25 Febbraio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 09/01/2017, 13.46

    KAZAKHSTAN – SIRIA

    Il Kazakhstan fornisce ulteriori aiuti umanitari alla Siria



    Le provvigioni sono arrivate al porto siriano di Tartus e comprendono generi alimentari e medicinali. L’ambasciatore kazako in Giordania: “la situazione umanitaria è ancora catastrofica”.

     

     

    Astana (AsiaNews/Agenzie) – Il governo kazako ha inviato circa 500 tonnellate di aiuti umanitari al popolo siriano. Le provvigioni sono arrivate al porto siriano di Tartus il 5 gennaio ed includono: cibo, farina, carne in scatola, riso, pasta e tè.

    Durante un incontro con la delegazione siriana, Azamat Berdybai , l’ambasciatore kazako in Giordania ha affermato che “sebbene la comunità internazionale faccia tutti gli sforzi possibili, la situazione umanitaria è ancora catastrofica. Per questo motivo il presidente Nursultan Nazarbayev ha deciso di spedire aiuti umanitari in Siria. Le 500 tonnellate di carico – distribuite in 33 container – includono innanzitutto cibo e medicinali e sono destinati al popolo siriano, che da sei anni soffre a causa della guerra.”

    Questo non è il primo degli aiuti umanitari che il Kazakhstan invia alla Siria. Nel 2012, Astana ha stanziato circa 400 mila dollari Usa tramite l’Organizzazione per la cooperazione islamica, per i governi della Giordania e del Libano per fornire assistenza umanitaria ai rifugiati siriani.

    Nell’ ottobre 2015, alla fine dei negoziati fra i rappresentanti dell’opposizione siriana ad Astana, il Kazakhstan ha accettato di fornire medicine, cibo e attrezzature per un valore di 316 mila dollari Usa ai rifugiati siriani al confine turco-siriano.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    28/01/2012 KAZAKHSTAN
    Migliaia di persone in piazza contro il governo kazako
    I manifestanti denunciano brogli nelle ultime elezioni parlamentari. Al voto del 15 gennaio scorso il partito del presidente Nazarbayev ha vinto con l’81% dei voti.

    10/02/2017 15:22:00 SIRIA-ISLAM
    Parla il capo della nuova coalizione jihadista: No ai dialoghi di Astana, sì alla Siria una ed islamica (Video)

    Per la prima volta dalla fondazione  di Haya’t Tahrir Al Sham, un mese fa, vi è il messaggio di Hashem El Sheikh. Il richiamo all’unità con le altre forze fondamentaliste per costruire una Siria che mantenga “la sua identità islamica”. Per il momento la Haya’t sta eliminando tutti gli islamisti “traditori”.



    11/03/2015 KAZAKHSTAN
    Il "sovrano" kazako Nazarbayev verso la quinta rielezione
    A febbraio l'Assemblea del popolo del Kazakhstan ha chiesto di indire elezioni anticipate, come già avvenuto nel 2011. Grazie ad un emendamento del 2011, il presidente ha la facoltà di organizzare elezioni senza rispettare la naturale scadenza del mandato. Il motivo ufficiale è la crisi economica e il nazionalismo russo. La ragione reale è la continuità politica dell'attuale presidente.

    21/03/2016 15:48:00 KAZAKHSTAN
    Elezioni in Kazakhstan: vittoria schiacciante – ma contestata – per il partito di Nazarbayev

    Il partito Nur Otan ha ottenuto l’82,15% dei consensi. Governerà con i partiti alleati comunista e democratico. Osservatori dell’Osce hanno contestato il voto. La tornata elettorale è stata anticipata per riaffermare il mandato popolare del Parlamento in tempo di crisi. Ma il Paese è in crescita. La figlia del presidente, già erede designata, potrebbe diventare presidente della Camera.



    31/01/2011 KAZAKHSTAN
    La Corte costituzionale kazaka boccia il referendum su Nazarbayev, ma spetta a lui l’ultima parola
    La “spontanea” proposta popolare, approvata dal parlamento che ha un solo partito, prevede che il presidente, in carica dal 1991, possa rimanervi fino al 2020. La Corte dice che è incostituzionale, ma che l’ultima decisione spetta al capo dello Stato.



    In evidenza

    LIBANO
    Trump, Marine Le Pen e il Medio oriente: il Libano contro muri e divisioni

    Fady Noun

    L’inizio della presidenza Trump ha segnato la “babelizzazione” della società americana. Ciascun Paese riversa il suo odio contro un nemico esterno. La crisi globale attuale ha radici religiose. Al cuore del caos vi è la minaccia jihadista. Laterza guerra mondiale non si vince con i droni, ma usando moderazione e promuovendo l’incontro e il confronto. 

     


    EGITTO – ISLAM
    Al Azhar sotto l’influenza dell’islamismo di Daesh

    Kamel Abderrahmani

    Le istituzioni religiose ufficiali e le università cosiddette islamiche sono la causa dell’immobilità del mondo musulmano. I programmi insegnati ad Al Azhar e la letteratura usata sono gli stessi che sono applicati sul terreno da tutti i terroristi armati. Nessun paragone possibile fra Al Azhar e il Vaticano. Il Vaticano ha ospitato musulmani irakeni e siriani che fuggivano la guerra. Al Azhar non ha fatto nulla per cristiani e Yazidi. La persecuzione verso Mohamed Nasr Abdellah, desideroso di modernizzare l’islam. Il commento di uno studente musulmano.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®