4 Agosto 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 17/11/2008
SRI LANKA
Il Paese celebra le vittorie sulle Tigri tamil, ma dimentica morti e profughi
di Melani Manel Perera
L’esercito riconquista una postazione strategica da 15 anni in mano ai ribelli Tamil e prosegue nella sua avanzata nel nord dello Sri Lanka. Il presidente Rajapaksa ringrazia gli “eroici soldati” e ingiunge al Ltte di abbandonare le armi. Nessun riferimento alle migliaia di morti causati dalla guerra e alla situazione della popolazione. I cattolici affermano: “È vera vittoria quando c’è una pace permanente nel Paese, non semplicemente quando si conquista un territorio”.

Colombo (AsiaNews) - Il governo dello Sri Lanka ha indetto lo “Jayagrahee Ranaviru Upahara Sathiya”, una settimana di festeggiamenti per celebrare le recenti vittorie riportate dall’esercito. Nella mattina del 15 novembre le forze dello Sla hanno occupato Pooneryn, una delle roccaforti del Liberation Tigers of Tamil Eelam (Ltte)  nel nord del Paese. L’operazione militare ha permesso all’esercito di Colombo di riprendere il controllo di un postazione strategica nelle mani delle Tigri da 15 anni. Il 16 novembre anche le località di Kumalamunai e Mankulam sono tornate sotto il controllo dello Sla dopo anni di dominio del Ltte.

Nel dare l’annuncio dell’occupazione di Pooneryn, il presidente Mahinda Rajapaksa si è congratulato con gli “eroici soldati” e ha ingiunto subito al leader del Ltte, Valupillai Prabhakaran, di abbandonare le armi e sedersi al tavolo dei negoziati. Nella sua dichiarazione di sabato 15 novembre Rajapaska ha affermato: “Ora possiamo aprire una strada verso la penisola di Jaffna dopo molti anni”, riferendosi alla cosiddetta seconda guerra di Eelam dell’inizio degli anni ’90.

In varie località del Paese i sostenitori del presidente hanno subito salutato la notizia festeggiando. Con una conferenza stampa convocata nella mattina del 17, il governo ha invitato scuole, uffici e stabilimenti pubblici, ma anche i privati cittadini ad esporre la bandiera nazionale su edifici, case e veicoli e celebrare le forze militari per i loro recenti successi.

Tra i cattolici dell’isola sono però  molti a chiedersi se questa sia una vittoria da celebrare mentre sono ancora migliaia i civili che soffrono nel nord del Paese.

Fuori dalla messa domenicale nella chiesa di San Filippo Neri a Colombo, AsiaNews ha raccolto i commenti dei fedeli singalesi e tamil. “È vera vittoria - ha affermato uno dei presenti - quando c’è una pace permanente nel Paese, non quando si conquista soltanto un territorio”. Un uomo singalese che di recente ha visitato Jaffna commenta che “queste vittorie sono insignificanti se i nostri soldati stanno occupato questi territori liberati per se stessi come stanno facendo a Jaffna”.

Tra i cattolici molti rimproverano a Rajapaksa di non aver menzionato nel suo annuncio i morti tra la popolazione civile causati dalla guerra . Il padre di un militare ucciso lo scorso anno durante la battaglia di Toppogala critica il presidente che non ha dedicato “nemmeno una parola per chi ha sacrificato la sua vita per questa guerra non desiderata”.

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
08/11/2008 SRI LANKA
Il nuovo piano finanziario punta sul mercato interno e promette sviluppo
di Melani Manel Perera
02/01/2009 SRI LANKA
L’esercito conquista Kilinochchi, quartier generale delle Tigri Tamil
di Melani Manel Perera
16/06/2010 SRI LANKA
Colombo, matrimoni indù e cattolici per 53 ex Tigri Tamil
di Melani Manel Perera
06/02/2009 SRI LANKA
Lancio di pietre (e possibile espulsione) per la Croce rossa a Colombo
30/12/2009 SRI LANKA
Il governo rinvia la chiusura dei campi profughi tamil e l'inchiesta sui crimini di guerra
di Melani Manel Perera

In evidenza
CINA
Wenzhou, anche la Chiesa non ufficiale contro le demolizioni. La diocesi in digiuno
di Joseph YuanDopo la marcia del 90enne vescovo ufficiale mons. Vincent Zhu Weifang, il coadiutore mons. Peter Shao Zhumin e tutto il clero non ufficiale pubblicano una lettera aperta in cui chiedono di fermare la campagna di demolizione delle croci. Un appello ai cattolici “della Cina e del mondo intero” affinché si uniscano alla protesta, a sostegno della Chiesa cinese. Persino un vescovo illecito manifesta solidarietà con il clero del Zhejiang, contro gli atti del governo.
CINA
Wenzhou: Vescovo 90enne e 26 preti manifestano contro la demolizione delle croci
di Joseph YuanNon è la prima volta che l'anziano vescovo e i suoi sacerdoti si esprimono contro la campagna di demolizione di croci e chiese, che ha colpito oltre 400 edifici. La polizia ha cercato di disperderli e il gruppo ha presentato una petizione. La coroncina della Divina Misericordia a sostegno della Chiesa cinese. Entro il 31 agosto verranno abbattute le croci delle chiese nella zona di Lishui.
ISRAELE-IRAN
Dopo l’accordo sul nucleare, Israele dovrebbe diventare il miglior alleato dell’Iran
di Uri AvneryE’ la tesi del grande statista e pacifista Uri Avnery, leader del gruppo Gush Shalom, sostenitore della pace fra israeliani e palestinesi. Secondo Avnery, l’Iran desidera solo essere una potenza regionale e del mondo islamico, capace di commerciare con tutti, grazie alla sua raffinata e millenaria esperienza. Di fronte, rivolti al passato, vi sono le monarchie e gli emirati del Golfo. L’Iran può essere un ottimo alleato contro Daesh. Gli abbagli di Netanyahu e dei politici e media israeliani. (Traduzione dall’inglese di AsiaNews).

Dossier


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate