5 Settembre 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 31/08/2011
CINA
Il Fiume delle Perle avvelenato dal cromo. Per mesi le autorità cinesi hanno negato
Analisi private dimostrano concentrazioni nocive di cromo nel fiume Nanpan e nel terreno circostante. Eppure le autorità per mesi hanno negato ci fossero problemi. Le indagini conseguenti a denunce su blog internet. Ora sono stati arrestati 5 responsabili

Pechino (AsiaNews/Agenzie) – Grave inquinamento da cromo nelle acque del fiume Nanpan, grande affluente del Fiume delle Perle, e ancor più delle terre agricole circostanti e delle fonti di acqua potabile. Eppure per mesi le autorità hanno negato ogni inquinamento, emerso soltanto grazie alle denunce su internet.

Le analisi del gruppo privato Greenpeace China (Gc) vicino la fabbrica della Yunnan Luliang Chemical Industry a Qujing (Yunnan) mostrano nel Nanpan la presenza di 0,204 milligrammi di cromo per litro, oltre il doppio dello standard nazionale. Ma l’inquinamento esiste da tempo, visto che i metalli pesanti sono stati assorbiti dal suolo: il terreno di una vicina fattoria ha una concentrazione di cromo 162 volte maggiore del previsto e l’acqua usata per l’irrigazione ne ha 24,25 milligrammi per litro rendendola del tutto inadatta. L’agricolo Yunnan è grande produttore di verdura e atri prodotti agricoli, specie per Guangdong e Hong Kong.

Il cromo è molto cancerogeno e l’Organizzazione Mondiale della Sanità ne indica il limite massimo di 0,05 milligrammi per litro nell’acqua potabile.

Tuttavia i funzionari per la protezione ambientale dello Yunnan hanno sempre ripetuto, ancora il 13 agosto, che il Nanpan “non era compromesso”. Ma sul popolare sito internet Weibo è uscita la denuncia che tra aprile e giugno ci sono stati sono almeno 3 scarichi abusivi nel fiume per oltre 5mila tonnellate di liquami industriali contenenti cromo. Le autorità centrali hanno mandato esperti e nei giorni successivi sono state arrestate 5 persone, responsabili della fabbrica e gli operai che hanno gettato nel fiume intere autocisterne di liquami.

Il governo di Qujing ha anche proclamato che sono in corso indagini sulle responsabilità dei funzionari ambientali, ma non ne ha comunicato l’esito: il 12 giugno era stata denunciata la morte di almeno 77 capi di bestiame abbeveratisi dell’acqua di una vicina polla, ma il 17 giugno le autorità hanno dichiarato che la zona era stata bonificata.

Ma Tianjie, responsabile di Gc, dice che la situazione è molto peggiore di quanto dicono le autorità, che non hanno adottato misure per proteggere la salute delle comunità della zona.

Anche perché “il cromo è assorbito in profondità [nel terreno] – spiega – ma non sappiamo quanto si sia esteso”.

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
16/06/2006 Cina
Shanxi, bitume cancerogeno minaccia l'acqua di 10 milioni di persone
01/12/2005 cina
Pechino invita chimici delle UN per testare le acqua inquinate
20/03/2007 CINA
Una coperta di schiuma sul fiume, piombo nella falde idriche
24/11/2005 CINA
Una massa d'acqua velenosa lunga 80 km. arriva ad Harbin
24/11/2005 CINA
Le autorità pubbliche si scusano (in ritardo) per avere mentito sul disastro di Harbin

In evidenza
ASIA-UE
La morte del piccolo Aylan e quella di tutto il Medio oriente
di Bernardo CervelleraTutto il mondo si commuove per il bambino morto nel naufragio di un gommone in Turchia. Ci si dimentica che in Siria sono morti già decine di migliaia di bambini sotto la guerra. Occorre affrontare il problema dei profughi, ma anche e soprattutto le cause della loro tragedia: le guerre in Medio oriente, i finanziamenti allo Stato islamico, le guerre per procura delle potenze regionali e mondiali.
VATICANO-IRAQ
P. Samir di Amadiya: Il Papa è la voce dei profughi irakeni
di Bernardo CervelleraIl sacerdote caldeo ha incontrato papa Francesco chiedendogli di tenere alta l’attenzione del mondo sui profughi cristiani di Mosul e della Piana di Ninive. Nella sua diocesi vivono 3500 famiglie cristiane e quasi mezzo milione di yazidi fuggiti davanti alle violenze dello Stato islamico. L’Isis non è tutto l’islam e vi sono musulmani che vogliono un Iraq della convivenza. I cristiani potrebbero emigrare, ma rimangono nella loro terra. I progetti di aiuto ai rifugiati: la scuola per i bambini, lavoro per gli adulti, una casa per ogni famiglia. L’appello di AsiaNews.
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate