24 Maggio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 09/01/2015, 00.00

    NEPAL

    Il Messaggio del papa per la pace libererà gli schiavi nepalesi nel Golfo

    Christopher Sharma

    Kathmandu condivide la posizione di Francesco sul "lavoro schiavo" e spera di influenzare le autorità del Kuwait, che non consentono il rimpatrio di 135 donne nepalesi. Malaysia, Qatar, Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti sono le destinazioni più comuni per i lavoratori migranti non qualificati, prime vittime del traffico di esseri umani.

    Kathmandu (AsiaNews) - Il governo del Nepal "userà" il messaggio di papa Francesco per la 48ma Giornata mondiale della pace per salvare i suoi cittadini resi schiavi nei Paesi arabi. Ogni anno centinaia di migliaia di persone lasciano la nazione per cercare lavoro all'estero. Tuttavia, nella maggior parte dei casi, finiscono nelle maglie del traffico di esseri umani, o sono costretti a lavorare in condizioni al limite del disumano. Da parte sua, attraverso vari provvedimenti Kathmandu ha cercato di proteggere i suoi connazionali. Tuttavia, una volta fuori dalla propria terra, i nepalesi devono sottostare alle leggi locali del Paese "ospite".

    È il caso di 135 donne che da oltre un mese sono nascoste nell'ambasciata del Nepal in Kuwait. Decise a tornare a casa e a non sottostare più alle condizioni in cui erano costrette a lavorare, hanno chiesto aiuto alla missione diplomatica, che ha organizzato tutto il necessario per il rimpatrio. A causa della Kafala in vigore nel Regno, però, il governo kuwaitiano non permette loro di andarsene.

    Diffuso nei Paesi del Golfo, il sistema della Kafala permette ai datori di lavoro di sequestrare ai dipendenti stranieri documenti e passaporti, per impedire loro di cambiare lavoro o di tornare a casa.

    Tek Bahadur Gurung, ministro nepalese del Lavoro, spiega che "il nostro governo non può fare nulla, se non aspettare che si raggiunga un compromesso con le autorità del Kuwait. Per questo vorremmo che i leader islamici del Regno prestassero attenzione all'appello del papa". Al momento in Kuwait risiedono almeno 400mila migranti nepalesi.

    In base ai dati del Dipartimento nepalese per l'impiego estero, nell'anno fiscale 2013-2014 sono 556.790 i cittadini che hanno lasciato il Paese. Tra loro, 403.090 erano alla prima esperienza all'estero, 153.700 alla seconda. Il tasso più alto di emigranti in un solo mese è stato di 58.937.

    Tra i Paesi islamici scelti, la Malaysia è la prima destinazione per i lavoratori nepalesi non qualificati. A seguire scelgono Qatar, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti e Kuwait.

    A favorire la diffusione del "lavoro schiavo", come l'ha chiamato papa Francesco, è anche il fatto che a emigrare sono spesso persone senza qualifiche specifiche. Come spiega Purna Chandra Bhattarai, segretario aggiunto del ministero del Lavoro, "solo il 2% è qualificato, il 23% è semiqualificato e il 75% non ha alcuna competenza. Il 95% di chi emigra sceglie la Malaysia o i Paesi del Golfo, e il 90% di essi sceglie canali non ufficiali per raggiungere la destinazione. Questo li rende ancora più vulnerabili".

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    01/01/2015 VATICANO
    Papa: Un anno di pace sotto la protezione materna di Maria, Madre di Dio e Madre nostra
    All'Angelus, papa Francesco invita ad ascoltare i rintocchi della "Maria Dolens", la campana benedetta da Paolo VI per i caduti di tutte le guerre e sottolinea le frasi di due cartelli: "la pace è sempre possibile" e "la preghiera è la radice della pace". Chiede a tutti di salutare Maria come "Santa Madre di Dio!". L'invito a scoprire la data del proprio battesimo, "giorno di festa", in cui abbiamo ricevuto "l'amore, la tenerezza, la misericordia del Padre celeste".

    01/01/2015 VATICANO
    Papa: Chiesa e Maria vanno insieme. Non si può appartenere a Cristo al di fuori della Chiesa
    Nella Giornata della pace, papa Francesco sottolinea con forza il legame fra Cristo, Maria e la "Santa Madre Chiesa gerarchica". L'invito all'assemblea a gridare per tre volte "Santa Madre di Dio!". Senza la Chiesa, che mette in rapporto col Cristo vivo, la fede - anche la più mistica - si riduce a "a un'idea, a una morale, a un sentimento", "in balia della nostra immaginazione, delle nostre interpretazioni, dei nostri umori". La Chiesa esiste per "irradiare su tutti popoli la benedizione di Dio incarnata in Gesù Cristo". Lottare contro le schiavitù moderne unendo le forze "da ogni popolo, cultura e religione".

    10/12/2014 COREA-VATICANO-PACE 2015
    Sacerdote coreano: Liberare le donne del Nord, vendute come schiave in Cina
    Nel suo Messaggio per la Pace 2015, papa Francesco ricorda le donne "forzate a sposarsi" o "vendute in vista del matrimonio". Il 90% delle donne nordcoreane che fuggono in Cina sono vendute a mariti cinesi o a bordelli per 2mila dollari. Un sacerdote coreano, insieme a organizzazioni umanitarie, paga il loro riscatto e le introduce nella Corea del Sud.

    08/04/2015 CAMBOGIA - INDONESIA
    Molucche: anche 58 pescatori cambogiani fra le centinaia di migranti ridotti in schiavitù
    Erano rinchiusi in gabbie o nascosti nelle foreste dell’isolotto di Benjina. Ridotti in condizioni di schiavitù e costretti a lavorare per imbarcazioni battenti bandiera thai. L’area è un crocevia internazionale del lavoro forzato, soprattutto nel settore ittico. I lavoratori migranti erano oggetto di vessazioni e abusi.

    10/12/2014 VATICANO - PACE 2015
    Papa: messaggio per la pace, solidarietà per sconfiggere le tante schiavitù moderne
    "Non rendersi complici" dell'asservimento dell'uomo da parte dell'uomo, che coinvolge milioni di persone, non solo quelle costrette con la violenza, ma le innumerevoli vittime del "lavoro schiavo". Servono "leggi giuste", cooperazione internazionale, ma anche che ognuno "nel proprio ruolo e nelle proprie responsabilità particolari" compia "gesti di fraternità" verso chi è vittima dello sfruttamento.



    In evidenza

    VATICANO
    Papa: Il 24 maggio, uniti ai fedeli in Cina nella festa della Madonna di Sheshan



    Al Regina Caeli papa Francesco ricorda la Giornata mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina, instaurata da Benedetto XVI. I fedeli cinesi devono dare il “personale contributo per la comunione tra i credenti e per l’armonia dell’intera società”. Il Simposio di AsiaNews sulla Chiesa in Cina.  Un appello di pace per la Repubblica Centrafricana. “Volersi bene sull’esempio del Signore”. “A volte i contrasti, l’orgoglio, le invidie, le divisioni lasciano il segno anche sul volto bello della Chiesa”. Fra i nuovi cinque cardinali, anche un vescovo del Laos.


    VATICANO-CINA
    24 maggio 2017: ‘Cina, la Croce è rossa’, il Simposio di AsiaNews

    Bernardo Cervellera

    Il raduno in occasione della Giornata Mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina. Un titolo con molti significati: la Croce è rossa per il sangue dei martiri; per il tentativo di soffocare la fede nei controlli statali; per il contributo di speranza che il cristianesimo dà a una popolazione stanca di materialismo e consumismo e alla ricerca di nuovi criteri morali. A tema anche la grande e inaspettata rinascita religiosa nel Paese. Fra gli invitati: il card. Pietro Parolin, mons. Savio Hon, il sociologo delle religioni Richard Madsen, testimonianze di sacerdoti e laici cinesi.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®