03 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 17/11/2008, 00.00

    SRI LANKA

    Il Paese celebra le vittorie sulle Tigri tamil, ma dimentica morti e profughi

    Melani Manel Perera

    L’esercito riconquista una postazione strategica da 15 anni in mano ai ribelli Tamil e prosegue nella sua avanzata nel nord dello Sri Lanka. Il presidente Rajapaksa ringrazia gli “eroici soldati” e ingiunge al Ltte di abbandonare le armi. Nessun riferimento alle migliaia di morti causati dalla guerra e alla situazione della popolazione. I cattolici affermano: “È vera vittoria quando c’è una pace permanente nel Paese, non semplicemente quando si conquista un territorio”.

    Colombo (AsiaNews) - Il governo dello Sri Lanka ha indetto lo “Jayagrahee Ranaviru Upahara Sathiya”, una settimana di festeggiamenti per celebrare le recenti vittorie riportate dall’esercito. Nella mattina del 15 novembre le forze dello Sla hanno occupato Pooneryn, una delle roccaforti del Liberation Tigers of Tamil Eelam (Ltte)  nel nord del Paese. L’operazione militare ha permesso all’esercito di Colombo di riprendere il controllo di un postazione strategica nelle mani delle Tigri da 15 anni. Il 16 novembre anche le località di Kumalamunai e Mankulam sono tornate sotto il controllo dello Sla dopo anni di dominio del Ltte.

    Nel dare l’annuncio dell’occupazione di Pooneryn, il presidente Mahinda Rajapaksa si è congratulato con gli “eroici soldati” e ha ingiunto subito al leader del Ltte, Valupillai Prabhakaran, di abbandonare le armi e sedersi al tavolo dei negoziati. Nella sua dichiarazione di sabato 15 novembre Rajapaska ha affermato: “Ora possiamo aprire una strada verso la penisola di Jaffna dopo molti anni”, riferendosi alla cosiddetta seconda guerra di Eelam dell’inizio degli anni ’90.

    In varie località del Paese i sostenitori del presidente hanno subito salutato la notizia festeggiando. Con una conferenza stampa convocata nella mattina del 17, il governo ha invitato scuole, uffici e stabilimenti pubblici, ma anche i privati cittadini ad esporre la bandiera nazionale su edifici, case e veicoli e celebrare le forze militari per i loro recenti successi.

    Tra i cattolici dell’isola sono però  molti a chiedersi se questa sia una vittoria da celebrare mentre sono ancora migliaia i civili che soffrono nel nord del Paese.

    Fuori dalla messa domenicale nella chiesa di San Filippo Neri a Colombo, AsiaNews ha raccolto i commenti dei fedeli singalesi e tamil. “È vera vittoria - ha affermato uno dei presenti - quando c’è una pace permanente nel Paese, non quando si conquista soltanto un territorio”. Un uomo singalese che di recente ha visitato Jaffna commenta che “queste vittorie sono insignificanti se i nostri soldati stanno occupato questi territori liberati per se stessi come stanno facendo a Jaffna”.

    Tra i cattolici molti rimproverano a Rajapaksa di non aver menzionato nel suo annuncio i morti tra la popolazione civile causati dalla guerra . Il padre di un militare ucciso lo scorso anno durante la battaglia di Toppogala critica il presidente che non ha dedicato “nemmeno una parola per chi ha sacrificato la sua vita per questa guerra non desiderata”.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    08/11/2008 SRI LANKA
    Il nuovo piano finanziario punta sul mercato interno e promette sviluppo
    Il presidente Rajapaska porta in parlamento il nuovo piano economico per il 2009. Contro “il processo di globalizzazione neo-liberale”, aumentano le imposte sull’importazione e diminuiscono quelle sui prodotti locali. L’abbattimento del costo della benzina e alcuni investimenti nella spesa pubblica trovano consenso tra la popolazione più povera.

    29/06/2016 11:35:00 SRI LANKA
    Sri Lanka, l’esercito ammette vi sia una lista di ribelli tamil arresi e scomparsi

    I nomi – alcune centinaia - non sono stati resi noti ancora, ma un alto funzionario ha ammesso che la lista esiste. Nelle fasi finali della guerra civile migliaia di giovani tamil hanno consegnato le armi. Di molti di loro si è persa ogni traccia e si teme siano stati uccisi in omicidi extra-giudiziali.



    02/01/2009 SRI LANKA
    L’esercito conquista Kilinochchi, quartier generale delle Tigri Tamil
    Il presidente Rajapaksa definisce il successo come una vittoria sul terrorismo mondiale. I ribelli del Ltte sono ora asserragliati nella giungla di Mullaitivu. Durante i primi festeggiamenti a Colombo un attacco suicida provoca la morte di tre persone e una trentina di feriti.

    16/06/2010 SRI LANKA
    Colombo, matrimoni indù e cattolici per 53 ex Tigri Tamil
    Grande festa al centro di riabilitazione Pampemadu per 41 coppie indù, 11 cattoliche e una protestante. “Un importante passo avanti dal punto di vista religioso, culturale e politico”.

    06/02/2009 SRI LANKA
    Lancio di pietre (e possibile espulsione) per la Croce rossa a Colombo
    Il leader del partito marxista chiede l’espulsione del capo della Croce rossa perché diffonde dati falsi sulle vittime della guerra e favorisce i ribelli. L’esercito afferma che oltre 1600 civili hanno raggiunto la zona di sicurezza. Gli organismi umanitari parlano ancora di 250mila civili intrappolati nell’area del conflitto.



    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®