29 Marzo 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 22/07/2005
PAKISTAN
Il Pakistan chiama alla "Jihad" contro l'estremismo islamico
di Qaiser Felix

Il presidente Musharraf invita la nazione alla "guerra santa"  contro i terroristi giustificando il giro di vite sulle madrasse. Venerdì di protesta dei partiti islamici, che invocano la libertà religiosa.



Faisalabad (AsiaNews) – In un discorso televisivo alla nazione il presidente pakistano Pervez Musharraf, ha condannato ieri sera il terrorismo, chiamato la nazione all'unità e provato a giustificare il giro di vite alle scuole coraniche nel paese, motivo di forti proteste da parte dei gruppi religiosi. Musharraf ha chiesto di unire le forze contro l'estremismo e combattere una "Jihad" (guerra santa) contro chi promuove la violenza nella società in nome della religione. Il presidente ha invitato il premier inglese Tony Blair a combattere insieme l'estremismo islamico annidato nei rispettivi paesi. "Qui abbiamo sicuramente un problema – ha detto Musharraf – e lo stiamo affrontando in modo molto forte". "Posso dire – ha continuato – che anche l'Inghilterra ha un problema che deve risolvere".

La pista pakistana per la tragedia del 7 luglio trova ogni giorno maggiori conferme; tre degli attentatori avrebbero ricevuto addestramento nelle scuole coraniche del Pakistan. Da 3 giorni Islamabad, sotto pressioni internazionali, ha dato il via a una serie di raid su scala nazionale nelle madrasse (scuole islamiche) e nelle abitazioni di sospetti militanti islamici. In 48 ore la polizia ha arrestato 228 religiosi e studenti musulmani. Il Governo ha annunciato, inoltre, che tutte le madrasse dovranno essere registrate entro dicembre di quest'anno. In Pakistan sono migliaia le scuole religiose; offrono educazione gratuita in alcune delle zone più remote e meno sviluppate del paese e le autorità spesso non ne conoscono i curricula di studio seguiti. Secondo il ministero dell'Educazione e degli Affari religiosi nel paese sono presenti tra le 8 mila e le 10 mila scuole religiose.

Il 19 luglio scorso, la Commissione elettorale del Pakistan ha annunciato, inoltre, che le registrazioni di candidati legati a gruppi militanti fuori legge non saranno accettate per le prossime elezioni dei governi locali.

La Muttahida Majlis-i-Amal (MMA) - influente alleanza di 6 partiti islamici – ha condannato le operazioni delle polizia, definite "un attacco alla libertà religiosa". Il gruppo ha annunciato per oggi, dopo la preghiera del venerdì, una manifestazione di protesta. Qazi Hussain Ahmad, presidente del MMA, ha dichiarato che "il generale Musharraf sta provando a guadagnare l'attenzione dei media internazionali con azioni controproducenti". Secondo il politico il Governo doveva consultare i partiti religiosi per condividere informazioni sulle scuole e i loro studenti nel tentativo di una soluzione pacifica al problema. In una dichiarazione congiunta i leader del MMA accusano il presidente di essere succube di Londra e Washington. Il ministro degli Interni, Aftab Sherpao, ha comunque assicurato che gli arresti sotto la legge anti-terrorismo continueranno.

Non tutti i musulmani aderiranno alla protesta. Pir Muhammad Ibrahim, direttore della madrassa "Jamia Rehmania Rinvia", ha detto ad AsiaNews di non essere preoccupato: "Il Governo non è contro tutte le madrasse, ma solo contro i militanti coinvolti in operazioni terroristiche". Ibrahim non parteciperà alle dimostrazioni indette dal MMA: "Non ne sento il bisogno; le madrasse che forniscono un elenco dei sospetti evitano i raid della polizia".

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
01/08/2005 PAKISTAN
Pakistan, partiti islamici: no all'espulsione degli stranieri dalle madrasse
di Qaiser Felix
08/07/2005 PAKISTAN
Bombe a Londra, i musulmani pakistani temono ritorsioni
23/01/2006 PAKISTAN
Pakistan: arrestato religioso islamico, assassino di un giovane cattolico
di Qaiser Felix
07/07/2005 VATICANO - GRAN BRETAGNA
Papa: attentati a Londra "atti barbarici contro l'umanità"
02/09/2005 BANGLADESH
Bangladesh, Governo indaga sui finanziamenti delle Ong islamiche

In evidenza
IRAN
E’ ora di giungere all’accordo con Teheran, partner affidabile nella lotta contro lo Stato islamico
di Bernardo CervelleraUna bozza di accordo sul nucleare iraniano dovrebbe essere pronta per il 31 marzo. Ma i repubblicani Usa, Israele e l’Arabia saudita sono nettamente contrari. I motivi “secondari” della loro opposizione. Con Hassan Rouhani l’Iran vuole tornare nell’alveo della comunità internazionale. La funzione mediatrice di Teheran in Medio oriente. Il nunzio vaticano: “Non vi è una sola prova che l’Iran stia preparando una bomba nucleare”.
CINA-VATICANO
ULTIMO'ORA: La polizia cinese rapisce due sacerdoti a Mutanjiang
di Bernardo Cervellera
CINA-VATICANO
Niente brindisi fra Cina e Vaticano: Pechino vuole il dominio assoluto
di Bernardo CervelleraPer il Global Times (Quotidiano del popolo) alla Cina non piacciono le ordinazioni episcopali concordate, "modello Vietnam". Imbarazzo del Ministero cinese degli esteri di fronte ai mille passi della Santa Sede. La Cina vuole che il Vaticano accetti tutti i vescovi scomunicati e faccia silenzio su quelli sotterranei e imprigionati. Il caso di mons. Cosma Shi Enxiang. Senza libertà religiosa non vale la pena avere rapporti diplomatici. Lavorare per la missione e l'unità dei cattolici in Cina. Un lavoro per Xi Jinping: attuare la campagna anti-corruzione verso il ministero degli affari religiosi e l'Associazione patriottica, arricchitisi in questi decenni alle spalle dei cristiani.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate