace da Ginevra ad Astana. La causa siriana dal cuore dell’Europa al cuore dell’Asia. 

     



    16/12/2016 12:09:00 SIRIA
    Caritas Aleppo: occorrono cibo e assistenza per chi fugge e per chi rimane ad Aleppo est

    Il governo siriano sospende le operazioni di evacuazione e accusa i ribelli di sparare sui civili in fuga. Direttore Caritas: estremo bisogno di aiuti, “l’allerta è massima”. Necessario fornire assistenza psicologica ai bambini e curare i disabili. L’obiettivo è “entrare nel settore orientale e aiutare direttamente sul posto”.





    In evidenza

    EGITTO – VATICANO
    Papa in Egitto: l’Egitto chiamato a condannare violenza e povertà in Medio Oriente



    Nel discorso alle autorità Francesco sottolinea ruolo e responsabilità del Cairo nel futuro della regione. “Di fronte a uno scenario mondiale delicato e complesso, che fa pensare a quella che ho chiamato una ‘guerra mondiale a pezzi’, occorre affermare che non si può costruire la civiltà senza ripudiare ogni ideologia del male, della violenza e ogni interpretazione estremista che pretende di annullare l’altro e di annientare le diversità manipolando e oltraggiando il Sacro Nome di Dio”.


    ISLAM-VATICANO-EGITTO
    Un musulmano scrive al papa : Caro papa Francesco,..

    Kamel Abderrahmani

    L’ammirazione per la carità mostrata dal pontefice verso i rifugiati musulmani siriani, per il suo spingere all’amore e nel denunciare l’odio. “I nostri ulema non sono così” e non denunciano l’odio di Daesh e non fanno nulla per i cristiani. La richiesta perché nel viaggio in Egitto, spinga il presidente al Sisi e Al Azhar alla riforma dell’islam. Senza di questo Al Azhar rischia di essere l’accademia del fondamentalismo mondiale. Dal nostro amico e collaboratore Kamel Abderrahmani.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®