25 Agosto 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 31/08/2011, 00.00

    CINA

    Il Fiume delle Perle avvelenato dal cromo. Per mesi le autorità cinesi hanno negato



    Analisi private dimostrano concentrazioni nocive di cromo nel fiume Nanpan e nel terreno circostante. Eppure le autorità per mesi hanno negato ci fossero problemi. Le indagini conseguenti a denunce su blog internet. Ora sono stati arrestati 5 responsabili
    Pechino (AsiaNews/Agenzie) – Grave inquinamento da cromo nelle acque del fiume Nanpan, grande affluente del Fiume delle Perle, e ancor più delle terre agricole circostanti e delle fonti di acqua potabile. Eppure per mesi le autorità hanno negato ogni inquinamento, emerso soltanto grazie alle denunce su internet.

    Le analisi del gruppo privato Greenpeace China (Gc) vicino la fabbrica della Yunnan Luliang Chemical Industry a Qujing (Yunnan) mostrano nel Nanpan la presenza di 0,204 milligrammi di cromo per litro, oltre il doppio dello standard nazionale. Ma l’inquinamento esiste da tempo, visto che i metalli pesanti sono stati assorbiti dal suolo: il terreno di una vicina fattoria ha una concentrazione di cromo 162 volte maggiore del previsto e l’acqua usata per l’irrigazione ne ha 24,25 milligrammi per litro rendendola del tutto inadatta. L’agricolo Yunnan è grande produttore di verdura e atri prodotti agricoli, specie per Guangdong e Hong Kong.

    Il cromo è molto cancerogeno e l’Organizzazione Mondiale della Sanità ne indica il limite massimo di 0,05 milligrammi per litro nell’acqua potabile.

    Tuttavia i funzionari per la protezione ambientale dello Yunnan hanno sempre ripetuto, ancora il 13 agosto, che il Nanpan “non era compromesso”. Ma sul popolare sito internet Weibo è uscita la denuncia che tra aprile e giugno ci sono stati sono almeno 3 scarichi abusivi nel fiume per oltre 5mila tonnellate di liquami industriali contenenti cromo. Le autorità centrali hanno mandato esperti e nei giorni successivi sono state arrestate 5 persone, responsabili della fabbrica e gli operai che hanno gettato nel fiume intere autocisterne di liquami.

    Il governo di Qujing ha anche proclamato che sono in corso indagini sulle responsabilità dei funzionari ambientali, ma non ne ha comunicato l’esito: il 12 giugno era stata denunciata la morte di almeno 77 capi di bestiame abbeveratisi dell’acqua di una vicina polla, ma il 17 giugno le autorità hanno dichiarato che la zona era stata bonificata.

    Ma Tianjie, responsabile di Gc, dice che la situazione è molto peggiore di quanto dicono le autorità, che non hanno adottato misure per proteggere la salute delle comunità della zona.

    Anche perché “il cromo è assorbito in profondità [nel terreno] – spiega – ma non sappiamo quanto si sia esteso”.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    16/06/2006 Cina
    Shanxi, bitume cancerogeno minaccia l'acqua di 10 milioni di persone

    A seguito di un incidente stradale si sono riversate nel fiume Dasha oltre 60 tonnellate di bitume, che rischiano di inquinare l'acqua di Baoding, nell'Hebei. Esplosioni in una fabbrica chimica del Zhejiang minacciano invece il fiume Oujiang.



    01/12/2005 cina
    Pechino invita chimici delle UN per testare le acqua inquinate

    Il governo cinese mostra segni di preoccupazione per l'inquinamento del fiume Songhua. Dopo quasi venti giorni dall'esposione della fabbrica petrolchimica di Jilin, causa dell'inquinamento del fiume Songhua, le autorità cinesi chiedono a chimici delle Nazioni Unite di analizzare le acque.



    20/03/2007 CINA
    Una coperta di schiuma sul fiume, piombo nella falde idriche
    Il fiume Ying, maggior tributario dello Huai,è coperto di schiuma per 500 metri. Intanto metà degli abitanti di un piccolo villaggio dell’Hunan mostra avvelenamento da piombo, muoiono i raccolti e gli alberi; si teme che siano avvelenate le falde idriche e si prende l’acqua solo da pozzi profondi centinaia di metri.

    24/11/2005 CINA
    Una massa d'acqua velenosa lunga 80 km. arriva ad Harbin

    Contiene benzene che supera di 30 volte il limite consentito: può avvelenare, causare il cancro e altre malattie. Una popolazione furibonda e rassegnata attende che l'acqua passi. Si teme che l'inquinamento faccia danni anche in Russia.



    24/11/2005 CINA
    Le autorità pubbliche si scusano (in ritardo) per avere mentito sul disastro di Harbin

    Per 10 giorni la televisione ha continuato a minimizzare e mentire. Infuriati i commenti dei giornali.





    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Nei dialoghi Cina-Santa Sede c’è silenzio sul destino dei preti sotterranei

    Zhao Nanxiong

    Entro la fine dell’anno, tutti i sacerdoti devono registrarsi per ricevere un certificato che permetta loro di esercitare il ministero. Ma la richiesta deve passare attraverso l’Associazione patriottica, i cui statuti sono “incompatibili” con la dottrina cattolica. Molti sacerdoti, ufficiali e non ufficiali, sono in un grande dilemma.


    IRAQ
    Alqosh, nonostante l'Isis la Chiesa festeggia la prima comunione di cento bambini



    Nella festa dell’Assunta l’intera comunità ha partecipato alla funzione, celebrata da Mar Sako. Vicario patriarcale: momento storico per una cittadina di frontiera a lungo minacciata dai jihadisti. Il primate caldeo invita i bambini a “contribuire alla vita della comunità”. A Kirkuk sua beatitudine ha inaugurato una grotta dedicata alla Madonna. 


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®